LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'uomo che ritrov la Gioconda. Un convegno e una fondazione per Giovanni Poggi, figura di spicco per i beni culturali a Firenze.
Gianni Caverni
Unit, 5 gennaio 2005

FIRENZE Bastava staccarla dal chiodo e andarsene. Vincenzo Peruggia, imbianchino decoratore e muratore italiano emigrato a Parigi, lo fece: prese la Gioconda e via con in quadro pi famoso del mondo sotto il braccio. Se ne and a casa e mise il ritratto di Lisa Gherardini ed il suo enigmatico sorriso sotto il tavolo. Era l'1l agosto del 1911.
Il 13 dicembre 1913, Giovanni Poggi, allora direttore della Galleria degli Uffizi, riconobbe l'originale nel quadro che il Peruggia stava cercando di vendergli. L'incontro avvenne all'allora Hotel Tripoli (oggi naturalmente Hotel Gioconda): Poggi avvert i carabinieri e il quadro fu trovato, nascosto, si fa per dire, sotto il letto della stanza.
Non aveva dubbi Giovanni Poggi su quale dovesse essere la destinazione dell'opera di Leonardo dopo il ritrovamento: Parigi. Non era stata trafugata come bottino di guerra ma il genio di Vinci se l'era portata in Francia e qui l'aveva regolarmente venduta a Francesco I nel 1517. Non ebbe dubbi il Poggi nonostante all'epoca molte fossero le sirene che in Italia cantavano con una certa insistenza perch la Gioconda rimanesse qui.
Personaggio straordinario, Giovanni Poggi non pu certo essere ricordato solo per l'episodio di Monna Lisa trafugata. Per questo, forse con un po' di ritardo (stravagante la scelta del 91 anniversario), stato presentato il convegno Il ritrovamento della Gioconda a Firenze dall'assessore alle relazioni internazionali Eugenio Giani, da Dario Nardella , presidente della commissione cultura del Comune di Firenze, da Massimo Pieri, consigliere comunale e da Adriana Magrini, bisnipote del Poggi, che da circa 6 mesi ha ereditato il ricco e in buona parte inedito materiale accuratamente accumulato e conservato durante i lunghi anni di attivit appassionata. In programma nel Salone dei Dugento di Palazzo Vecchio il 26 gennaio, il convegno prevede la partecipazione del soprintendente Antonio Paolucci e del professore Luciano Berti, gi direttore della Galleria degli Uffizi e soprintendente generale ai beni artistici di Firenze.
A soli 26 anni Giovanni Poggi divenne direttore del Museo Nazionale del Bargello, a 32 direttore della Galleria degli Uffizi, dopo la prima guerra mondiale avvi un riordinamento del sistema museale fiorentino. Fu allora che gli Uffizi divennero ci che sono ancora oggi, che la Galleria Antica e Moderna divenne la Galleria dell'Accademia, sede sussidiaria per la pittura toscana fino al XVI secolo, che fu realizzato a Palazzo Pitti il Museo degli argenti e delle porcellane raccogliendovi le gemme che avevano fatto parte dei tesori gran ducali. Fu soprintendente all'arte medievale e moderna per la Toscana, escluse le province di Siena e Grosseto, dal 1925 al 1949.
Sono una settantina gli scatoloni che raccolgono i materiali accumulati dal mio bisnonno - dice Adriana Magherini -, prima mia madre e adesso io li abbiamo riuniti e, insieme alla soprintendenza, li stiamo catalogando. Si tratta di materiali preziosissimi ed in gran parte inediti, 5.000 lettere, un'enorme raccolta di documenti fotografici, che il mio bisnonno volle che rimanessero a Firenze. Vorremmo con l'aiuto del Comune realizzare una fondazione dedicata a Giovanni Poggi in modo che tutto questo patrimonio possa essere ordinato e messo a disposizione della ulta e degli studiosi. Il convegno del 26 prossimo vuole essere, nelle intenzioni dell'assessore Giani e degli altri organizzatori, proprio un primo passo in questa direzione. Sono venti anni - aggiunge la Magrini - che la soprintendenza sta esaminando il materiale. Ormai il lavoro a buon punto, per questo l'idea della fondazione oggi pu davvero avere un senso.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news