LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trieste. Lloyd triestino, la storia che vale tutto un museo
Gabriella Ziani
Il Piccolo - Trieste 4/11/2011

Rifatto l'inventario dell'archivio, 6mila pezzi per anni collocati in Porto Vecchio
Dai modellini alle stampe, va formalizzato il dono della Regione al Comune

Una storia centenaria con pezzi di inestimabile valore sta da oltre 12 anni chiusa in scatoloni da trasloco sigillati da nastro adesivo ma potrebbe presto diventare propriet del Comune di Trieste. Per complesse e annose ragioni sta in magazzino ci che resta dell'archivio del Lloyd Triestino, o per meglio dire Lloyd Austriaco, compagnia di navigazione nata nel 1836, la pi gloriosa impresa di navi, mare e commercio internazionale della Trieste di ieri, con le prime linee verso l'Oriente e Suez, la costruzione di cantieri e supernavi, e negli anni Trenta 153 agenzie marittime sparse nei cinque continenti. Annessa, anche la Terza sezione artistico-letteraria, per stampe interne, pubblicazione della rivista "Sul mare" e della collana libraria "Letture di famiglia", e dunque con un cospicuo lascito di giornali, grafiche, manifesti pubblicitari, locandine firmate dai pi celebri autori dell'epoca. E poi straordinari modellini di scafi, quadri (di Scomparini, Passauro, Hermann Lamb, Lannes, Zangrando), acquerelli, stampe e illustrazioni (Orell, Marussig, Cernigoj, Cadorin, Dudovich, Chersicla), incisioni, arredi, foto (anche dei Wulz), documenti di bordo anche manoscritti, libri, posaterie in uso sulle bianche navi da crociera. Oltre 6000 i pezzi residui, che da soli farebbero il pi gran museo della citt, raccontando la sua vera storia sul mare e potendo poi aggregare collezioni private in tema, davvero cospicue e anch'esse a rischio. Proprio in questi giorni un'avventura si conclude. L'archivio, dal 2010 ospitato nel magazzino del Museo del mare, ultima tappa di eterni traslochi, stato sottoposto a un inventario in contraddittorio da funzionari del Comune e della Regione, per una verifica asseverata di ci che veramente c' nei pacchi, e di che cosa nel frattempo sparito rispetto a un inventario precedente. In 10 mesi di assiduo e appassionato lavoro, sotto la guida di Adriano Dugulin, direttore dei Civici musei ma all'epoca in cui l'indagine ebbe inizio anche direttore dell'Area cultura, il bibliotecario Stelio Zoratto ha preso in mano con estrema dedizione ogni pezzo, assieme ad Alessandro Maraspin, funzionario dell'Area patrimonio della Regione, e con Claudio Raini a fotografare ogni tavola, ogni zuccheriera, ogni lettera che usciva dagli scatoloni. I dettagliati cataloghi adesso sono pronti. L'operazione si resa necessaria per definire la propriet dell'archivio. La Regione lo ha donato al Comune, ma l'atto non stato mai formalizzato. Quando Regione e Comune prenderanno ufficialmente atto del riscontro veritiero, la Regione potr deliberare la donazione al Museo del mare. Che tuttavia non ha assolutamente gli spazi per espone un simile tesoro, n li ha il Comune tutto. Enormi e stupendi modelli di nave sono "stoccati" nelle loro vetrine l'uno sull'altro, gli scatoloni sono in scaffali, dall'alto spuntano inquietanti teste di manichini con le ricostruite divise "lloydiane". Per 11 anni la Regione ha tenuto questi beni in un container della ditta di traslochi Gondrand, depositato nei silenzi di Porto vecchio. Masserizie anche queste.
La Regione aveva comprato nel 1991 da Finmare il palazzo del Lloyd triestino in piazza Unit per farne la propria sede. Nel 2004 (giunta Illy) sono iniziati i lavori di restauro e c'era gi stato un principio d'incendio. Obbligatorio spostare i materiali storici. L'affitto in Porto vecchio costato alla Regione 60 mila euro all'anno, un totale di oltre 300 mila euro. Fino all'accordo col Comune: donazione. Ma subordinata a questa revisione ufficiale. La storia, si diceva, lunga e contorta. Il Lloyd Austriaco divenne Austro-ungarico nel breve periodo marzo 1874-dicembre 1899, e "Triestino" nel 1919 dopo la prima guerra mondiale. Passato alla Finmare, societ dell'Iri, nel 1998 fu privatizzato e venduto alla taiwanese Evergreen, che col nome di Italia marittima lo controlla attraverso la Greensisam di Pierluigi Maneschi. Dell'originale non resta ovviamente che il ricordo.
All'atto della privatizzazione la pi consistente parte dell'archivio (5000 pezzi) era stata venduta dalla Finmare alla Regione, per 740 mila euro. Un'altra porzione era stata ceduta a Evergreen. Nel 2002 Finmare, ormai in liquidazione, don alla Regione la restante porzione in suo possesso, tra cui c'erano i lotti contenenti tra l'altro i verbali di consigli di amministrazione, foto, libri, quadri e stampe. Per i 150 e 170 anni della compagnia libri e mostre hanno rispolverato i gioielli di famiglia. Molti pezzi nel tempo (anche quadri) sono andati perduti in tanti passaggi, in tante tempeste. Resta da verificare che cosa possiede ancora Evergreen. Poi si aprir (speriamo) la grande domanda: che cosa facciamo di tutto ci?



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news