LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MUSEI: l'arte diventata un lusso per i cittadini italiani?
Francesca De Sanctis
L'Unit, 10-GEN-2005



Immaginate una lunga fila di turisti, italiani e stranieri, davanti alla Galleria degli Uffizi o agli scavi archeologici di Pompei (tanto per citare due luoghi d'arte tra i pi visitati in Italia). A un certo punto uno dei visitatori sgattaiola in mezzo alla folla tentando di entrare nel museo, convinto di passare inosservato e quindi di riuscire a introdursi senta pagare il biglietto d'ingresso. Purtroppo per lui, la sua incursione viene fermata dai custodi e quando gli viene chiesto perch lo ha fatto la sua risposta : Non posso permettermi 6 euro per ogni museo che voglio visitare....

Pura fantasia, ma ci pensate se accadesse davvero?
Una, due, tre persone stufe di pagare l'ingresso a mostre, musei, scavi archeologici che iniziano a fare slalom tra i corridoi di palazzi e istituti. Lo slalom, intanto, lo fanno i dati sull'affluenza dei visitatori nei musei italiani, in continua flessione dal 2000 a oggi secondo il Dossier Musei 2004 del Touring Club Italiano. Il motivo di questo calo, a quanto pare, non in aumento dei prezzi dei biglietti, che oscillano tra i 2 e i 10 euro, a parte qualche picco pi alto (per esempio una visita agli Scavi di Pompei di notte costa 24 euro, una alla Torre di Pisa 15 euro a persona!). Piuttosto, c' da chiedersi se con il passaggio all'euro, con l'aumento del costo della vita, con a crisi economica nel nostro Paese gli italiani abbiano scelt:o o no di salvare la cultura. Domanda: una famiglia media duo permettersi di spenderemo, 10 euro a persona per una mostra? Oppure, potendo, preferisce spenderli per una pizza?

Intanto vediamo di restringere il campo della nostra inchiesta. L'ultimo censimento disponibile sui musei italiani ne rileva 4.120, il 13% dei quali di propriet dello Stato, il 13% dei Comuni, il 17% dei privati, il 13% degli Ecclesiastici, il 6% delle Universit, il 2% delle Regioni, il 2% delle Province, il 1% di altri enti. Solo per i musei statati esiste una struttura dedicata alle rivelazioni statistiche sull'affluenza di pubblico, prodotte dal Sisten (Sistema Statistico Nazionali tramite l'Ufficio di Statistica per i Beni e e attivit culturali, che ci ha fornito - appunto riguardo ai soli siti statali - i datirelativi a prezzi, numero di visitatori e introiti di musei, monumenti, aree archeologiche e circuiti museali. Vediamo.
Dal tariffario 2003-2004, che include una lista di 255 musei, scavi e circuiti, risulta che soltanto 13 sono gratuiti. Tra i luoghi della cultura gestiti dallo Stato ricordiamo che l'ingresso gratis solo nelle Biblioteche e negli Archivi. Ci permettiamo di sottolineare quel solo perch basta guardare al resto dell'Europa per capire quanto siamo rimasti indietro. In Inghilterra, per esempio, l'ingresso gratuito in tutti musei, in Olanda e non solo ci sono biglietti integrati che permettono di visitare pi mostre... ma ora ci arriviamo.
Fermiamoci ancora un attimo sul tariffario fornito dal Ministero: il Percorso del Principe a Firenze costa 10.50 euro, gli Scavi di Ercolano 10 euro, il Museo di Capodimonte a Napoli 7,50, il Complesso Museale palazzo Pitti a Firenze 10.50. Sono i prezzi pi alti che abbiamo trovato, e se confrontati con il 2003 vi accorgerete che non hanno subito aumenti. cos dal 1 gennaio del 2002, cio da quando ha fatto il suo ingresso l'euro. I prezzi sono rimasti pi o meno stabili. Eppure - e questo il dato pi interessante - staio registrato un calo dei visitatori. Ce lo confermano tre fonti diverse.
I primi mesi del 2002, secondo la graduatoria diffusa da KwArt, c' stato un vero tracollo, 33,91 % dei visitatori in meno rispetto al 2001 con in testa la citt di Roma.
Per il Touring Club italiano, che nella sua indagine si rivolge ad un campione di 37 musei (statali, privati, civici ed ecclesiastici), nel 2003, poi, i musei hanno accolto fi 1.057.403 visitatori, contro gli 11.269.268 |dell'anno precedente, una flessione pari al-jj'1,9%, inferiore insomma a quella registra-|.ta nel 2002 rispetto al 2001 (-2,2%). In base fjai dati forniti dal Ministero la flessione c' fatata nel 2001 f29.543.000 visite), e da allora gli afflussi turistici sono rimasti pressoch stabili. Dunque, se a fronte di una manciata crescita dei prezzi dei biglietti non corrisponde un aumento dei visitatori, significa che qualcosa non va... Le famiglie italiane non possono pi permettersi di andare al Museo? Eppure ci sono tante formule che potrebbero facilitare l'ingresso nei musei. Per esempio i biglietti integrati. Come dicevamo, funziona in tutti gli altri Paesi europei. In Italia le citt che hanno introdotto card o biglietti cumulativi si contano sulla punta delle dita: Genova, Napoli, Milano, Torino, Venezia, Ravenna, Firenze, Arezzo, Roma, Perugia.
Ecco, l'Umbria una regione in cui il circuito museale introdotto quest'anno ha funzionato bene: i prim nove mesi del 2004 segnano un balzo in "avanti del 70% dei visitatori. L'introduzione di un biglietto integrato nei musei pubblici e privati del capoluogo umbro ha permesso ai turisti di scegliere tra un biglietto della durata di uno (7 euro) o tre giorni (12 euro) e un abbonamento annuale individuale che consente il libero accesso nei musei al costo di 20 euro o un abbonamento annuale familiare (35 euro). A questo progetto aderiscono dodici musei, statali, comunali e privati. Ancora indietro, invece, la citt di Roma, dove ci sono per ora tre circuiti: circuito archeologico 20 euro (Anfiteatro Flavio, Palatino, Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Terme di Caracalla, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano, Tomba di Cecilia Metella, Villa dei Quintili); circuito Museo Nazionale Romano 9 euro (Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Terme di Diocleziano, Crypta Balbi); circuito archeologico 8 euro (Colosseo, Palatino). Dal Comune il vice sindaco Maria Pia Garavaglia fa sapere che a gennaio sar firmato un protocollo d'intesa col Ministero dei Beni culturali per introdurre una card che consenta ai turisti di entrare in tutti i musei della citt, ma prima che venga introdotta bisogner aspettare almeno fino alla primavera. ■
Come al solito l'Italia arriva tardi rispetto agli altri Paesi europei, ma poi finisce per fare delle cose decisamente all'avanguardia1 spiega Claudio Strinati, soprintendente speciale per il Polo museale romano.. - tipico degli italiani, ci mettiamo i secoli ma poi siamo invidiati da tutti. Prendiamo per esempio gli orari: per molti anni ci siamo flagellati... ora non esiste al mondo un paese dove i musei sono aperti come in Italia. A Parigi per Capodanno tutto chiuso, a Roma tutto aperto. Il biglietto integrato sar presto la caratteristica dell'Italia....
Sar, intanto siamo noi ad invidiare gli altri Paesi. vero, attualmente ci sono differenze notevoli con gli altri paesi dell'Europa continua Strinati. Noi facciamo pagare l'ingresso alle gallerie permanenti dei musei nazionali e, a parte, anche le mostre temporanee. In Inghilterra i musei nazionali sono; gratuiti e in parte anche negli Stati Uniti," che ora per detiene il triste record del biglietto pi caro al mondo per via del Moma, che da quando ha riaperto al pubblico dopo il restauro ha portato il costo del biglietto d'ingresso a 20 dollari. Gli anglosassoni puntano sulla sollecitazione etica aggiunge Strinati. Non hanno un biglietto d'ingresso, ma chiedono un'offerta per il museo. Alcuni danno indicazioni su quale pu essere l'offerta, altri no. Chi si reca al museo di solito ben disposto a dare dei, soldi, quindi con questo sistema si riesce a, raggranellare parecchio. Il risultato comunque che nella realt il biglietto costa poco, circa la met di quello che il pubblico pagherebbe se ci fosse un biglietto fisso. Di solito il costo si aggira attorno ai 3, 4 euro, un delicato ricatto morale da parte dello Stato... Le mostre per costano molto. La National Galleiy per esempio gratuita, ma la mostra di Raffaello al Sainsbury Wing costa 9 euro. I nostri biglietti sono mediamente elevati, ma l'ingresso dell'euro non ha inciso molto sull'aumento dei prezzi. In Italia il sistema inglese non funzionerebbe, non perch la gente non sarebbe disposta a fare delle offerte, ma perch noi abbiamo una mentalit pi sistematica. La cultura un servizio e va pagata e assistita, non pu essere esclusivamente pagata, n esclusivamente assistita. Come !a salute. Il problema proprio questo, che per ora la cultura abbastanza costosa e per nulla assistita. Vogliamo citare tutte i problemi irrisolti? La gestione delle opere, il personale, l'accessibilit ai musei... ma per questo ci vorrebbero delle inchieste a parte.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news