LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA- Polo archeologico senza soprintendente - Il governo taglia i fondi e si rimangia la decisione di prorogare l'incarico ad Adriano La Regina
Alessandra Rubenni
L'Unit



Un volgare problema di contabilit. Due conti che non tornano al governo Berlusconi e al vertice della Soprintendenza Archeologica di Roma, la pi importante del mondo, resta una poltrona vuota. Il soprintendente Adriano La Regina, per 27 anni angelo custode di un patrimonio culturale inestimabile, di punto in bianco non pi in servizio.
Il colpo di scena arrivato con una direttiva della Presidenza
del Consiglio (la circolare 5 del 2004) sulle proroghe agli alti f unzionari della pubblica amministrazione. Ed il caso del Professore, che era rimasto al suo posto grazie a una legge approvata proprio allo scadere del suo incarico, lo scorso luglio. Questo il succo: trattenere in servizio un dirigente come procedere a una nuova assunzione e i fondi per le assunzioni del 2005 sono gi finiti. E se la cassa vuota anche la guida della Soprintendenza pu finire allo sbando.

Lo sciagurato gioco del tira e molla comincia la scorsa estate. Come d'improvviso, ci accorge che il Soprintendente La Regina, secondo le regole burocratiche, a un passo dalla pensione. Nessuno sa come sar possibile sostituire una figura del suo calibro, ma in extremis il Senato approva una legge (la 186 del 2004) che consente di prorogare l'incarico degli alti f unzionari della pubblica amministrazione fino al settantesimo anno di et. In questo modo, il lungo "regno" di La Regina ha davanti a s altri tre anni.
Il ministro Urbani firma il provvedimento e in molti tirano un sospiro di sollievo. Lo stesso ministro, il 24 dicembre, rende note le nuove nomine dei soprintendenti. E il nome del Professore sempre al suo posto, negli splendidi uffici che affacciano sul Palatino.

Ma la macchina presidenziale ha gi sterzato in un'altra direzione. Secondo la direttiva della Presidenza del Consiglio, che stata pubblicata sulla Gazzetta del 23 dicembre, tutti i casi di trattenimento in servizio vanno compresi nella riprogrammazione delle assunzioni. E al momento non c' disponibilit di fondi, per cui abbiamo dovuto revocare tutte le disposizioni di proroga, spiega il responsabile del personale del Ministero dei Beni Culturali, Mauro Cotone.

L'atto stato quindi subito notificato al Soprintendente La Regina, che non pi in servizio dal 29 dicembre. Del resto - prosegue il funzionario - le modalit per le assunzioni sono sempre le stesse: le pubbliche amministrazioni ne fanno richiesta e tutto dipende dalla Presidenza del Consiglio. Si pu assumere in base ai fondi stanziati di volta in volta con un Dpr e per tutto il 2005 il fondo esaurito.

Questioni di ragioneria, dunque, che spalancano di colpo una voragine nel cuore pulsante della Capitale. Quella citt antica per la quale il professor La Regina non si stancava di lanciare l'allarme, sempre pi drammatico, per la mancanza di investimenti nella tutela. Ebbene, adesso nel Belpaese mancherebbero addirittura i soldi per pagare il suo stipendio. E per coprire il suo posto bisognerebbe pescare in quattro e quattr'otto qualcun altro. Epilogo davvero triste, in ogni caso, alla fine di un'epoca. L'epoca del signor no, come lo soprannomin l'allora sindaco Rutelli, quando il soprintendente si oppose all'edificazione di Tor Marancia, destinata a parco archeologico. Cos come fu lo stesso La Regina a salvare dalla cementificazione l'ex aeroporto di Centocelle.

Di questo passato che resta alla citt, oltre agli scempi scongiurati con le armi della competenza e dell'autorevolezza, c' l'ampliamento del museo romano, con l'apertura delle sedi di Palazzo Massimo, Palazzo Altemps e della Crypta Balbi. Ci sono i restauri di grandi monumenti antichi e le tante battaglie che hanno lasciato il segno, come quelle contro i maxi teloni pubblicitari nelle zone pi belle della Capitale. Ma anche il futuro, probabilmente, porter la sua traccia, a partire dai progetti gi avviati, come quello per il Parco Archeologico. E un giorno, forse, quel segno lo si riconoscer anche in una nuova via dei Fori Imperiali, trasformata in un leggero ponte, a sovrastare tutti i viottoli di una ritrovata Roma antica.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news