LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mostre boom, ma è una gimkana
Conchita Sannino
la Repubblica - cronaca Napoli 6/1/2005

Caravaggio, Pitloo, Schnabel e Gaudì. Squadra fortissima: peccato che dietro ci sia Napoli. Oltre duecentomila visitatori «per l'offerta artistica e culturale della Campania», annota la Regione. L'assessore al Turismo TeresaArmato giustamente conta i biglietti staccati, traccia un bilancio e decreta: è successo. Vero. Ma c'è dell'altro. Alcune di queste mostre sono belle e impossibili. Almeno nell'esperienza dei visitatori più ingenui. Tre esempi. Contraddizioni tratti dai libri grigi dei reclami che la Regione non dice. O da telefonate, lettere, racconti di protesta.
Prima tappa, Caravaggio. Per godere dell'opera del "fosco Caravaggio " si sta in coda a Capodimonte mediamente due ore, oppure si atten-
dono anche 15 minuti in attesa al telefono, collegati sulla linea verde che dovrebbe in teoria accoglierne le prenotazioni. Lo racconta Giuseppe Lubrano, medico in vacanza che ha dovuto «vedere i dipinti del Michelangelo da Merisi tutto in 25 minuti, perché sono entrato dopo la fila alle 18.40». E aggiunge: «Quando finalmente sono riuscito a mettermi in contatto con la operatrice al numero verde, mi è stato detto che il primo
spazio libero era per domenica sera. E stavamo al martedì...». Identica, interminabile fila per le sorelle Paola e Simona Arenga, napoletane ormai trasferitesi (senza rimpianto) a Pisa: «Un solo sportello aperto, peccato. Ma perché non fare come a Bruxelles o Vienna, dopo i ticket si pagano all'ingresso del Parco, così nell'attesa puoi goderti il verde o il resto del museo?». Seconda tappa, Villa Pignatelli. Per riscoprire Pitloo, guai a non essere mattinieri: causa mancanza personale, l'accurata esposizione chiude alle 14, ogni pomeriggio si possono scorgere facce amare di oriundi o stranieri con gli occhi che strabuzzano verso l'alto, sul grande cartellone issato sulla facciata che indica recapiti e informazioni, ma pochissimi individuano i numeri. Per finire, alla Mostra d'Oltremare dove si possono ammirare le tele di Julian Schnabel, ovvero - binomio raro - esposizione di qualità in un contenitore affascinante, peraltro gratuitamente, «si può buttare via anche un'ora per capire qual è l'ingresso secondario da cui entrare, vergogna», ha scritto Francesco Santaniello. E anche altri adirati: sul libro delle presenze.
Ma che fa. «Le mostre sono un successo, oltre 200mila visitatori», registra ieri la Regione. Vero.
Si può avere un poker d'assi e trattarlo come carte? Succede, nella Napoli che implode di eventi non compiutamente rifiniti. Tant'è. Da dicembre ad oggi, boom di turisti per l'arte. In 1144mila e 700 hanno visto a Capodimonte "Caravaggio, ultimo tempo"; quasi 38mila gli amanti o i curiosi che hanno spulciato tra "l'Agonia e l'Estasi" di Damien Hirst al Museo Archeologico; mentre sono già 1909 gli appassionati del classico che si sono lasciati conquistare dalla carrellata su "Luci e colori del paesaggio " di Pitloo. A questi si aggiungono i bilanci positivi dei 14mila e 720 visitatori di "La ricerca della forma" di Gaudì, i 15mila visitatori di "Casa di re" alla Reggia di Caserta, o "I luoghi e i riti del mito" su Picasso a Salerno. In sintesi, «gli ottimi risultati degli eventi e dei siti culturali nel periodo festivo - sottolinea l'assessore Teresa Armato - sono un'ulteriore conferma della bontà delle nostre scelte. Rappresentano un riconoscimento concreto al lavoro che stiamo portando avanti, con grande convinzione e impegnando risorse e mezzi».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news