LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi, Petrioli Tofani lascia la direzione
Marco Ferri
Giornale della Toscana, 11/1/2005

La notizia l'ha appresa ieri mattina. Scritta su un fax giunto da Roma: la domanda di prolungamento della permanenza in servizio fino al 2007, è stata rifiutata dal ministero per i Beni e le Attività Culturali. Così Annamaria Petrioli Tofani va in pensione e lascia la direzione della Galleria degli Uffizi. «Mi dispiace di lasciare un lavoro - ha dichiarato la studiosa - al quale ho dedicato tanta parte della mia vita e sono anche dispiaciuta di non poter vedere la conclusione del progetto dei Nuovi Uffizi al quale ho lavorato dall'inizio del mio direttorato». In queste poche parole, che rispecchiano la sua natura di donna semplice, c'è tutta l'amarezza per un lavoro, a parer suo, non finito. Eppure Annamaria Petrioli Tofani, personalità scientifica di valore mondiale, durante i 37 anni trascorsi agli Uffizi, si è tolta tante soddisfazioni. Tra gli interventi più significativi basta ricordare la redazione del progetto dei Nuovi Uffizi presentato nel 1989, il velocissimo recupero della Galleria dopo l'attentato del 27 maggio 1993, i molti restauri avvenuti nel museo, la costituzione dell'associazione degli Amici degli Uffizi. La Petrioli era entrata agli Uffizi nel 1967 come funzionaria del Gabinetto Disegni e Stampe del Prestigioso museo; esattamente 20 anni dopo, nel 1987, era diventata direttrice iniziando quella che ha sempre considerato una bellissima esperienza. Negli ultimi anni, tuttavia, una delle tematiche principali del suo operato, era il costante confronto con il Soprintendente al Polo Museale Fiorentino, Antonio Paolucci. Talvolta tra di loro si è arrivati persino a una sorta di prova di forza, come in occasione della mostra su Botticelli e Filippino Lippi (prima a Parigi poi a Firenze). Da brava storica dell'arte e, al tempo stesso direttrice del museo più famoso del mondo, la Petrioli non ha mai fatto mistero che le stava soprattutto a cuore la tutela e la conservazione delle opere d'arte. E in tal senso, i microtraumi a cui dipinti e disegni sono sottoposti durante i trasporti o le esposizioni in altra sede (in occasione di mostre), non le danno pace. Ciò nonostante, le opere hanno continuato a uscire dagli Uffizi lasciando imbarazzanti pareti vuote nelle sale d'esposizione, sulle quali spesso si leggeva un semplice volantino: «D'ordine della Soprintendenza, l'opera si trova esposta a..... ». Insomma la Petrioli non ha mai rifiutato il confronto con Paolucci, neanche quando definì «un errore museografico» l'idea del Soprintendente di togliere le opere dal Corridoio Vasariano, nell'ambito di una generale risistemazione delle opere. In diverse occasioni il confronto tra la Petrioli Tofani e Paolucci ha assunto dei toni tra il grottesco e il macchiettistico, sopportabile solo per il fatto che la posta in gioco è una parte di quell'immenso patrimonio custodito agli Uffizi. Il vuoto che si creerà a fine mese al terzo piano degli Uffizi aprirà necessariamente il dibattito sulla sua successione. «Nominerò io il successore della direttrice Petrioli Tofani - ha detto il Soprintendente Paolucci - ma c'è tutto il tempo. Ci penserò. Un commento? È finito il suo tempo - ha proseguito - cambiano le persone, gli stili ma l'importante è che rimangano le istituzioni e che queste funzionino». L'ipotesi più accreditata, a questo punto, è che invece a fine mese Paolucci assuma anche la direzione della Galleria degli Uffizi - un caso simile è già accaduto negli anni Settanta con il soprintendente Luciano Berti - per tenerla un paio di anni finché non sarà lui ad andare in pensione, preparando il passaggio delle consegne ai due più accreditati candidati: Antonio Natali (direttore dipartimento '500 e '600) o Alessandro Cecchi (direttore dipartimento '300 e '400). Anche se da più parti le è stato consigliato di riposarsi, Anna Maria Petrioli continuerà a seguire, naturalmente solo a livello scientifico, l'attività del Gabinetto disegni e stampe, di cui è stata direttrice dal 1981 al 1987 e, soprattutto, si dedicherà al nuovo prestigioso incarico di Kress professor offertole dalla National Gallery di Washington, occupandosi di didattica e di ricerca.




news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news