LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO: La biblioteca va in esilio
LUCIO FORTE
Repubblica, ed. Palermo



Qualche settimana fa un pediatra svizzero venuto a Palermo per consultare alcune pagine storiche riguardanti la sua professione, ha avuto una doppia delusione al settore "Periodici" della "Biblioteca centrale" di corso Vittorio. La
prima quando ha appreso con sorpresa che qui, a differenza alla più modesta omologa istituzione di un paesino presso Zurigo, il sabato non si soddisfano richieste di consultazione di riviste e volumi di alcun genere-
IL SECONDO disinganno, che ha patito il lunedì successivo, prima di tornarsene in patria, quando la raccolta che lo interessava si interrompeva all'improvviso. Infatti, il medico elvetico provò a chiedere, invano, di consultare la raccolta di un periodico appena successivo a quello contrassegnato come "Estinto numero 873" e la cui testata suona suppergiù "Jahresbericht uber die Leistungen". Roba di fisiologia d'epoca, chimica farmacologica e altri simili argomenti. Una collezione con la quale comincia il vuoto assoluto.
Ne parliamo anche perché ci pare giusto avvisare gli eventuali visitatori, studiosi e non, siciliani o forestieri, che sarà tempo o viaggio sprecato chiedere ora in consultazione uno qualunque dei periodici, appunto "Estinti" o "Sospesi", che anche all'estero risultano proprietà preziosa della Bcrs, che siano compresi tra il triste numero 873 e il 1895, di molto successivo.
Spiegare come e perché ciò possa accadere richiederebbe diverse pagine di giornale. Abbreviamo dicendo che il colpevole principale è lo spazio mancante. Un colpevole per modo di dire, e ovviamente non condannabile, visto che non esiste. Mentre rimane imputabile del gravissimo inconveniente chi, da solo o in compagnia, abbia fatto sì che la storia di quei periodici inconsultabili sia andata come ce l'hanno raccontata.

Accadde infatti che qualche anno fa, dato appunto l'introvabile spazio, fu effettuata una drastica divisione materiale, forse per niente preceduta da una cernita culturalmente meditata, tra i periodici che dovevano restare all'ex Collegio Massimo dei Gesuiti — dove carretti e strascini avevano cominciato a trasferirli in parte dall'Abbazia di San Martino intorno al 1870—e quelli che dovevano ritornare in un specie di fredda segreta del medesimo convento. Complesso che una volta ospitò anche un quasi riformatorio per giovani devianti. E dove ora giacerebbero malamente affastellate (in merito possediamo un foto che in primo piano ne riproduce alcune sventrate) le oltre quattrocento grosse casse di cartone legate con lo scotch che contengono i suddetti Periodici Sospesi o Estinti, e per i quali questi termini anticipano foschi esiti di sopravvivenza.
La pubblicazione di queste righe ci da l'occasione di avvertire della permanenza dello statu quo un'amica scrittrice che ogni tanto va ai "Periodici" sperando di ritrovare disponibili le copie per lei importanti de "La Sicile IIlustrèe" del 1904, tanto infelicemente contrassegnate col num-ro di "esilio" 974. Un'altra richiesta in merito sortirebbe il solito gentile «l'opera da lei richiesta per ora è fuori posto». E figurarsi se non è fuori posto un freddo sotterraneo a San Martino. Una situazione sulla quale c'è poco da babbiare. Con un verbo il cui rango semantico pare che vada dal fare facile ironia fino a un agire vacuo di intenti e contraddistinto dalla pervicace volontà di girare a vuoto intorno a obiettivi importanti.
Anche se forse per l'ironia della sorte sono rimasti nella disponibilità dell'utenza — adesso finalmente per cinque giorni a settimana — proprio tutti i periodici umoristici dell'Ottocento e del Novecento. Anch'essi tristemente estinti.
Ma rari e preziosi, come li hanno definiti il precedente assessore ai Beni culturali e i vertici del dicastero, nel presentare una bella pubblicazione regionale dedicata proprio a tali collezioni introvabili in altre biblioteche. Quelle di "Piff Paff", de "Il Marpio, umorìstico pupazzettato", del "Po'Tu cuntul " Quest'ultimo con sottotitolo "E chiddu ca un ti piaci ti lu canciu". E ancora le altre di "Me ne impipo" e di "Giufà". Ma soprattutto la divertente raccolta dello storico "II Babbìo".
Per cui ora è facile domandarsi se, in concomitanza con l'attuale immeritata sorte di tanti periodici "fuori posto", non sia stata forse una specie di gaffe fare partecipare la Bcrs alla Fiera del Libro di Torino 2004 con una pubblicazione davvero speciale. Ma che, nel suo volere essere patinata vetrina di ciò che di storicamente satirico la nostra cara Biblioteca possiede, reca come titolo proprio "II tempo del babbìo."
LUCIO FORTE



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news