LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lisbona, citt del restauro
Mario De Cunzo
10/01/2005 Il Mattino



Lisbona una citt di mare, con il porto e le colline, sulle quali si sono sviluppati gli agglomerati urbani.

Veramente non proprio sul mare ma sullestuario del Tago e vi anche un maestoso ponte sospeso per passare da una sponda allaltra del fiume: il ponte 25 de Abril. Per il resto somiglia a Napoli, anche se gli insediamenti residenziali sulle colline sono intervallati da vaste e rigogliose aree verdi.

Nel porto le parti che non servono pi ai trasporti, magazzini per le merci e moli per limbarco dei passeggeri, sono trasformate in ridenti centri per le attivit ricreative: discoteche, ristoranti, bar. Sono i Docas vivaci e affollati dalle dodici del mattino alle dieci di sera. Come a Genova o a Barcellona tutto il porto antico ora elegante e di buona architettura. Lisbona una citt che somiglia a Napoli, ma in meglio. Per esempio non si vedono mai vigili urbani per le strade, ma le automobili si fermano ai semafori, non parcheggiano in divieto di sosta e non salgono sui marciapiedi.

Lisbona fu colpita da un disastroso terremoto il 1755 che distrusse la parte bassa della citt. Dopo le scosse si svilupp un incendio, sembra perch una processione si stava snodando per le strade e nel panico la gente fugg gettando via le torce che per fede recava nel corteo. Bruci tutto, fino a che unimmensa onda anomala delloceano non sommerse tutto e spense le fiamme.

Peggio non poteva andare, ma nella disgrazia Lisbona ebbe qualche fortuna: operavano in Portogallo bravissimi architetti, tecnici preparati, perfettamente aggiornati sulle contemporanee correnti del gusto. La parte di Lisbona distrutta dal terremoto fu ricostruita quasi subito con ingegnosi espedienti antisismici nelle line del pi elegante illuminismo. Strade diritte con edilizia semplice e funzionale. Secondo un recente studio dellEconomist Intelligence Unit (Eiu), Lisbona la citt meno cara dEuropa, la pi conveniente per abitare; Milano e Roma sono molto pi care.

Oggi a Lisbona si vive un periodo di vivace sviluppo economico, cominciato pi o meno con la rivoluzione dei garofani, alla met degli anni Settanta, quando il Portogallo ritrov la democrazia. Era un paese di emigranti e aveva dovuto regolare la perdita delle colonie in Africa.

Oggi meta di immigrati, da tutto il mondo, nei bar, nei ristoranti, o nel casin di Estoril, facile trovare alte e giovani signore bionde, Lituane, Ceche, Ucraine. Il casin di Estoril, vicino Lisbona, lunica cosa che delude. Uno si veste elegante, attende la sera e si aspetta di trovare unatmosfera da film su Las Vegas anni Trenta. Niente di tutto questo: pubblico da tribune di secondordine di un cinodromo, poveretti di mezza et in camicia o pullover, che giocano o, forse, fanno finta di giocare per fare numero. La Fundacao Ricardo de Espirito Santo Silva una nobile, antica istituzione che si preoccupa di conservare lartigianato tradizionale, ospita veri artigiani e apprendisti di tutto il mondo. Qui hanno fatto il loro stage venti giovani napoletani, hanno preparato la mostra annuale degli artigiani: La Venda de Natal. La direttrice della Fondacao, Maria Joao de Espirito Santo Silva ora ministro della Cultura. La Fondacao ha molto apprezzato il rapporto con il napoletano Consorzio restauro del Mezzogiorno. Si sono programmati ulteriori sviluppi della collaborazione nella comune area di ricerca nei settori dei beni culturali e dei centri storici. A Lisbona, un po fatalisti, un po previdenti, si aspettano un nuovo terremoto dopo duecento cinquanta anni dal 1755, perch sembra che questa sia la cadenza nelle aree sismiche tra oceano Atlantico e mar Mediterraneo. Comunque intendono attendere preparati la ricorrenza nel 2055. I restauri nel centro storico di Lisbona fervono intensamente e il mercato immobiliare, come nel resto dEuropa e anche in Italia, tira in tal senso. Per i restauri, loro seguono ancora le buone vecchie regole tecniche che guidarono gli architetti del marchese di Pombal. Conservano solo le facciate, ripropongono allinterno una struttura elastica: nel secolo XVIII era in legno, ora struttura in ferro. vero che a Napoli nel campo della prevenzione antisismica faremmo diversamente, anche se in realt non stiamo facendo niente. Su un cantiere di restauro campeggia una grande insegna con su scritto: Quisemos maner a fachada, abbiamo voluto conservare la facciata; la parete sostenuta da poderosi telai in ferro. Vicino vi sono altri cantieri di restauro, si conservano anche edifici degli anni trenta e quaranta del secolo scorso. Gli interventi sono incoraggiati e sostenuti dal governo e dalla municipalit. Le facciate dei palazzi sono spesso rivestite da piastrelle di maiolica, gli azulejos con disegni azzurri su fondo bianco. I maestri della Fundacao Ricardo do Espirito Santo Silva, che si intendono, nel campo dellartigianato, anche delle decorazioni architettoniche, sono andati in Brasile, dove il Portogallo per secoli ha esportato la tecnica degli azulejos. Hanno restaurato centinaia e centinaia di metri quadri di parete nel Claustro e nel Concistorio dellOrdem Terceira de Sao Francisco, in Sao Salvador de Bahia. Poi sono rimasti male perch i brasiliani non avevano provveduto in precedenza ad eliminare lumidit dalle pareti. Ora si conviene che nel restauro sempre meglio preoccuparsi di tutto, senza lasciare niente al caso o agli altri. Anche in questo sar utile la collaborazione con i tecnici dellUniversit Suor Orsola Benincasa e dellAccademia di Belle Arti di Napoli.




news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news