LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il monte de'Cocci discarica di anfore
Wladimiro Settimelli
Unit Roma 7/1/2005

un posto strano e singolare e racconta una parte della storia di Roma, attraverso i "cocci" che non sono stati ancora esplorati fino in fondo. Sto parlando di Testaccio e in particolare del celeberrimo Monte dei Cocci. La zona quella di Piazza Orazio Giustiniani, via Nicola Zabaglia, via Marmorata, con l'antico cimitero degli inglesi, il vecchio gazometro con i vecchi macelli comunali e relativo Foro Boario, ora trasformati in un luogo di manifestazioni musicali, teatrali e culturali in genere. In epoca romana c'era, sempre, nella zona, l'antico" Emporium", tra via Marmorata e Franklin. Soprattutto, nella zona alla base dell'Aventino, era pieno di magazzini e depositi dei materiali che arrivavano, via fiume, dentro Roma. C'era, come tutti sanno, anche un magnifico porto per una ampiezza di cinquecento metri. Un porto che degradava, a scalinate, verso il fiume. Il complesso era stato costruito, pare, tra il 193 e il 174 a. C. Ovviamente, comprendeva anche negozi e attrezzature per scaricare il marmo che arrivava da Carrara. Soprattutto, a quel porto attraccavano grosse chiatte che trasportavano olio dalla Spagna, con anfore giganti, con tanto di bolli e timbri che ne certificavano la proveniernza e garantivano, in qualche modo, i consumatori di citt. C'era per un problema: molte delle anfore, nelle manovre di scarico dei barconi, si rompevano riempiendo di cocci strade e stradine. Le anfore erano di terracotta e, durante il viaggio, si impregnavano lentamente dell'odore legnoso dell'olio e quindi non erano pi utilizzabili per trasportare vino, acqua o altri liquidi . Era dunque necessario frantumarle e disperderle.
Gli antichi testi, raccontano che era stato organizzato un vero e proprio servizio di recupero e trasferimento di quei cocci che venivano, sempre, accumulati non molto distante. E cio nella zona detta, appunto, Monte dei Cocci. Quel monte artificiale era alto trentacinque metri, con una circonferenza di 850. Aveva, sulla parte verso il fiume, una specie di sentiero sterrato che serviva ai carri per raggiungere la cima e scaricare ancora e ancora cocci.
A fronte del Monte dei Cocci, si apriva una grande zona pianeggiante che arrivava fino al fiume. Proprio ai lati quella zona sorsero nuove botteghe , cantine per il vino e magazzini per la lavorazione del marmo. La spianata, invece, divenne notissima e fu chiamata dei "Prati del Popolo romano" dove centinaia di famiglie, in occasione delle feste, si recavano in comitiva per assistere al "Gioco di Testaccio" Di che si trattava? Ma delle solite gare di abilit e di destrezza tra marmorari, scaricatori, facchini, vetturini e bella giovent. Si organizzavano anche palii, corse, vere e proprie corride, tiro alla fune, gare di salto e d lotta. Naturalmente, il ballo era al centro di
tutte le attenzioni. In particolare il saltarello e la lavandarina. Il Monte dei Cocci, imperterrito, era a due passi non ancora coperto di erbacce. Feste e festeggiamenti si svolgevano in particolare per il carnevale, con maschere e cortei, prima dell'abitudine di trasferirsi fino a via del Corso.
Insomma, come racconta Claudio Rendina nel suo "Guida insolita ai Tevere", erano le celebri "ottobrate" e le cosiddette "gite fuori porta". Ogni anno, veniva organizzata anche una sacra rappresentazione con il "gioco della Passione". Si trattava, in realt, di una lunga processione che finiva proprio sulla cima del Monte dei Cocci. Nel punto di arrivo della processione venne, ad un certo momento, sistemata una croce di ferro che ancora al suo posto.
Si arrivava sul posto con delle carrettelle tirate da due cavalli bardati di gran lusso. Sopra, di solito, venivano sistemate belle ragazze nei costumi tradizionali. La cosidetta "bellona" sedeva, invece, accanto al carrettiere per essere bene in vista.
Per ar prato de Testaccio si scomodato persino il Belli, con un sonetto dedicato ad una nota ballerina. Dimenticavo: il gioved e la domenica, tra le altre gare, c'era quella dei componimenti "a braccio", recitati a turno da poeti improvvisatori. I poeti, pi bevevano e pi andavano avanti per ore, tra risa e schiamazzi.
Tutto spar con l'arrivo della Capitale a Roma perch, secondo i piani, Testaccio divenne un rione "industriale" e con case per operai che avrebbero dovuto essere belle e confortevoli. Lungo il fiume, in pratica sotto l'Aventino, l'Istituto Case popolare costru' un gran numero di fabbricati e tutta la zona ne risulto' profondamente modificata.
Insomma, tra ponte Sublicio e Ponte Testaccio, i cambiamenti furono davvero tanti. Anche dal punto di vista dell' umore e dei rapporti umani. Con il passare degli anni, Testaccio divenne comunque un rione popolare particolarmente amato. Ora, dicono che sul Monte dei Cocci non si pu pi salire perch tutto coperto di erbacce. Il Comune, recentemente, ha rimesso a nuovo la zona tra il fiume e l'ex mattatoio, costruito nel 1890 dall'architetto Gioacchino Ersoch.
Ma, naturalmente, c' ancora chi, in gran segreto, ogni tanto zappetta tra i cespugli dell'inespugnabile Monte dei Cocci alla ricerca di qualche pezzo di anfora o di qualche moneta romana. Qualcuno ha trovato. Eccome se ha trovato. O almeno ha raccontato di aver messo insieme un buon bottino. Vero? Falso? Vallo a sapere.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news