LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Disastro Urbani. Non c' pi un euro ai beni culturali
Vittorio Emiliani
L'Unit 12/1/2005

Il caso La Regina, al quale il ministro "inesistente", cio Urbani, sta affannosamente applicandosi, potr anche venire, in qualche modo, risolto. Con un arrangiamento. Ma soltanto la punta emergente di un autentico disastro : quello del Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali dopo un triennio ormai di
cura-Urbani. L'ex soprintendente ai Beni Archeologici di Roma, Adriano La Regina, era stato trattenuto in servizio al compimento dei 67 anni e "prorogato" per altri tre su intervento diretto di Giuliano Urbani. Il quale per, secondo la sua
Ragioneria, ha usato una procedura sbagliata non dando luogo ad una sia pur minima interruzione del rapporto tra il professor La Regina e il Ministero. Secondo altri invece, non ci sono proprio gli euro per remunerarlo nella nuova veste di "soprintendente speciale" ai beni archelogici della capitale perch delle due l'una: o il Ministero assume i 39 tecnici (soprattutto architetti e ingegneri) reclamati dalle Soprintendenze del Nord oberate di lavoro e allora non ci sono fondi per le "proroghe" speciali ; oppure non li assume o ne assume di meno, e il livello della tutela si abbassa ancor pi. "In realt si abbassa in ogni caso perch il definitivo allontanamento di un personaggio come Adriano La Regina si ripercuote negativamente
sulla cultura e sulla operativit della salvaguardia a Roma, e non parlo dei soli beni archeologici", osserva Giuseppe Chiarante, presidente della "Bianchi Bandinelli" e per molti anni coordinatore del Consiglio Nazionale dei Beni culturali. "La sua presenza infatti ha garantito un disegno strategico, anche urbanistico, di vasto respiro".
Da Firenze intanto rimbalzata un'altra notizia grave e non meno sintomatica del "disastro" Beni culturali :non ci sono fondi per confermare fino ai 70 anni neppure la direttrice uscente degli Uffizi, Anna Maria Petrioli Tofani, e quindi la stessa se ne va. Dagli Uffizi e dall'Italia avendo subito ricevuto incarichi prestigiosi negli Usa. "Caro ministro, la sua gestione non ha prodotto per il momento nulla di buono, n di concreto", ha scritto di recente Libero Rossi segretario della Cgil Beni culturali al ministro che, sempre modesto, si era appena vantato sulla stampa di aver fatto per il settore "pi che negli ultimi cinquant'anni". "Col suo s al condono ambientale e paesistico, Urbani", rincara Rossi, "ha finito di esistere". Se mai fosse esistito. Si sa che Urbani ha accettato molto di malavoglia la destinazione al Collegio Romano (avrebbe amato finire in Viale Mazzini, alla presidenza della Rai). Agli inizi ha dovuto convivere con un sottosegretario imprevedibile come Sgarbi subendone le esternazioni a volte insultanti. Poi
riuscito a liberarsene. Ma rimasto in una sorta di vuoto pneumatico. Riempito da un plotone di consulenti e da un accentramento burocratico mai visto : mentre si chiacchierava di "devoluzione" e di "federalismo", al Ministero si nominavano ben 46 dirigenti centrali rispetto agli 8 che avevano Veltroni e Melandri (potendone promuovere 10).
"E adesso il ministro ha nominato altri cinque dirigenti centrali di staff", rincara un altro segretario del sindacato di settore, Gianfranco Cerasoli della Uil. "Assumono questo ruolo, fra gli altri, le segretarie-capo dei sottosegretari Bono,
Pescante e cos via". Qualcuno vi aggiunge, dato folkloristico (ma economicamente pesante) la formidabile moltiplicazione dei telefonini in dotazione a carico del Ministero, che con Giovanna Melandri era in tutto tre. "Inoltre", chiarisce il segretario della Uil, "si sono create nuove Soprintendenze quali quelle di Lecce, per compiacere il sindaco Poli Bortone di An, e di Lucca, per fare un favore al presidente del Senato, Pera. Attenzione per : in genere i posti di dirigenziali negli Archivi e nelle Soprintendenze sono stati ridotti, alla faccia della tutela
del territorio." Quant' costata la "riforma" del vertice dei Beni culturali voluta dal governo Berlusconi, cio questa abbuffata dirigenziale centrale? Secondo i sindacati, 1.358.967,25 euro, cio 2 miliardi 313 milioni lire. E doveva essere a costo zero, ovviamente.
Tutto ci mentre non ci sono euro n per altra spesa corrente n per i restauri. Il cosiddetto decreto taglia-spese di luglio ha ridotto del 46 per cento le spese di funzionamento e del 26 per cento quelle di investimento. Poi, in sede di legge finanziaria, intervenuto un altro taglio del 10 per cento. Un Ministero tornato in serie B, o peggio. Lo stesso fondo speciale proveniente dal Lotto del mercoled - una "invenzione" di Veltroni - che portava una bella dote alle Soprintendenze e ai
loro progetti per i restauri ha subito una netta mutilazione (si parla addirittura del 50 per cento). Come i proventi dell'8 per mille destinato dai contribuenti allo Stato e in passato smistato in buona parte al decoro del Bel Paese e alla sua
maggiore attrazione turistica. Quanto pesino queste secche riduzioni di fondi lo si pu vedere da una recente indagine della Corte dei conti su di un ampio numero di Soprintendenze di settore : quasi il 75 per cento dei loro finanziamenti impiegati
nei restauri venivano da leggi speciali, essenzialmente da Lotto e 8 per mille. Un vero e proprio dissanguamento. Che va a tamponare la spesa corrente, a quanto pare. Come mangiarsi il grano in erba.
In parallelo, al di fuori dal Ministero e dei suoi organismi tecnico-scientifici, Urbani ha creato, insieme al collega Pietro Lunardi patron delle Grandi Opere, una societ per azioni, l'Arcus, alimentata con le somme fornitele dal 3 per cento sui
finanziamenti destinati alle grandi infrastrutture. In qualche modo, somme "figlie della colpa" visto che autostrade, trafori, pedemontane, tangenziali producono guasti nel paesaggio per lo pi irreparabili. Esse presentano per il vantaggio di
dribblare le Soprintendenze e ancor pi i Comitati di settore del Ministero, dai quali invece devono passare tutti i progetti di restauro "normali" degli organismi di tutela. Nei mesi scorsi l'Arcus, presieduta dall'ex capo di gabinetto di Urbani,
Mario Ciaccia, ha distribuito a pioggia i suoi primi 36 milioni di euro occupandosi anche di finanziamenti diretti ad attivit musicali (attivit, non edifici come teatri, auditorii, ecc.). E, guarda caso, 6,32 milioni di euro, un buon 17,5 per
cento del totale, sono finiti a Parma, forse in omaggio al ministro stesso delle Infrastrutture, Lunardi, o forse perch c' un'amministrazione di centrodestra, la sola importante nella regione.
Del resto, la destinazione di queste ingenti somme la decidono, di fatto, i due ministri. Non c' nessun Comitato tecnico di settore, n Consiglio Superiore dei Beni culturali ad operare controlli, verifiche, tutte quella noiose procedure
insomma della democrazia. Per non avere fastidi di sorta, il ministri Urbani ha provveduto a sterilizzare completamente il vecchio Consiglio Nazionale dei Beni culturali "epurandone" il vice-presidente Chiarante, rieletto alla unanimit. Ha
nominato tre suoi componenti di fiducia e poi l'ha chiuso. Quello rieletto e rinominato nel 2004 non mai stato convocato. Ora si andr a rivotarlo con le norme previste dal nuovo Codice il 10 febbraio. E allora l'Arcus, braccio esterno e
autonomo del duo Urbani-Lunardi, torner anche pi utile. A lor signori. "E' una delle situazioni pi gravi di delega a privati di compiti chiaramente istituzionali", deuncia ancora Chiarante.
Per la verit, pure le nomine operate dal Ministero, a raffica, non paiono tutte improntate a criteri di professionalit inattaccabili. Nelle direzioni centrali regionali c' stata, per esempio, un'ampia immissione di quadri amministrativi che
di un restauro o di un vincolo conoscono forse i costi ma niente pi. Con la pressoch totale esclusione degli storici dell'arte, una figura che, del resto, anche il ministro Moratti stava eliminando assieme alle lauree specialistiche, assieme alla tradizione dei Corrado Ricci, degli Adolfo Venturi, dei Roberto Longhi, dei Brandi, degli Argan, degli Gnudi, dei Carli e cos via. Robetta. In Piemonte il ministro ha paracadutato, cosa mai vista, il capo della sua segreteria, Mario Turetta. In giro per l'Italia sono stati designati a posti di rilievo archeologi
classificatisi al ventiseiesimo posto nelle graduatorie del concorso o tecnici nemmeno annoverati, addirittura, fra i 64 architetti "idonei". Addio regole, addio procedure, addio garanzie tecnico-professionali.
Non si pu concludere senza ricordare i trasferimenti nel nulla inflitti a soprintendenti che avevano avuto il torto di esporre le loro critiche, o delle lettere di richiamo subito spedite ad altri che avevano espresso le loro motivate opinioni. Come si vede, il caso La Regina, grave, gravissimo in s, la spia di una autentica devastazione in atto.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news