LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caserta. Reggia chiusa a Ognissanti, le bacchettate del ministero
Lorenzo Calò
Il Mattino - Napoli 3/11/2011

Lo scontro. Il sottosegretario: gli straordinari? Possibile attingere al fondo unico
La replica: non ci danno soldi neppure per la luce
Villari: una sconfitta per il Paese le porte chiuse ai visitatori
La Soprintendente: risorse esigue

CASERTA. Arriva fino al ministero dei Beni culturali l'eco delle polemiche scaturite dalla mancata apertura della Reggia nel giorno di Ognissanti: i cancelli di Palazzo reale sono rimasti sbarrati costringendo centinaia di turisti a fare marcia indietro. Certo, vero è che il 1 novembre, martedì, è coinciso con la giornata di chiusura settimanale del monumento; vero è anche che le risorse da Roma arrivano con il contagocce; tuttavia la vicenda è stata bollata da Riccardo Villani, sottosegretario ai Beni culturali come «una sconfitta per l'intero patrimonio culturale del Paese. Va tenuto conto certamente della costante flessione del numero dei visitatori e della riduzione del numero di addetti, ma quanto si è verificato va addebitato a una non perfetta gestione del sito che invece avrebbe meritato maggiore attenzione dal punto di vista della programmazione». Insomma, chiarisce Villari, «le risorse del ministero sono esigue ma esiste un Fondo unico di amministrazione, che, in presenza di una programmazione per tempo delle attività museali, avrebbe potuto certamente garantire l'apertura della Reggia nel giorno festivo». Una risposta alle motivazioni addotte dalla sovrintendente Paola Raffaella David, che non ci sta a fare da capro espiatorio. E rilancia: «Si parla di programmazione speciale quando dal ministero non arrivano neppure le risorse sufficienti a pagare le spese di gestione - spiega - La nostra dotazione annua è di 70 mila euro e se non attingiamo a fondi straordinari rischiamo di vederci staccare persino la luce». David non chiude all'ipotesi di partnership con i privati e alla possibilità che anche le Sovrintendenze non speciali, possano attingere ad altre forme di finanziamento. Ma il caso di Palazzo reale rimasto chiuso nel ponte di Ognissanti - a fronte di una costante diminuzione del numero annuo di visitatori - ha innescato feroci polemiche. La parlamentare del Pd Pina Picierno ha parlato di «situazione scandalosa per un monumento dichiarato patrimonio dell'Unesco». Si parla di ingresso di privati e di progetti di rilancio, eppure il percorso è tutt'altro che semplice. «E’ necessaria una semplificazione normativa - sottolinea Villari - una opzione che può prevedere la partecipazione di soggetti privati, sebbene occorra una univoca interpretazione delle norme che consentono le agevolazioni fiscali per le quali stiamo dialogando con l'Agenzia delle Entrate». E per un rilancio complessivo del settore in Campania il sottosegretario annuncia una convention per le prossime settimane: «Il centrodestra si fa promotore di una campagna di ascolto e dialogo con sindaci, istituzioni, delegazioni parlamentari e regionali - dice - questa è la strada per offrire concrete prospettive di sviluppo al territorio».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news