LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Diamoci 30 giorni per revisionare tutto. Una 'sveglia' ai partiti
Marcello Mancini
La Nazione - cronaca Firenze 6/1/2005

Lo ammettiamo: l'insurrezione degli Industriali accanto alla Lega delle Cooperative e alla Confesercenti contro il blocco dei lavori alla Fortezza, ci ha sorpreso. Ma come: agli imprenditori fiorentini dovrebbe stare a cuore la difesa del patrimonio storico, invece li troviamo sulle barricatle di cemento all'assalto dei bastioni di Sangallo in singolare compagnia. Ieri il presidente Sergio Ceccuzzi ha spiegato quale la posizione di uno dei principali supporter del project financing: spiegazione economica, non politica. Gli Industriali temono che stiamo vivendo una storia fiorentina, che la macchina dello sviluppo, rimessa in moto dopo 50 anni, si fermi di nuovo. Presidente, che c'entra il cemento eccessivo che assedia la Fortezza con lo sviluppo della citt? Guardi, non ci piace essere considerati degli abbietti cementifcatori, tanto vero che la nostra Associazione ha messo in evidenza che il rispetto dell "ambiente e la valorizzazione dei tesori di Firenze rappresenta uno dei capisaldi dello sviluppo.
Da qui la proposta di Ceccuzzi, che va incontro all'ordinanza del sindaco firmata ieri: Diamoci un termine di 30 giorni - e il periodo non deve essere simbolico ma sostanziale - per revisionare e poi varare defintivamente, una volta per tutte, i progetti di ristrutturazione della Fortezza da Basso che consideriamo un bene fondamentale?. Gli industriali -legittimamente - difendono i loro investimenti. Su questo Ceccuzzi chiaro: Il tipo di discussione che si fa oggi prettamente politica e a noi non interessa. La lasciamo ai giochi dei partiti.
Ma non si pu deturpare un monumento per salvare un affare, sia pure milionario...
Noi abbiamo appoggiato il project financing di Firenze mobilit perch riteniamo che sia uno strumento moderno nel momento in cui mancano i soldi pubblici, non perch vogliamo difendere quel tipo di intervento piuttosto che un altro. Nel caso della Fortezza ci troviamo di fronte a un'opera che ha avuto tutte le approvazioni regolamentari, ha subito uno stop, stata revisionata e a questo punto le scoperte dell'ultima ora mi sembrano molto tardive. O parte di un gioco politico.
La revisione di cui lei parla irrisoria: rimasto tutto come prima.
Qui c' un problema di fondo: la scelta che noi dobbiamo fare per la valorizzazione di quest'area di sviluppo o di conservazione? E' una discussione ineludibile, perch il ritardo accumulato gi enorme e corriamo il rischio che l'asse Milano-Bologna-Roma-Rimini tagli fuori Firenze da tutte le manifestazioni fieristiche.
Insistiamo: si tratta di ridurre il cemento, nient'altro...
S, ma dobbiamo decidere se tutto intoccabile. Vogliamo consentire che lo sviluppo di questa citt possa toccare anche beni di valore per essere sfruttati meglio, oppure si vuole fare di Firenze un museo? In questo caso, per, fra cinque anni non stiamo a piangere se la tal Fiera o il tal congresso hanno preferito Milano.
E' una strana alleanza quella fra Industriali e Lega delle cooperative in difesa dell'intervento alla Fortezza.
Siamo insieme perch siamo i soggetti che partecipano al project financing, ma questo non ha alcun valore politico. E' la difesa di uno strumento, il project, che riteniamo essenziale e che stato messo sotto accusa. E poi, il piazzale Caduti dei lager era solo un deposito di auto e un rifugio di degrado urbano di vario genere: nessuno se ne era accolto fino a ora.
Ma se il rimedio peggiore del male...
Se le imprese non hanno rispettato il progetto approvato, noi siamo i primi a dire che hanno sbagliato. Ma abbiamo la sensazione che le imprese abbiano fatto tutto quello che c'era da fare.
Gli errori ci sono stati, per.
Io avrei apprezzato se qualcuno avesse proposto una conferenza aperta - consiglio comunale, partiti, e forze economiche - e in 30 giorni fosse stato deciso un orientamento definitivo sulla Fortezza: siamo ancora in tempo. Se la proposta quella di distruggere tutto e tornare come prima, allora gli Industriali valuteranno se varr ancora la pena investire. Per poi nessuno pianga.
E' un messaggio ai partiti?
E' un problema che attraversa tutte le forze politiche: noi chiediamo che queste scelte siano fatte perch sono necessarie. La nostra reazione causata dal timore di trovarci di fronte a un nuovo stop: per cinquant'anni non si fatto niente in questa citt e quando vediamo bloccare delle opere indispensabili abbiamo il terrore di tornare daccapo. I politici - di qualunque parte siano - ogni tanto devono assumersi l'onere di guidare scelte impopolari. Noi lo facciamo. Anche l'opposizione ha le sue responsabilit in questo contesto: dobbiamo ancora capire quale progetto di sviluppo della citt propone il centrodestra. Perch la stessa solerzia non c' per l'aeroporto o l'inceneritore: non fanno parte dello sviluppo?
Il problema vero il tempo: se entro un anno il sistema aeroportuale toscano non sar definito, perderemo un altro treno. Ma non si pu pensare una sviluppo infrastruttuarale della citt senza toccare niente.
Il Poggi nell'Ottocento c' riuscito?
Si vede che lui era un genio e che oggi non abbiamo geni.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news