LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardella diventa soprintendente a Bari
Pasquale Esposito
Il Mattino 09/01/2005

09/01/2005


«Se posso, farò sempre qualcosa per questa che è la mia città anche se sono nata altrove: ma è qui che ho finito il liceo, qui ho studiato all’Università, qui sono arrivata alla Soprintendenza dopo aver vinto un concorso pubblico nel 1979».
Mimma (Filomena) Sardella, direttrice di Palazzo Reale, lascia l’incarico dopo la promozione a soprintendente di Bari per il Psae (Patrimonio storico, artistico, etnoantopologico): la gioia per un riconoscimento professionale ambito, e meritato sul campo, si mischia al rimpianto, confessato, di dover lasciare una sede prestigiosa come Palazzo Reale («uno dei più belli del mondo, un luogo della storia, della nostra storia, un simbolo») e una città nella quale ha accompagnato con competenza di studiosa e gentilezza di modi i fermenti di rinascita e di valorizzazione dell’arte e della storia.

«Lascio un lavoro lungo e prezioso, svolto per tanti anni, dopo il mio primo incarico da direttore del catalogo a Cosenza. Dal ’79 sono da queste parti, ho lavorato con cinque soprintendenti a Palazzo Reale, da Aldo Grillo a Giovanni Messe, a Mario De Cunzo, a Giuseppe Zampino, e Enrico Guglielmo».

Nel momento del commiato non dimentica il lavoro svolto con Mario De Cunzo («Aveva un entusiasmo raro, motivava chi si impegnava, lo lodava») e con Giuseppe Zampino («Aprì Palazzo Reale alla stagione delle mostre d’arte contemporanea») né il grande lavoro di preparazione per il G7: «Lavorammo moltissimo sotto la guida di De Cunzo ma ne valse la pena: io ero stata appena nominata, nel ’93, direttrice dell’Appartamento storico di Palazzo Reale, il riconoscimento e la meraviglia dei capi di Stato stranieri fu per noi una grandissima soddisfazione. Palazzo Reale rilanciò in tutto il mondo l’immagine di una grande capitale quale Napoli è tuttora, per ammissione stessa di illustri visitatori: dopo il G7 ci sono stati altri eventi che ho avuto l’onore di seguire, preparare, in uno di questi alcuni ambasciatori, affacciandosi dal Giardino pensile, mi dissero ”Da qui si capisce che Napoli è stata una grande capitale”».

Inseritissima nella vita culturale e sociale cittadina, Mimma Sardella - insignita, tra l’altro, del premio «Utopia-Lamont Young» - non è napoletana (molti lo scopriranno in questa occasione) essendo nata a Canosa, da madre partenopea e da padre ufficiale di Marina: ma di Napoli ha accompagnato la rinascita post-G7 e gli sforzi di molte associazioni culturali (come «Incontri Napoletani») per il recupero e il restauro di monumenti, divenendo per tanti un punto di riferimento per le sue capacità professionali e per il suo garbo. «Negli ultimi tempi si è un po’ affievolita l’atmosfera culturale di ampio respiro che invece deve tornare a crescere, Palazzo Reale deve tornare ad ospitare grandi eventi (peccato sia sfumata una riunione Nato che avrebbe portato quattrocento ospiti stranieri), e mostre. Anche da Bari, continuerò a sostenere Napoli, il suo ruolo, le sue aspettative. Sperando di tornarvi».




news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news