LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un'operazione-rilancio per i Musei di Modena
Stefano Luppi
10 GEN 2005 GAZZETTA DI MODENA



'Avete tesori unici da valorizzare. Punteremo sui legami con Roma': la Soprintendente si presenta nel giorno del debutto
St

La Galleria Estense uno dei pi importanti musei statali d'Italia e io cercher di portarvi sempre pi visitatori, non solo esperti e studiosi d'arte, ma anche amatori e cittadini o turisti che preferiscono passare parte del proprio tempo libero in un museo.
Maria Grazia Bernardini, la nuova soprintendente reggente per i beni storici, artistici e demoetnoantropologici di Modena e Reggio si insedia oggi al Palazzo dei Musei ed elabora subito una dichiarazione di intenti molto chiara.
Il Museo Estense, in passato diretto da eminenti studiosi come Adolfo Venturi, Argan e Bonsanti, in effetti pare abbia davvero bisogno di una sterzata, vista la perdita di visitatori: addirittura un terzo -il 36% - tra 2003 e 2004. secondo i dati del Ministero.
I prossimi giorni per la soprintendente Bernardini - fino a dicembre codirettrice della Galleria Nazionale d'arte antica di Palazzo Barberini, con la responsabilit della Turatela delle collezioni dal Insomma una fase di studio e presa di contatto, come ammette con franchezza. Speriamo si parli anche di programmazione scientifica espositiva di alta fascia e di coordinamento promozionale culturale.

Dottoressa Bernardini, Modena una realt economicamente rilevante e piena di tesori artistici noti in tutto il mondo, ma forse ha bisogno di riorganizzare in maniera differente la sua attivit culturale se vuole diventare una delle capitali dell'arte in Italia. Lei che ne pensa?
Come Soprintendente sono alla prima nomina ma, pur conoscendo poco la citt da questo punto di vista, devo dire che sono entusiasta del nuovo incarico presso una soprintendenza importante come questa. Come funzionario e storica dell'arte dedita soprattutto al barocco, a Palazzo Barberini ho organizzato una serie di attivit che hanno avuto un certo successo e credo possano essere utili anche a Modena. Quali in particolare?

L'attivit culturale degli ultimi anni al museo Barberini (prestigiosa sede di capolavori di Raffaello, Pietro da Cortona, Guercino, Reni, Caravaggio, ndr) ha visto occasioni ad hoc per gli studiosi e altre per un pubblico pi ampio: dalle pubblicazioni scientifiche ai convegni, fino a manifestazioni interdisciplinari come le 'donne del mito'. Per fare un solo esempio: abbiamo scelto Cleopatra e io ho commentato quadri di Guercino e Guido Reni, poi abbiamo proiettato una parte del celebre film del 1963 con la regina d'Egitto interpretata da Elizabeth Taylor e letto brani di Shakespeare. Il pubblico ha reagito bene e questa esperienza mi permette di ben sperare per il mio lavoro a Modena: qualche idea del resto l'ho gi maturata.

Non pu svelare nulla?
Preferisco aspettare e prendere contatto con la nuova realt, ma certamente organizzeremo appuntamenti che tengano presenti i legami tra Romane l'Emilia tra Cinque e Seicento: non dimentichiamoci che ai tempi dei papa bolognese Gregorio XIII Boncompagni a Roma lavorarono molti artisti provenienti dal nord, rappresentati al museo estense da importantissimi quadri che ben conosco.

Pensa anche a rassegne di richiamo in questo senso? Modena forse con l'attuale mostra sull'Action Painting e con la prossima dedicata a Niccolo dell'Abate sta cambiando pelle.
Le esposizioni sono fondamentali, anche se questa attivit necessita di un grande sforzo organizzativo e del concorso di molti. Io comunque ricordo con entusiasmo la curatela a Milano nel 2004 della mostra dedicata a Van Dyck e quelle romane su Tiziano (1995) e Gian Lorenzo Bernini (1998) nella quale il suo busto dell'Estense del duca Francesco I aveva il posto d'onore.

Lei per 10 anni ha diretto anche il laboratorio di restauro della Soprintendenza di Roma.
Certo, una struttura importante composta da circa 25-28 persone che ci ha permesso di effettuare restauri di grandi opere come la "Conversione di San Paolo" del Ca-ravaggio e "L'Amor sacro e amor profano" di Tiziano. La tutela fondamentale per poi valorizzare le opere d'arte e anche la promozione e la comunicazione giocano un ruolo ineludibile.
Nel darle il benvenuto a Modena va ricordato che il suo predecessore pare non abbia legato molto con la citt, come attestano anche lettere e articoli pubblicati nei mesi scorsi dal nostro quotidiano: prima della sua nomina il ministro Giuliano Urbani ha telefonato alla Gazzetta per annunciare lo spostamento a Mantova di Trevisani.
Mi dispiace molto, io lo conosco come uno studioso molto competente e mi mette ora lei a conoscenza del "clima" che si era creato a Modena. Mi permetta di non esprimere pareri su un collega, avr comunque il tempo di documentarmi appena avremo risolto la questione delle consegne.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news