LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TRIESTE - Miramare, serra a fuoco. Muoiono cinque colibr
CORRADO BARBACINI
IL PICCOLO 9 novembre 2011

Corto circuito all'impianto elettrico, gli animali bruciati o uccisi dal fumo.

Il sovrintendente segnal ai vigili sei mesi fa la pericolosit della struttura

Le fiamme hanno distrutto una parte delle serre storiche di Miramare in cui erano ospitati i colibrl. Solo per un miracolo il rogo non si diffuso alle strutture vicine dove si trovano altri volatili e animali esotici. L'incendio divampato ieri attorno alle 8 e ha riguardato fortunatamente solo una porzione della struttura vicino alla siepe poco distante dalla sede della Riserva marina. Cinque volatili sono morti. Bruciati o uccisi dalle esalazioni velenose provocate dal rogo. Ma il paradosso che quello di ieri stato un incendio annunciato. Ha riguardato una delle strutture che erano state poste sotto sequestro dal pm Maddalena Chergia qualche mese fa nell'ambito dell'inchiesta sull'occupazione abusiva degli spazi demaniali da parte del Centro colibr di Stefano Rimoli. Sei mesi fa il soprintendente Luca Caburlotto lo aveva scritto chiaramente ai vigili del fuoco. Aveva rilevato la mancanza di garanzia in merito ai requisiti ordinari e comunque a quelli emergenziali a salvaguardia della pubblica incolumit. L'allarme scattato due minuti prima delle 8 e grazie all'intervento del capo giardiniere Alessandro Castorina e del suo vice Andrea Migliorini stato evitato il peggio: un rogo che avrebbe potuto espandersi a tutte le serre e uccidere 80 colibri, la maggior parte dei quali in attesa di partire verso altre sedi. I due addetti hanno subito aperto i tendoni, rotto i vetri delle finestre e dato aria all'interno della struttura che ormai era piena di fumo provocato dalla combustione della plastica e delle strutture in legno che sostenevano la serra. Nel frattempo dal cellulare di Castorina partita la chiamata al centralino dei vigili del fuoco. Dopo pochi minuti sono giunte due squadre dei vigili del fuoco. Si sono precipitati nelle serre. E hanno in breve avuto ragione delle fiamme. Provocate, secondo i primi accertamenti, da un corto circuito dell'impianto elettrico. Impianto che serviva ad attivare alcuni apparecchi all'interno della serra e comandava l'erogazione del riscaldamento. Era alimentato da una bombola di gas metano che si trova all'esterno della serra stessa, proprio quella che aveva fatto scattare il sequestro dell'area per ragioni di sicurezza. Quando siamo arrivati nella serra i colibri erano come impazziti dal terrore. C'era un fumo denso e l'aria era irrespirabile. Allora abbiamo aperto le porte e poi rotto i vetri, racconta Alessandro Castorina. Prosegue: Ero stato avvisato da un guardiano del parco che aveva visto del fumo uscire dalla serra. All'interno le fiamme bruciavano le strutture di plastica che scendono dal soffitto e servivano per mantenere la temperatura costante all'interno della serra. I due giardinieri hanno fatto l'impossibile per salvare i colibr che erano nella struttura. Ma, come detto, per cinque esemplari non c' stato nulla da fare. Due uccellini sono morti quasi subito. I giardinieri hanno trovato i loro corpi per terra, sul pavimento, aggiunge Castorina. Che a causa del tempo prolungato di permanenza all'interno della struttura ha subito, come il collega Migliorini, un principio di intossicazione. Ma i due non hanno voluto essere visitati e curati al pronto soccorso. Un rapporto sull'episodio sar inviato nelle prossime ore dai responsabili dei vigili alla procura della Repubblica. Se la dinamica dell'accaduto apparsa chiara fin da subito, resta da capire se comunque sussistano responsabilit colpose in ordine all'accaduto. La struttura era stata messa sotto sequestro preventivo dal pm Chergia sia per l'occupazione abusiva del suolo demaniale che per i consistenti debiti mai onorati da parte di Stefano Rimoli. Ma nello scorso ottobre l'intricatissima questione era stata avocata dalla Direzione regionale dei Beni culturali, alla quale il tribunale ha infine imposto da quella data il pagamento di luce, acqua. Vada s che il provvedimento ha seppur indirettamente riguardato anche la manutenzione delle serre stesse fino al loro smantellamento previsto dopo il trasferimento degli uccellini. Ed chiaro che l'impianto elettrico il cui malfunzionamento ha causato, secondo i pompieri l'incendio, rientra nelle competenze della stessa Direzione regionale dei Beni culturali. I vigili del fuoco sono rimasti a Miramare fino quasi a mezzogiorno. Hanno effettuato un approfondito sopralluogo e oggi verosimilmente torneranno a controllare la struttura. A destra, il disastro causato dal fuoco nella serra; a sinistra e sotto mobilitazione di uomini e mezzi.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news