LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gi le mani dall'ermo colle
Francesco Bonazzi
L'Espresso 13/1/2005

Un colle, una siepe, un belvedere sulle campagne che scendono dolcemente fino al mare. E l'improvvisa, incontenibile vogila di costruire che sfocia in carte bollate e atti giudiziari. Sarebbe una storia come tante altre, se non fosse che ambientata a Recanati. E il colle in questione stampato nell'immaginario collettivo di generazioni di italiani perch quello dell'"Infinito", uno dei canti pi famosi di Giacomo Leopardi. Quello del naufragar m' dolce in questo mare. Che non era un mare di cemento, ma un paesaggio armoniosamente ondulato, appena scandito da siepi, filari, case coloniche e borghi medioevali abbarbicati sulle alture. Tutto protetto, panorama compreso, da un ferreo vincolo di tutela artistico e paesaggistico, che rischia di saltare per la causa intentata da un privato. Il Colle dell'Infinito era gi stato sottoposto a tutela paesaggistica nel 1952, ma dopo cinquant'anni la soprintendenza archeologica delle Marche ha ritenuto che fosse necessario garantire meglio la conservazione dei luoghi leopardiani. Cos, al termine di un iter durato oltre un anno, nel luglio del 2003 fu decretato un vincolo totale "diretto e indiretto", come si dice in gergo burocratico. Ossia, divieto assoluto di costruzione sul colle e ristrutturazioni vincolate nell'area che costituisce il celebre panorama. L per l, nessuno si oppose e il procedimento amministrativo fil liscio. Ma ora, la sorpresa. Secondo quanto risulta a "L'espresso", a gennaio del 2004 un privato ha impugnato il decreto con un ricorso diretto al presidente della Repubblica.
Una scelta assai pratica, che consente di arrivare in tempi relativamente rapidi a un giudizio secco da parte del Consiglio di Stato (il capo dello Stato si limita, in sostanza, a firmarne la sentenza). La decisione sull'"ermo colle" attesa nelle prossime settimane e nessuno, nell'ambiente delle soprintendenze, si sbilancia sull'esito. In parte perch si tratta di un procedimento tutto "cartaceo", e in parte perch non risulta che il ministero dei Beni culturali abbia fatto passi particolari. A innescare la vicenda giudiziaria stata la Iniziative Immobiliari di Tullio Alessandra, societ in accomandita semplice con sede a Recanati, proprietaria di una casale che sorge sotto il colle. Dalle visure camerali, si capisce che non un'immobiliare con particolari attivit speculative, ma una societ di famiglia attraverso la quale una coppia di coniugi possiede il casale. Che cosa vogliano farci di preciso, per, a Recanati non lo sa nessuno. Anche se il sindaco, Fabio Corvatta, spiega che per quanto gli risulta si tratterebbe di una ristrutturazione. Insomma, niente alberghi o attivit commerciali, magari sfruttando il nome dell'Infinito. Pi a ridosso del colle, invece, un altro recanatese sogna di trasformare una casa colonica in ristorante con annesse camere da letto. Insomma, una sorta di agriturismo. Ma il sindaco riuscito a fermare il progetto, convincendo l'interessato ad accettare un'autorizzazione analoga su un altro terreno
non coperto dal vincolo. Il fatto che l'aspirante ristoratore ha dalla sua una variante al piano regolatore incredibilmente disposta nel 1997 dalla giunta precedente. Ma in questo caso la "moral suasion" del Comune pare aver funzionato e almeno lui non ha presentato alcun ricorso. Al di l delle buone intenzioni (fino a prova contraria) dei singoli proprietari che si oppongono al vincolo, ora per il rischio concreto che scatti il "liberi tutti". Tanto vero che gli eredi Leopardi, guidati dalla battagliera contessa Anna, si sono costituiti in giudizio a difesa del vincolo insieme a Italia Nostra e Fai, tutti patrocinati dall'avvocato romano Giovanni Pallottino. Il sindaco Corvatta garantisce che si opporr sempre e in ogni modo a qualsiasi tentativo speculativo, nella convinzione che singole esigenze di ristrutturazione possano essere discusse e concordate in sede extragiudiziale. Anche perch il Comune di Recanati si estende su un territorio che quasi un decimo di quello di Roma e ospita senza problemi tre aree industriali. Il vero nodo che una piccola controversia locale, affidandosi a un rimedio-bomba come l'annullamento del vincolo "erga omnes", spiani la strada a chiss quali future speculazioni. Non necessariamente locali. ■



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news