LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritorna nella sua chiesa l'Ecce Homo rubato
F. Jouakim
Il Mattino, 09/01/2005




Sul capo è tornata la corona di spine, sotto la base dorata ce n’è un’altra in aggiunta perché il viso sofferente risalti meglio, e nella mano sinistra ha anche il bastone pastorale che prima non c’era. Manca soltanto l’abbraccio della gente, che arriverà oggi. La statua dell’Ecce Homo è nella chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, dove aspetta - tra i fiori portati dai fedeli - di tornare «a casa». Cioè al numero 10 di via Costantinopoli, nell’edicola votiva da dove il Gesù flagellato fu trafugato nella notte tra l’11 e il 12 agosto scorsi. La statua di terracotta, risalente con ogni probabilità al Settecento, fu rinvenuta dai carabinieri un mese e mezzo dopo, il 25 settembre, in una masseria vicino Mondragone. Il miracolo quando le speranze di ritrovare il Cristo poverello erano ormai perdute. E addirittura si pensava che - dopo l’eco data al furto - il pezzo, ormai «bruciato» sul mercato antiquario, fosse stato distrutto. Tanto che la Curia aveva donato a don Gennaro Iavarone, il parroco della chiesa di Santa Maria, un Cristo di cartapesta di proporzioni quasi identiche all’originale. Al quale il 19 settembre - il giorno di San Gennaro - venne destinata dai fedeli una degna accoglienza, con la processione e la sistemazione nell’edicola che era rimasta vuota. Ma solo una settimana dopo, grazie alla pressione sui ricettatori e a qualche indicazione venuta al momento giusto, nelle campagne del Casertano è spuntato l’originale, dopo che in molti - tra i quali alcuni ex insegnanti e alunni della scuola media, che si trova a pochi passi dalla chiesa - avevano seguito con apprensione la vicenda dell’Ecce Homo.

Le foto del ritrovamento mostrano una statua non rovinata, ma piuttosto malandata. Dopo le lunghe pratiche di dissequestro, un restauratore amico della parrocchia, che vuole restare anonimo, ha ridato colore al volto sofferente. Provvedendo a restituire al Cristo di terracotta anche il mantello di porpora, che era sparito insieme alla corona di spine. Ora la statua dell’Ecce Homo tornerà nella sua sede originaria. Ma la «copia» inseguita da don Gennaro e donata dalla Curia non sarà dimenticata, e resterà in una cappella della chiesa. Oggi la benedizione della statua ritrovata: una Messa alle 11.30, poi una processione che partirà dalla parrocchia e arriverà al numero 10 dopo un breve giro. Quindi la deposizione della statua nell’edicola sacra, davanti alla quale si pregherà anche per il pentimento dei ladri. Il tutto senza mai dimenticare quella notte di sacrilegio, che don Gennaro riassume così: «Del furto pochi devoti si accorsero, altri sono rimasti indifferenti. Altri erano solo curiosi di sapere se la statua poteva avere un valore sul mercato antiquario». Un’allusione nemmeno tanto velata ai potenziali compratori, forse decisivi con i loro movimenti perché venisse imboccata la strada giusta. Nell’edicola votiva il Gesù flagellato troverà anche una copertura di vetro, per difendersi dallo smog. Sperando che non si debba proteggere anche da nuovi agguati. Di visite dei ladri bastano quelle alle cassette delle offerte.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news