LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pronti a tagliare 90 mila metri quadri di cartellopoli
06/11/2011, IL TEMPO



Una cifra esatta al centimetro ancora non c'è. Ma potrebbe essere questa la perdita di superficie che contribuirà a ridare decoro a Roma, se dalle buone intenzioni si passerà ai fatti, se cioè il Piano regolatore degli impianti pubblicitari, approvato in giunta a febbraio, avrà il semaforo verde anche in Aula Giulio Cesare. Ieri anche l'assessore alle Attività produttive Davide Bordoni ha chiesto una rapida calendarizzazione della discussione. «Roma è pronta da mesi a fare il grande passo di discontinuità con il passato, contrastando l'abusivismo degli impianti pubblicitari attraverso l'approvazione del piano regolatore» ha detto Bordoni che ha ricordato che «la prima fase dell'iter dello strumento normativo è conclusa. E occorre che l'assemblea capitolina calendarizzi subito la discussione del piano». Le regole non riguarderaranno solo la superficie. Ma anche il posizionamento con il rispetto di codice della strada e vincoli architettonici e dei beni culturali. E il rispetto della distanza minima. Regole anche per la giungla delle ditte autorizzate a piantare cartelloni, 404 a Roma. A Parigi e Londra, ma anche a Milano e Napoli, non superano la decina. Si calcola che oggi nella Capitale vi sia una superficie di 250 mila quadri di cartellonistica pubblicitaria. Un dato ricavato dalla banca dati delle autodenunce. «Con la delibera 37 del 2009, infatti - spiega Filippo Guardascione, portavoce del comitato Basta Cartelloni (associazione civica che vede con favore il Piano regolatore) si pianta un cartellone ovunque e in attesa dei controlli basta autodenuciarsi e pagare un canone». La superficie in discussione prevede la riduzione a circa 160 mila, 90 mila in meno degli attuali. Intanto si muore. Su via Tuscolana l'ultimo gravissimo incidente costato la vita a una coppia di fidanzati trentenni. Il giovane è morto sul colpo nello schianto dello scooter contro un cartellone abusivo posto sullo spartitraffico su via Tuscolana. Venerdì è deceduta anche la fidanzata, ricoverata in gravissime condizioni al San Giovanni. Anche per questo «l'approvazione del Piano Regolatore è fondamentale» ha concluso l'assessore Bordoni che si augura «che anche l'opposizione lo capisca, invece di convincersi che solo sparando addosso all'avversario si possa fare qualcosa di buono per la nostra città». Se sarà così dopo 20 anni la città avrà regole certe e chiare che potrà far rispettare, principi condivisi con le Soprintendenze. «Da tre anni a questa parte abbiamo fatto una pianificazione che non era mai stata fatta - ha ricordato l'assessore - e, contemporaneamente, portato avanti il ciclo di rimozioni di cartelloni irregolari, in collaborazione con i gruppi territoriali di Polizia Municipale. Ci siamo confrontati con associazioni cittadine e ambientaliste facendo conoscere loro come opera una pubblica amministrazione. Le rimozioni annuali che Roma Capitale effettua, le multe al pubblicizzato, i procedimenti a carico delle ditte sospette sono segnali tangibili di chi non sottovaluta il problema, ma sta facendo tutto quello che è in suo potere per risolverlo».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news