LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - L'abusivismo non si sana con le ruspe o parlandosi addosso
10/10/2011 LA SICILIA



Vittoria. Il mattone abusivo, istituzionalmente, non esiste: invisibile al piano regolatore e non identificabile con un numero civico. In teoria, non esistendo, chi vi abita non paga nemmeno la Tarsu, n la bolletta dell'acqua.
Il mattone abusivo diventato anche selvaggio: cementificando, ha violato coste e paesaggi, smarrendo persino quella primaria, e forse giustificabile, condizione di abusivismo di necessit, una strada che cominci ad essere normata e regolamentata inaugurando la stagione dei condoni e delle sanatorie.
Un'era, in fondo, mai conclusa, e rispolverata ad uso e consumo dei vari governi. Oggi si torna a ridiscutere di condono, consequenziale scia portata dietro da quella prospettiva di riordino delle coste promossa dal Ddl regionale in ordine alla proposta di legge n. 725; al momento messa in stand by dal ritiro della firma da parte del presidente Musotto, che ha dichiarato che l'indirizzo dato alla legge non pu essere riconducibile ad un unico partito.
La smettano di fare gli ipocriti e si decidano una volta per tutte. Se vogliono le ruspe che siano per tutti, senza infingimenti, commenta l'onorevole Paolo Monello.
Un trascorso politico negli Anni Ottanta, non solo da deputato parlamentare militante nell'allora Pci, ma ancora prima da sindaco di Vittoria, all'epoca la citt siciliana rossa per antonomasia che all'onorevole Monello fece guadagnare il glorioso nome di Masaniello, proprio perch fervido sostenitore della modifica della legge 13 del 1985 che aveva aperto la strada ai condoni.
Che effetto fa essere ricordato cos? Da storico quale sono, ne ho piacere considerando la statura politica e morale del personaggio, spiega Monello tornando con la memoria alla battaglia di allora.
Chiedevamo la riduzione dell'oblazione per le case abusive costruite per i figli, espressione di una cultura contadina in uso nella nostra terra. Dalle fondamenta della propria abitazione si innalzavano i piani dove sarebbe andata a vivere la prole.
Una vittoria ottenuta alcuni anni dopo, precisamente nel 1988. La realt molto pi forte di qualunque ideologia, ripete oggi il Masaniello d'allora quasi prendendo le distanze da intelligenze ambientaliste che sussultano sentendo parlare di sanatoria per le abitazione abusive costruite entro i 150 metri dalla costa.
Si dica anche - afferma l'onorevole - che una legge regionale ha sanato quelle costruite entro il 31 dicembre 1976 lasciando nel limbo le altre.
Che fare adesso? Salvare il salvabile, proprio come diceva il presidente della Regione Sicilia, Nicolosi. Se, infatti, arrivassero le ruspe a Cammarana, tutto tornerebbe come prima? Utopico. Meglio, saggiamente, fare i conti con la realt, lasciando potere ai sindaci di decidere, salvo per fissare linee di indirizzo ben precise contenute e fissate dentro piani particolareggiati di recupero. Governare decidere, anche "sporcarsi" le mani. Decidere anche a costo dell'impopolarit. Se necessario distruggere l'orrido per fare posto ad uno spazio pubblico, come una piazza, che si faccia. Se attraverso la sanatoria si ridisegna anche la qualit urbanistica del territorio, che lo si faccia e, soprattutto, che smettano di parlarsi addosso. E senza ipocrisia, si dica anche che con la sola concessione edilizia non ci salva dalla bruttezza: occorre ritrovare anche il senso della qualit e dell'estetica urbana.






news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news