LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Scala in tempo di crisi: niente pi casta gratis
di Silvia Truzzi
Il Fatto Quotidiano, 1 nov. 2011


DECISIONE DELLA GIUNTA PISAPIA: I VIP PAGHERANNO IL BIGLIETTO PER LA PRIMA





Casta diva, anzi no: basta casta. La Prima della Scala, simbolo mondiale di opulenza e mondanit, questanno sar allinsegna del rigore. Il sindaco Pisapia ha deciso di diminuire il numero dei privilegiati che di solito entrano a sbafo allesclusiva soire del 7 dicembre. Ciao ciao ai portoghesi di lusso e alle sfilate dordinanza col biglietto degli altri. Niente pi ingressi gratis per assessori, capigruppo e membri dellufficio di presidenza del consiglio comunale. Non solo: Palazzo Marino, che in base a un accordo con il Teatro, come riferisce Repubblica, ha diritto a circa un centinaio di biglietti da inviare alle autorit, sta pensando di metterne una parte in vendita. Come dire ai notabili della Madonnina: se volete venire alla Prima, pagatevi il biglietto. Il che sarebbe un segnale di sostegno agli enti lirici viepi tagliati, oltre che una dimostrazione di consapevolezza e solidariet in un periodo di difficolt economica generale. Laria per la casta diventata irrespirabile: basta guardare quanti gruppi e con che numeri su Facebook chiedono la riduzione dei parlamentari e dei loro stipendi, delle auto blu e dei pasti camerali a prezzi stracciati. E la Prima per eccellenza unoccasione di raccolta fondi: quale momento migliore per dare il buon esempio?

Lo spettacolo in questione il Don Giovanni di Mozart (i seduttori sono il nostro forte) diretto da Daniel Barenboim per la regia di Robert Carsen: i biglietti vanno dai 50 euro del loggione ai duemila delle super poltrone. Non ci sar nemmeno il cenone per vip o pseudo tali che ha animato i Palazzi negli anni della Letizia. Unico evento correlato, a parte le feste private, un party organizzato dal Teatro alla Societ del Giardino. Gentilmente offerto dagli sponsor, accoglier circa duecento invitati. Sembra scontato che nellannus horribilis della crisi il Comune dia una regolata a se stesso, prima di chiedere sacrifici ai cittadini? Indubbiamente. Ma i precedenti di sfarzi e sprechi nella Milano dellera Moratti non mancano. Nel 2006 in scena lAida il neo sindaco invit 750 ospiti a Palazzo Reale: 40 cuochi, 120 camerieri. Donna Letizia prest perfino le tovaglie in lino di casa sua. Candele a pi non posso, enormi foglie di palma a centro tavola: le cronache riferiscono che c'era pure il sarcofago con la mummia di Aida che l'assessore alla Cultura (Vittorio Sgarbi, e chi senn?) aveva fatto traslare da Narni. Alla rappresentazione, ma non a cena, andarono lallora premier Romano Prodi e Angela Merkel, che ancora intratteneva civili rapporti di cortesia con lItalia. A quei tempi del resto era solo la Cancelliera, non ancora culona e nemmeno il resto. Due anni dopo, nel 2008, la prima metteva in scena il Don Carlo, la Moratti diede una super cena per 850 persone: costo delloperazione 350 mila euro.

Pisapia in buona compagnia: domenica il presidente della Repubblica pi indaffarato della Storia andato con la moglie alla Festa del cinema di Roma a vedere Lindustriale di Giuliano Montaldo, storia di un imprenditore che cerca di far sopravvivere la sua azienda ai tempi della crisi, senza cedere alla tentazione della scorciatoia sotto forma di tangente. Giorgio e Clio Napolitano si sono pagati il biglietto come una coppia qualsiasi. Per motivi di sicurezza sono entrati dal retro, senza tappeti rossi e cerimonie di sorta. Applausi da pi parti per un gesto normale quasi ovunque, piuttosto rivoluzionario alle nostre latitudini. Il presidente atteso anche alla Scala, dove gli unici due membri della giunta Pisapia invitati saranno il sindaco medesimo e, per competenza, lassessore alla Cultura Stefano Boeri. Che spiega: Vogliamo ridurre al minimo i privilegi, senza fare inutile demagogia. Aspetto importante, ma non lunica faccia delloperazione Scala: il Comune sta cercando di portare lopera dentro la citt. Il 4 novembre, come di consueto, le prove generali saranno aperte. E poi la Prima, oltre al maxi-schermo di Galleria Vittorio Emanuele, sar proiettata anche in alcuni teatri di periferia, un modo per far partecipare allevento tutta Milano. Inclusione il contrario di privilegio: Vorremmo che il Don Giovanni diventasse una specie di colonna sonora della citt, spiega ancora Boeri. Stiamo organizzando un incontro pubblico di Barenboim e un concerto di venti pianoforti con musiche ispirate allopera di Verdi. Non sappiamo ancora dove, ma dovrebbe essere il 26 novembre. Chiss se, davanti alla Scala della moderazione, ci saranno le contestazioni di rito.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news