LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UMBRIA: IN FASE CRUCIALE LAVORI PER PIANO PAESAGGISTICO
Notiziario Marketpress di Gioved 03 Novembre 2011






Perugia, 3 novembre 2011 - Con una "informativa" in Giunta regionale e una nuova riunione del Comitato paritetico costituitosi a gennaio di questanno, a seguito della sottoscrizione del protocollo di Intesa tra Regione Umbria e Ministero per i Beni e le Attivit Culturali e Ministero dellAmbiente, i lavori di formazione del Piano Paesaggistico Regionale entrano nel vivo di una agenda di lavori di grande rilievo e complessit per il governo del territorio regionale. Le novit normative introdotte dal Codice del Paesaggio nel 2004 e dalla legge regionale 13 del giugno 2009 ridisegnano contenuti, modalit, procedure di approvazione del Piano Paesaggistico della Regione Umbria, attraverso un processo di copianificazione tra Stato e Regioni. "E un Piano questo, sottolinea lassessore allambiente Silvano Rometti su cui la Regione Umbria punta molto in quanto la tutela e la valorizzazione del paesaggio sono fattori determinanti per le politiche di governo del territorio, costituendo anche una leva per lo sviluppo economico. La tutela del nostro paesaggio non un lusso o il frutto di una semplice e pur giusta sensibilit ambientalista; la difesa della peculiarit, singolarit e bellezza degli scenari e della natura umbra, che segnano lidentit della nostra regione, sono una primaria risorsa del nostro turismo e della competitivit sul mercato delle produzioni umbre, siano esse di carattere culturale, agricolo, enogastronomico o altro ancora". "Il Piano Paesaggistico, ha continuato lassessore, dovr mirare ad elevare la qualificazione paesaggistica degli interventi edilizi ed urbanistici, ispirandosi a principi di sviluppo sostenibile per preservare il pi possibile lambiente, il paesaggio ed il territorio, specie quello agricolo. Si potr costruire, ove possibile, con sempre maggiore attenzione al paesaggio circostante; si dovranno valorizzare, con specifici progetti, i paesaggi identitari e rafforzare cos limmagine storica dellUmbria; si dovranno avere maggiori certezze su cosa possibile fare e su cosa non si pu fare allinterno delle aree vincolate". Il lavoro del Comitato paritetico, fanno notare gli Uffici regionali per la valorizzazione del territorio e la tutela del paesaggio, si presenta vasto e complesso, in quanto il Piano frutto di una condivisione e compartecipazione, attraverso una governance multilivello che vede coinvolti diversi livelli istituzionali: lo Stato, la Regione, le Province i Comuni e le Regioni contermini. Il Piano Paesaggistico sar lunico strumento di regolazione delle trasformazioni territoriali dal punto di vista paesaggistico ed sovraordinato agli strumenti urbanistici delle Province, Ptcp, e ai Prg dei Comuni, che si dovranno adeguare al Piano. Il Piano Paesaggistico interessa infatti tutto il territorio regionale, sia le aree vincolate che quelle non vincolate, dettando per le prime le prescrizioni duso allinterno dei beni paesaggistici, cio sostanzialmente lelenco degli interventi ritenuti non ammissibili mentre, per le seconde, le misure per il corretto inserimento paesaggistico degli interventi di trasformazione edilizia e urbanistica. Il Piano inoltre nellindividuare 19 Paesaggi regionali, come ambiti dotati di peculiari qualit identitarie dinsieme, che li rendono riconoscibili e significativi in quanto unitariamente rappresentativi del paesaggio regionale e allinterno di questi paesaggi delle strutture identitarie, detta indirizzi e direttive coerenti coi valori e gli obiettivi di qualit predeterminati. Il Piano dellUmbria, fanno ancora notare gli Uffici regionali, concepito come un dispositivo dinamico che perfeziona progressivamente conoscenze e tutele e punta a concordare ed "integrare" volont e scelte che, in un territorio come quello umbro, sostanzialmente preservato dalla speculazione ambientale e urbanistica, sono rese agevoli dalla possibilit di "preservare" piuttosto che di "ripristinare" situazioni gi compromesse, pur essendo presenti "paesaggi critici" e "paesaggi in abbandono" dove forte diventa il tema della "riqualificazione" Per altro verso, la "copianificazione" allinterno del Comitato paritetico dovr essere in grado di omogeneizzare visioni potenzialmente diverse, tra istituzioni locali e organi statali. Nel corso della riunione dello scorso settembre i rappresentanti delle istituzioni componenti il Comitato (Regione, Direzione regionale per i beni culturali e Sovrintendenze ai beni architettonici e archeologici e rappresentanti ministeriali) hanno, riferiscono i responsabili regionali, "condiviso in modo risolutivo lelenco di otto tipologie paesaggistiche allinterno dei Beni paesaggistici e la definizione delle prescrizioni duso di una di esse, di rilevante valore semiologico: quella delle Aree rurali a trama minuta. Questo risultato - a giudizio dei funzionari della Regione - fondamentale perch consentir di procedere in modo pi certo e spedito per la definizione delle prescrizioni duso per le altre tipologie, al fine di stabilire tempi certi per lapprovazione del Piano, che obiettivo irrinunciabile per la Regione". La diffusione della conoscenza del Piano, il suo recepimento negli strumenti comunali di pianificazione territoriale, le novit introdotte nella redazione e controllo dei progetti di trasformazione territoriale, richiedono una profonda e capillare attivit di informazione e formazione diffusa sul territorio, rivolta alle amministrazioni e anche ai professionisti. Sono da segnalare, a questo proposito, lavvio e lo svolgimento, tra novembre e gennaio prossimi a Villa Umbra di Pila, di un seminario formativo e informativo per personale regionale, provinciale e comunale e la pubblicazione di pagine web, dedicate al Piano, rintracciabili allinterno del portale istituzionale Umbriageo.

http://www.marketpress.info/notiziario_det.php?art=199070


news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news