LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quelle bighe nell’Essex
Romeo Bassoli
Il Messaggero 7/1/2005

Dai campi verde cristallo dell’Essex, nel sud est dell’Inghilterra, sono emersi i resti di quella che potrebbe essere la più grande pista di epoca romana per la corsa di bighe e carri trainati da cavalli, mai trovata fuori dall’Italia.
La scoperta è avvenuta in una cittadina chiamata Colchester, la città britannica più antica di cui si abbia memoria scritta.
I resti della pista romana, se saranno confermati come autentici, avranno un rilievo internazionale.
Gli archeologi pensano che si tratti di una costruzione del secondo secolo dopo Cristo. La sua scoperta è avvenuta all’interno di altri scavi archeologici che riguardavano una antica guarnigione militare britannica.
«Abbiamo trovato due fosse che contenevano due muri circolari - spiega Robert Masefield, direttore degli scavi archeologici - e dapprima abbiamo pensato si trattasse di un muro di un tempio. Ma poi abbiamo scoperto un terzo muro e un ingresso».
A quel punto Phillip Crummy direttore del Colchester Archaeological Trust, ha suggerito che potesse trattarsi di una pista per le gare dei carri, la grande passione di tutto il mondo antico: dai greci che la praticavano ad Olimpia, ai romani che la riproponevano ovunque riuscivano a stabilirsi, agli stessi celti, che proprio nell’Inghilterra meridionale ne facevano un’occasione di confronto tra i guerrieri.
«Così - continua Masefield - abbiamo misurato tutto, abbiamo preso il disegno della struttura che avevamo portato alla luce e l’abbiamo sovrapposto a quello di una pista per la corsa dei cavalli dell’epoca romana ritrovata in Spagna tempo fa. Ci siamo accorti che questi due luoghi avevano le misure quasi esatte: la differenza era di un solo metro in più per Colchester».
Masefield sostiene che questo elemento e la somiglianza con una struttura simile rinvenuta parzialmente a Londra, rende la scoperta “abbastanza certa”.
Colchester così accresce la sua fama di “libro di storia vivente” britannico.
Del resto questa città ha un blasone di tutto rispetto. La menzionava già Plinio il Vecchio nell’anno 77 dopo Cristo. Lo storico e naturalista romano ne parlava a proposito di un saccheggio che la città avrebbe subito per mano di un esercito di celti guidato da Boadicea, una delle eroine dell’Età Antica della Gran Bretagna. Boadicea, regina della tribù celtica degli Iceni, guidò una disperata ribellione all’occupazione romana che perseguitava i Druidi e che aveva portato alla morte il suo sposo, il re Prasutagus. Alla conquista da parte dei romani, nel 43 avanti Cristo (sembra che l’imperatore Claudio sia entrato in città cavalcando un elefante) era diventata infatti la prima colonia in Britannia e la politica nei confronti dei celti non era stata tra le più amichevoli. E viceversa.
La città era chiamata dai romani “Camulodunum”, la sintesi, secondo gli storici, dell’espressione “fortezza dedicata al dio celtico della guerra Camulo”. E in effetti Colchester è stata per lungo tempo un importante centro celtico, dominato dalla tribù dei Trinovantes, nota anche come “la tribù belga”.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news