LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio Unesco la sfida di Gradisca
Luigi Murciano
il Piccolo - Gorizia 6/10/2011

Come Palmanova, la cittadina punta al prestigioso titolo
Con scarse possibilit: parte delle mura furono abbattute

GRADISCA Anche la municipalit di Gradisca ambisce a presentare la propria candidatura a citt riconosciuta quale patrimonio dell'Unesco. Ma le chance di spuntarla, rispetto alla corregionale Palmanova, sono ridotte al lumicino. A rivelarlo il sindaco della Fortezza, Franco Tommasini, il giorno dopo la notizia che la citt stellata stata inserita nel novero di citt italiane (Venezia, Peschiera e la capofila del progetto Bergamo) parte del progetto transnazionale che, al termine di un complesso iter, potrebbe valere l'inserimento nel prestigioso elenco di siti dichiarati patrimonio mondiale Unesco. Ad accomunare queste localit, come noto, l'essere opere di difesa veneziane fra il XIV e il XV secolo. Caratteristica, questa, che Gradisca ha nel suo stesso Dna: la fondazione stessa della citt, avvenuta nel 1479, dovuta come noto alla necessit della Serenissima di porre un freno alle scorribande dei turchi. Al punto da coinvolgere persino il grande Leonardo Da Vinci nella predisposizione di un sistema di difesa efficiente. Anche per questo ieri, pur senza volere alimentare inutili rivalit con Palmanova, pi di qualche studioso sobbalzato sulla sedia leggendo la notizia riportata dal nostro giornale. L'esistenza stessa di Palmanova si intreccia con quella di Gradisca, se vero che, dopo averla persa nel 1511 a favore degli Asburgo (il Cinquecentenario stato celebrato proprio in questi giorni), Venezia ha provato pi volte a riconquistare il suo avamposto isontino. E, una volta desistito, edific solamente nel 1593 quel capolavoro di ingegneria militare del Rinascimento che Palmanova. Non certo la storia, dunque, ad impedire a Gradisca di accodarsi al gruppo di lavoro cui ha aderito la citt stellata. N l'amministrazione rimasta a guardare: il sindaco giura che l'iter per entrare nella difficile partita-Unesco stato perlomeno avviato. SI, ci siamo rivolti anche noi al Ministero per i Beni culturali rivela -. Il contatto risale ad alcuni mesi fa. Esattamente come i colleghi di Palmanova abbiamo ritenuto che la citt avesse tutte le caratteristiche storiche ed architettoniche per rientrare nel progetto sulle fortificazioni veneziane. Purtroppo per non ci facciamo troppe illusioni sull'accoglimento della domanda. Un requisito fondamentale infatti la totale integrit delle fortificazioni. Rispetto a Palmanova, tuttora cinta dalle mura, le vestigia gradiscane sopravvivono solo per una parte. "Colpa" dell'assenso dato nel 1855 dal maresciallo Radetzky: fu lui a consentirne l'abbattimento richiesto a gran voce dai cittadini, che desideravano una maggiore apertura verso l'esterno. Da quell'operazione nacque, nel 1863, l'attuale Spianata. Centocinquanta anni dopo, quella decisione potrebbe costare cara alle ambizioni gradiscane. Ma Tommasini non demorde: Forse non diventeremo mai Patrimonio Unesco, ma possiamo ancora ambire a un riconoscimento intermedio da parte dell'ente.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news