LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA E REPERTI RUBATI: Archeologia pi bookshop meno falsari
AMELIA CRISANTINO
La Repubblica, ED. Palermo


Nei giorni scorsi, il bilancio di fine anno tracciato dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio artistico ha reso visibile un settore economico di cui raramente si parla, che pu vantare dati sorprendenti.
Pare che in Sicilia il traffico di reperti archeologici sia addirittura superiore a quello di Egitto e Siria, un mercato sorpassato solo da quello della droga e dove le organizzazioni criminali potrebbero presto pensare di mettere le mani. A parte la sorpresa per un aspetto fiorente dell'economia isolana ufficialmente dichiarato indenne dalle infiltrazioni criminali, i dati rivelati dai carabinieri ci suggeriscono un paio di considerazioni.
La prima sulla tipologia del settore. Ne fanno parte i tombaroli, gli intermediari, ma soprattutto ci sono gli artigiani che ricreano i reperti. Di fronte ad una domanda che supera di molto l'offerta si possono fare delle copie, con tanto di certificato. Oppure rifornire il mercato clandestino. In entrambi i casi si tratta di specialisti che possono vantare un'invidiabile professionalit, non sembra che conoscano crisi occupazionali.
INTUIAMO che il mercato clandestino sar pi danaroso di quello legale, ma quest'ultimo ha potenzialit enormi. Per immaginarle, ci basti pensare che il bookshop del Louvre uno degli affezionati clienti degli artigiani che lavorano la "terracotta antichizzata". Perch a Parigi e ovunque in Europa, in America e persino in qualche privilegiata realt italiana, i negozi acclusi ai musei vendono ottime riproduzioni, ma anche libri e oggetti ispirati alle collezioni. In citt molto attente alla loro immagine sono fra i negozi pi belli, e i pi rispondenti alle esigenze di un turismo colto e mediamente danaroso.
Torniamo in Sicilia, dove la somma fra la bravura artigianale e la ricchezza del patrimonio archeologico potrebbe originare un piccolo miracolo economico.
Non pensiamo a niente di particolarmente originale. La legge Ronchey, che prevede l'affidamento ai privati dei servizi aggiuntivi nei musei, del 1993. Perch non si parla pi della sua applicazione? Creare un vivace mercato legale porterebbe innegabili vantaggi diffusi, ma ai nostri amministratori l'archeologia deve sembrare materia ostica. Buona per qualche slogan, o come sfondo per eventi cultural-mondani. E non si tratta solo dell'ultima amministrazione, diciamo che una certa disattenzione ha accomunato i diversi governi regionali. La tutela di una parte tanto importante del nostro patrimonio, che dovrebbe essere uno dei punti qualificanti dell'esistenza stessa della Regione, stata effettuata da Soprintendenze con gli uffici semivuoti. Perch, nonostante le molte migliaia di impiegati, alla Regione gli archeologi sono una merc piuttosto rara.
Prima di un concorso bandito nel 2000, molto lento e la cui graduatoria definitiva stata da poco pubblicata, l'ultima selezione per dirigenti tecnici archeologi risale al lontano 1984. Da allora s' andato avanti alla meno peggio, campando alla giornata e mettendo pezze. I lavori di scavo, inventariazione e schedatura dei materiali rinvenuti sono stati effettuati da ditte private e collaboratori esterni, spesso giovani archeologi che per lavorare accettavano contratti temporanei poco qualificanti. Si cos formata una sacca di precariato specializzato che a livello individuale ha subito notevoli danni, senza contare l'enorme spreco di competenze. E l'azione di tutela del patrimonio archeologico rimasta nel limbo delle buone intenzioni, continuando ad accumulare ritardi: al punto che oggi la banca dati dei beni archeologici esiste in teoria, dal momento che comprende solo schede cartacee.
Per, tutto bene quel che finisce bene, no? In fondo, il concorso del 2000 prevede l'assunzione di 70 archeologi. Peccato che anche in questo caso una certa superficialit abbia guidato le scelte. Che la professionalit maturata in anni di scavi e catalogazioni sia stata cancellata, a favore di bu-rocratiche anzianit alle dipendenze della pubblica amministrazione. Che resti la sgradevole impressione di una politica buona solo a ridurre e mortificare. Solo a titolo di esempio, vediamo i titoli necessari. Mentre altrove in Italiaper accedere al ruolo di archeologo bisogna avere una laurea in lettere classiche e successiva specializzazione, in Sicilia le cose cambiano. Basta togliere l'aggettivo classiche, la specializzazione che diventa un anno di frequenza, e tutto diventa pi facile. Una logica da condono edilizio, che squalifica e poco ha da spartire con l'archeologia, la tutela del patrimonio, lo sviluppo del territorio.
AMELIA CRISANTINO



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news