LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ma che Bananitalia! In mostra a Palazzo Pitti i 150 dell'Italia unita
Tomaso Montanari
Il Fatto Quotidiano, inserto Saturno, 14 ottobre 2011

Consigliare di non andare a vedere La bella Italia (che ha in cartellone Giotto, Masaccio, Michelangelo, Raffaello, Tiziano, Bernini, Algardi, Tiepolo, Canova and so on), è come parlar male di Garibaldi. A visitarla, tuttavia, montano una depressione ed una rabbia che si allentano solo quando, finalmente, si apre la porta sul Giardino di Boboli, e il sole di questo incredibile ottobre fiorentino ricorda che una bella Italia esiste davvero, e per fortuna non è quella.
Il burocratico comunicato stampa dice che «nel centocinquantesimo dell’unità d’Italia, Firenze … non poteva mancare di rendere omaggio a tale felice ricorrenza». Così si è pensato di rimontare a Palazzo Pitti la seconda edizione della mega-mostra celebrativa già vista alla Venaria Reale.
Ma l’Italia non è antologizzabile. Il nostro non è «il paese più bello del mondo» (secondo un celebre giudizio di Stendhal citato dagli organizzatori) perché possieda molte singole opere d’arte eccellenti, ma perché consiste in un tessuto continuo, unico al mondo, di chiese, palazzi, cortili, giardini, paesaggi. E celebrare tutto questo attraverso un incrocio tra un manuale di storia della pittura e una raccolta di vedute (condito da poche sculture e da qualche oggetto sparso) è una specie di riflesso pavloviano indotto dal sistema-mercato delle mostre che ammorba la cultura artistica contemporanea. Sarebbe stato più saggio, intelligente e morale spendere quei soldi (più di un milione e mezzo di euro) per offrire un viaggio lungo tutta la penisola ai più meritevoli tra gli italiani che nel 2011 compiono diciotto anni, o magari per finanziare un film che ripercorresse la magnifica serie dell’Italia vista dal cielo realizzata da Folco Quilici quarant’anni fa.
Anche a dimenticarsi di tutto questo, l’impressione è disastrosa. La Bella Italia è il tipico esempio di come non si progetta una mostra: cioè a tavolino e in astratto, fingendo che Roma sia un po’ di antico (sarcofagi, busti e rilievi mescolati a casaccio) e un po’ di sacro (accostando busti papali barocchi e triregni ottocenteschi), Napoli sia il Vesuvio e la Spagna, Venezia i ritratti dell’oligarchia, e così via, per ovvissimi luoghi comuni. Ma se in un libro illustrato tutto questo può forse funzionare (magari senza grandi entusiasmi), una mostra deve fare i conti con i rapporti figurativi, qualitativi e dimensionali tra le opere, con gli spazi dell’allestimento e con la percezione del povero visitatore. E invece la mostra si diffonde come una metastasi dentro il gran corpo di Pitti, finendo per disperdersi in sale monumentali (surreali i calchi moderni, in cemento, dalla Colonna Traiana spiaggiati contro gli affreschi secenteschi dell’appartamento estivo), o costiparsi in ambienti minuscoli (con la grande Annunciazione sabauda di Orazio Gentileschi quasi appoggiata per terra), provocando effetti esilaranti (un San Domenico catalano di fine Duecento in fitto dialogo con un ritratto borbonico di Ferdinando Liani), o terrificanti (il sublime e fragilissimo Francesco I d’Este di Bernini umiliato ad altezza posacenere, a guardare intensamente una uscita d’emergenza verdefregiata).
Mai come in questo caso sarebbe stato necessario un apparato didattico che provasse a dare un senso a questo guazzabuglio, che non ha niente di storico-artistico, niente di storico, pochissimo di ideologico e quasi tutto di pretestuosamene occasionale . E invece i cartellini sono così reticenti che i più ignari e remoti tra i turisti penseranno di passeggiare tra gli stands di una incredibile mostra internazionale dell’antiquariato.
Come è possibile ¬ – viene da chiedersi – mettere a segno un simile autogoal proprio volendo celebrare gli altissimi fasti artistici dell’Italia unita? Lo sconcerto è tale che quando si apprende che il capo dei curatori della Bella Italia è il direttore dei Musei Vaticani viene un terribile sospetto: non è che a Palazzo Pitti si sta consumando un’occulta vendetta vaticana, in anticipo di nove anni sul centocinquantesimo anniversario della Breccia di Porta Pia?



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news