LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIBIA - Libia, passato a rischio La nostra missione a Leptis Magna stata sospesa con l'inizio del conflitto, forse riprender nel 2012. Per quanto sappiamo, i siti pi noti non hanno subito danni gravi
ANDREA D'AGOSTINO
AVVENIRE 11 ottobre 2011

A cosa serve oggi il patrimonio archeologico? Ha senso programmare campagne di scavo all'estero, soprattutto in aree come Medio Oriente o Nordafrica, dove le rivolte contro i vari governi in alcuni casi sono sfociate in vere a proprie guerre? E quale contributo pu venire dalle istituzioni o dagli sponsor privati? Sono alcune delle domande pi urgenti che si pongono gli esperti che intervengono domani al convegno sulla Cooperazione internazionale per il patrimonio archeologico all'Ecole Francaise di Roma, uno dei principali eventi nell'ambito della seconda edizione di Diplomacy, il festival internazionale dedicato alla diplomazia. La ricerca, oggi, davanti a un bivio: da una parte, strumenti innovativi e tecnologie approfondite hanno fatto compiere grandi passi avanti nello studio del mondo antico - si vedano i successi di una delle discipline pi recenti, l'archeologia subacquea - dall'altra, i conflitti in molti Paesi (si pensi al Nordafrica) hanno messo a rischio molte missioni. Dagli ultimi dati diffusi in occasione del convegno, una cosa chiara: la ricerca oggi pi attiva che mai, con 800 operazioni annuali condotte da circa duemila operatori al di fuori dei loro Paesi di origine, e con 14mila lavoratori in situ. La novit principale, per, un'altra. Stiamo assistendo ad un risveglio dell'identit culturale in questi Paesi, gli abitanti si stanno riappropriando di quello che ormai considerano il loro patrimonio. L'attenzione, insomma, si decuplicata. Ne convinta Luisa Musso, docente all'Universit di Roma Tre di Archeologia e Storia dell'arte greca e romana e di Archeologia delle Province romane, che dal 1995 dirige la missione dell'universit a Leptis Magna, in Tripolitania. Professoressa, oltre a questo risveglio dell'identit culturale, cambiato qualcosa anche nel vostro lavoro all'estero? Certamente. Lo stesso concetto di missione non pi quello di mezzo secolo fa: la vera sfida oggi la conservazione, insieme con le strategie del restauro e con la valorizzazione di monumenti e reperti. Se prima lo scavo serviva ad ampliare le conoscenze nel campo ristretto del mondo scientifico, oggi si rivolge a un pubblico molto pi vasto. Senza contare l'importanza delle altre attivit correlate come i pro-getti di formazione del personale locale, come quelli che avevamo a Tripoli. Parlando proprio di Libia, cosa ne dei suoi monumenti? Sa se ci sono stati danni gravi? L'ultima volta che ci sono stata risale a dicembre; i restauratori della nostra missione sono rimasti fino a febbraio, poco prima che scoppiasse la guerra. Ora la situazione legata al governo transitorio; in attesa che venga normalizzata, non sappiamo quanto ci vorr prima che si possa tornare al lavoro. Le previsioni vanno dai prossimi tre mesi alla fine del 2012, ma c' ovviamente una grande incertezza. Per quanto riguarda i principali siti - Sabratha, Leptis Magna e Cirene - posso dire che non ci sono stati danni gravi. Il "Guardian" ha riportato la notizia che un mese fa, 1'11 settembre, i ribelli sono entrati nel museo di Tripoli, dove hanno rimosso le effigi di Gheddafi. Fortunatamente non ci sono stati assalti ai monumenti, proprio grazie a quella nuova attenzione al patrimonio di cui parlavo prima. Poi ci sono altri siti "minori" che si trovano in mezzo ai teatri di guerra e dove sono caduti missili e bombe: mi riferisco, ad esempio, a Beni Ulid in Tripolitania, dove c' un museo della cultura locale che raccoglie rilievi e manufatti in ceramica da alcuni mausolei nel deserto di epoca imperiale, che testimoniano il sincretismo tra la cultura locale e quella romana. Su questi, purtroppo, non si sa molto. Ci sono aree ancora inesplorate o riportate alla luce solo in parte? Tutte quelle che ho citato a partire da Cirene, dove sono stati condotti gli scavi tra gli anni Trenta e il secondo dopoguerra, possono ancora riservare molte sorprese: sono state tutte scavate per meno della met, compreso il centro della stessa Leptis Magna. Ma bisogna prima mettere in sicurezza il territorio, e poi vedere quali saranno i nuovi accordi a livello politico. C' il rischio concreto che molte missioni possano non ripartire? Intanto noi europei dobbiamo smettere di avere una visione neo colonialista: possiamo varare progetti di formazione e cooperazione, nella speranza che entro una generazione il personale locale di musei o siti archeologici sia autonomo. Il vero problema, che porr domani al convegno, legato al budget. La Francia, ad esempio, fa programmi a lungo termine, ma l'Italia? Da noi le universit boccheggiano per mancanza di fondi, chi finanzier le prossime missioni? Il ministero per gli Affari esteri ci dava fino a tremila euro, che per il nostro lavoro pochissimo, e non possiamo contare solo su sponsor privati come l'Eni, che pure finora ci ha sostenuto. Quali soluzioni vede all'orizzonte? A mio avviso, servono strategie comuni a livello europeo: l'ultima missione in Libia l'ho svolta con colleghi inglesi, e si tratta sempre di collaborazioni importanti perch sono occasioni per scambiarsi idee e informazioni. Queste missioni, inoltre, ci chiedono progetti di formazione lunghi sia per quanto riguarda la didattica in Italia che quella sul posto, ed giusto che sia cos. La formazione richiede costi alti e tempi lunghi. In futuro, per, questi Paesi finiranno con lo scaricarci: in Turchia, per esempio, negli ultimi anni calato il numero di molte missioni italiane. Attualmente ce ne sono circa cinquanta, ma i turchi esigono budget di un certo tipo, scambi culturali tra gli studenti delle varie universit, campagne di restauro; e se da parte nostra non c' disponibilit, ci mandano via. E allora dobbiamo chiederci: l'archeologia ha ancora un valore? Ci interessa o no? Perch da qui che bisogna ripartire.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news