LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ribelle che cambi la storia dell'arte
MARCO VALLORA
LA STAMPA 2 novembre 2011

Quando Roberto Longhi scrive queste gi pirotecniche pagine, mature d'intelligenza critica e accese di scapigliata visualit letteraria, nel precoce 1916, non solo , incredibilmente, un ventiseienne di tempra esplosiva, ma la stessa storia moderna dell'arte nostrana ancora vagisce, alla ricerca d'una sua ferma fisionomia. Il patriarca-polimorfo Adolfo Venturi lo accetter con sospetto sulle pagine dell'Arte, il di pochissimo pi maturo figlio Lionello (qui cautamente riverito in nota) non ancora un temibile, deriso rivale, Longhi sta sprezzantemente prendendo le distanza anche dal guru-dandy lituano Berenson, che avrebbe dovuto tradurre e che sta gi invece mettendo in irriverente discussione (come testimoniato dal bellicoso epistolario Adelphi, sulfureamente prefato da Garboli). Berenson o dei valori tattili: che s' adagiato sulle colline dei Tatti di Firenze, tronfio della primazia vasariana dell'arte disegnativa di questa cittadina ancora post-rinascimentale, mentre Longhi, il ribelle, avverte vivo il richiamo, anche vernacolare, periferico, del colore pittorico, sanguinante. E soprattutto appena uscito dalle sbornie anticonformiste del Futurismo, e dalla passione formante per il defunto Boccioni. Collabora alle pagine teppiste di Lacerba e la Voce, quella di Papini, non ancora sopito dalla conversione cattolica, e del mago Prezzoli-ni, interlocutore-principe, per ora. E alcuni lapilli di quel fal irridente d'avanguardia, entro la gabbia ferrea d'una acribia filologica impressionante, giungono comunque sino a queste prime pagine dedicate al caravaggismo, lucide di vigore e di vivezza stilistica. Nato ad Alba (l'ex sodale Zeri diceva, per spregio, dalla famiglia d'un saltimbanco girovago) a questa data Longhi non ancora il mitico professore dalla sigaretta pendula e la battuta ferale, che avrebbe stregato Bertolucci, Pasolini, Bassani e Testori, oltre a tutti i nipotini d'arte longhiani, suoi doni. Non ancora lo stilista sommo, che avrebbe convinto Contini ad annoverarlo tra i migliori prosatori d'Italia e curargli il Meridiano, n il killer infallibile delle derise, confutate attribuzioni altrui, conversatore-funambolo del salotto Cerchi e occhio dalla memoria proverbiale. Ma siamo gi sulla buona strada e quanto s'intravede qui della sua geniale verve di narratore visivo, d'intrattenitore irresistibile e vivace, avvistando la sorgente pulsante del suo metodo critico. Che deve tutto alla parola cara a Plinio: ekfrasis. La critica non deve far altro, con la parola, che replicare, riprodurre, magicamente, lo choc visivo che un'opera d'arte provoca (fa molto di pi, con lui. Ma il prodigio proprio quello: tu vedi con le parole, e t'entusiasmi, empaticamente). L'attacco: Si ha un bel ridire che Caravaggio il fondatore di tutto il '600: subito in medias res, come il suo amato Verdi: una strappata in osteria. L'incipit teatrale, colloquiale, ammiccante, per spostare da subito l'attenzione dal titolo-cammeo, pur cos romanzesco: Gentileschi, padre e figlia. Ma lui non vuole proporci una monografia monotematica (distrattamente, dopo molte pagine: Ritorno ora su Orazio, per dedicargli qualche nota meno fugace, che non pretende tuttavia uno studio completo, questo lo far anni dopo e nemmeno poi cos organicamente). Certo, gl'interessa lo strano, inusuale per l'epoca, rapporto tra padre e figlia, ma da buon puro-visibilista gl'interessa solo la pittrice, la conduttrice di panneggi e pennellate, fratte in liquidit magistrali, in lampi molli e grassi, in anfratti pittoreschi. Men che meno la storia dello stupro di lei, non si conoscevano ancora bene gli atti del processo contro Agostino Tassi, o il riverbero, nell'iconografia, di barbare virago decapitanti, tra esuberi di schizzi organici. Non un vorace iconologo! E talvolta se la cava anche con un po' di misoginia, butta l una Gentilesca maramaldesca, in parte diminuente, perch il suo occhio gli fa comunque preferire il padre. Anche se sa bene che lei, la temperamentosa Lombarda in terra toscana (il padre pisano) per quel suo dipingere corposo, padano, appunto caravaggesco, dalla sana e forte pennellata nonostante troppe cesellature stucchevoli, l'unica pittrice, in Italia (sua la Maddalena pi signoresca di tutto il '600) capace di competere con gli uomini (per carit, le Tintorette, le Sofonisbe, le Lavinie, passa via!). Ci penser poi la moglie, l'aspra, arguta Anna Banti, sua giovane allieva, costretta ad abbandonare la carriera d'avviata e sapiente storica dell'arte (e lamentosa per sempre, di questa sua costrizione-castrazione, un po' come Alma Mahler, perla composizione) a nobilitarla in un magnifico romanzo-saggio, Artemisia, che andr bruciato, in un bombardamento, e riscritto genialmente, tenendo conto di quel vulnus di cenere. A Longhi, pur nell'istintiva idiosincrasia per il Barocco vuoto, che era anche di Croce e di Ruskin, sta a cuore soprattutto il destino europeo, olandese, di Caravaggio, quando non erano ancora di moda le abborracciate mostre caravaggesche. Un'ombra lunga, che raggiunge e penetra anche allievi come Vermeer, Rembrandt, Hals, Velazquez, pronto lo slogan provocatorio: Velzquez, non che Caravaggio vissuto qual-:he anno in pi. E dal prossimo cultore dei pittori della realt, dal futuro paladino di Guttuso realista, un curioso fastidio per Gentileschi, che parafrasa Caravaggio ma mettenioci troppo vero.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news