LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tuscia. Siti archeologici nel degrado. Interessa solo alle associazioni
Alessandro Bruni
Corriere di Viterbo 12/12/2011

Le istituzioni latitano, in campo "Archeotuscia" e "Il cerchio di Demetra"

VITERBO - Siti archeologici del viterbese abbandonati: le associazioni si mettono in prima linea per la salvaguardia del patrimonio storico della Tuscia. Lo stato miserabile delle necropoli etrusche della Tuscia, un vero e proprio tesoro archeologico, ha spinto alcune associazioni del Viterbese a impegnarsi in prima linea per porre un freno al terribile degrado dei siti. Archeotuscia onlus è un'associazione che da ormai sei anni si occupa di promuovere la ricerca, la tutela e la gestione dei siti di interesse archeologico, monumentale, artistico e paesaggistico nel territorio della Tuscia, in collaborazione, quando possibile, con tutti gli enti ed associazioni che perseguono lo stesso scopo. Proprio in quest'ottica di collaborazione, Archeotuscia ha di recente firmato una convenzione con autorità comunali, provinciali e soprintendenze, per la cura di alcuni dei più significativi siti archeologici della piscia: le necropoli rupestri di Castel d'Asso e Norchia. "In realtà cercavamo di stipulare questa convenzione da ormai due anni - dichiara Rodolfo Neri, socio di Archeotuscia - l'ultimo tentativo si era infranto contro il rifiuto, da parte delle autorità regionali, di dedicare ulteriori fondi alla cura delle aree patrocinate. Quindi abbiamo proposto questa nuova convenzione, consci di come la drammatica situazione economica dei diversi enti non permetta l'attribuzione di risorse di alcun genere. Per il momento, quindi, a finanziare gli obiettivi di Archeotuscia ci sono solo la passione e la buona volontà dei nostri soci, con la speranza che in futuro si rendano disponibili nuovi fondi. Per l'area di Castel d'Asso abbiamo già in progetto la realizzazione di un muro di recinzione fronte strada di 35 metri circa, con un cancello di 6 metri, in modo da permettere l'accesso ai soli pedoni. Questa iniziativa nasce dalla constatazione di come l'area venga trattata da molti alla stregua di una discarica, dove andare a scaricare rifiuti pesanti di ogni tipo. Purtroppo il nostro territorio è molto poco conosciuto, anche agli stessi viterbesi, che, a volte, non sanno quante e quali ricchezze archeologiche siano sparse nelle campagne della Tuscia. Come possiamo pretendere che i turisti vengano a visitare Viterbo, quando le aree di maggior interesse non solo sono trascurate dai cittadini, ma vengono addirittura trattate alla stregua di immondezzai? Per combattere questa ignoranza, Archeotuscia si impegna anche sul fronte dell'educazione culturale del cittadino, proponendo ogni domenica delle visite guidate, del tutto gratuite, attraverso le più belle aree archeologiche del Viterbese". Un'altra associazione che si occupa della cura dei siti storici della Tuscia è il “cerchio di Demetra", un gruppo di iniziativa sociale che non solo si adopera nella manutenzione delle aree archeologiche, ma financo vuole promuoverli con iniziative culturali e artistiche. "Come iniziativa sociale - dichiara Gianni Pelosi, membro de "Il cerchio di Demetra" - volevamo esprimere il sentimento condiviso di profonda indignazione per lo stato di terribile abbandono che colpisce alcuni dei luoghi più storicamente significativi del territorio viterbese. Di fronte all'incuria disarmante di alcuni siti, dallo scorso ottobre ci siamo attivati per operare, in prima persona, interventi di manutenzione semplici ma indispensabili. Il tumulo centrale del tempio di Grotta Porcina, ad esempio, era trascurato al punto che la segnaletica turistica era scomparsa del tutto, inghiottita dall'avanzare del sottobosco. Per chi non conosce l'esatta posizione, il sito è quasi impossibile da trovare, dato che il percorso d'accesso è ridotto ad un solco scavato dall'acqua e dalle moto da cross che continuano indisturbate a violare la pace del tempio. Stesso discorso per Norchia, più facilmente accessibile, ma egualmente afflitto da una terribile incuria: cespugli ed erbacce coprivano ovunque gli accessi alle tombe, rendendo ancor più arduo il già non facile percorso tra le rocce della necropoli. Noi de 'Il cerchio di Demetra' ci eravamo stancati di appellarci alle autorità per denunciare le condizioni dei siti, quindi ci siamo mossi in prima persona, in maniera quasi clandestina, definizione paradossale visti i nostri intenti. La nostra attività come associazione si basa principalmente su tre concetti: i cittadini devono prendersi cura del proprio territorio in prima persona e direttamente; in un periodo di grande crisi come l'attuale, rispolverare il passato aiuta a riflettere sul presente, da una prospettiva diversa; i luoghi della storia non andrebbero solo ripuliti e curati, ma anche valorizzati da iniziative artistiche di carattere rievocativo, adatte a diffonderne la conoscenza attraverso il tessuto sociale. A tal proposito, la nostra associazione ha già organizzato, a novembre, un evento di arte e musica nell'area del tempio di Demetra, mentre stiamo già lavorando per promuovere nuove iniziative, sempre nell'ottica della rivalorizzazione del territorio".



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news