LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vincolo di paesaggio più ampio
Oberdan Forlenza
Il Sole 24 ore 3-GEN-2005

Sono due gli aspetti più importanti della sentenza n. 7667/2004 della VI sezione del Consiglio di Stato: la riaffermazione della centralità del paesaggio e della sua tutela tra i valori costituzionalmente rilevanti e il riconoscimento del fatto che la tutela del paesaggio deve realizzarsi a prescindere da ogni valutatone degli interessi dei privati.
II giudice amministrativo ha sottolineato ancora una volta aspetti rilevanti della legislazione in tema di tutela del paesaggio, che — se pur riferiti alla normativa previgente sia al Testo unico dei beni culturali (decreto legislativo n. 490/1999) sia al Codice dei beni culturali (decreto legislativo n. 42/2004) — conservano tutta intera la loro validità anche con riferimento alla disciplina successivamente intervenuta. Più precisamente:
a) innanzitutto, secondo il Consiglio di Slato, «la materia del paesaggio non è riducibile a quella dell'urbanistica né può ritenersi in quest'ultima assorbita o subordinata», con la conseguenza che non può mai costituire un vizio della funzione di tutela del paesaggio «il mancato accertamento della esistenza nel territorio oggetto dell'intervento paesaggistico di eventuali prescrizioni urbanistiche», le quali, come si è detto, rispondono ad esigenze diverse;
b) i vincoli imposti ad un bene in quanto «di particolare interesse sotto il profilo paesaggistico» ed i piani paesistici costituiscono strumenti che hanno effetti del tutto diversi, anÉche se talvolta concorrenti, con la conseguenza che l'approvazione dei piani non può mai vanificare il vincolo paesaggistico;
e) infine, il vincolo paesaggistico non richiede «una ponderazione degli interessi privati unitamente e in concorrenza con quelli pubblici connessi con la tutela paesaggistica», e ciò in quanto: in primo luogo, «la dichiarazione di particolare interesse sotto il profilo paesistico non è in concorrenza con gli interressi pubblici connessi con la tutela paesaggistica»; in secondo luogo, perché tale dichiarazione «non è un vincolo a carattere espropriativo», poiché essa si limita a dichiarare l'appartenenza "originaria" del bene ad una categoria di interesse pubblico; da ultimo, perché l'articolo 9 della Costituzione «erige il valore estetico-culturale a valore primario dell' ordinamento».
I principi ora richiamati rappresentano la conferma di una linea interpretativa del giudice amministrativo da tempo consolidata e meritano di essere assolutamente condivisi.
Ed infatti, è del tutto evidente l'assoluta autonomia delle previsioni del piano paesistico (e degli strumenti di tutela) dalle previsioni urbanistiche. È bene ricordare come anche V articolo 145 del Codice dei beni culturali attualmente prevede che «le previsioni dei piani paesaggistici (...) sono cogenti per gli strumenti urbanistici» e «sono immediatamente prevalenti sulle disposizioni difformi» eventualmente in essi contenuti.
Quanto ai rapporti tra atto di imposizione del vincolo paesaggistico e piano paesistico, occorre ricordare che, mentre il primo è il provvedimento con il quale si sottopone il diritto di proprietà ad una serie di limitazioni, prima fra tutte quella consistente nel divieto di iniziative volte ad alterare o a distruggere la cosa vincolata, senza previa autorizzazione della Regione (o, su sua delega, del Comune) con la quale si verifica l'assenza di pregiudizio nella prospettata attività, il piano, invece, costituisce il principale strumento di attuazione della protezione delle bellezze naturali. Esso presuppone la imposizione del vincolo ed è il mezzo di regolamentazione generale dei beni immobili che sono assoggettati allo speciale regime di controllo amministrativo.
In definitiva, mentre il vincolo costituisce lo strumento diretto di conservazione e tutela del bene paesaggistico, il piano ne rappresenta una conseguenza. Esso è uno strumento di operatività, in una logica di programmazione delle attività di salvaguardia che sottragga la tutela del bene alla episodicità della singola autorizzazione o del diniego della stessa.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news