LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura pi ricca senza show
PIETRO FOLENA
LUNIT 4 ottobre 2011

Il nostro patrimonio artistico pu portare nuove opportunit di lavoro anche evitando di cedere alla spettacolarizzazione. la differenza tra una politica industriale e un'industria senza politica

In tempo di crisi giusto porsi il tema delle risorse ma anche saper distinguere tra mercificazione e valorizzazione.

Matteo Renzi e Tomaso Montanari sono due giovani brillanti. Il primo, pi giovane e pi noto, nell'estate appena conclusa ha proposto un referendum tra i fiorentini per approvare o bocciare la sua idea di completare la Basilica di San Lorenzo secondo il progetto michelangiolesco. Il secondo, professore associato all'Universit di Napoli, ha recentemente pubblicato un pamphlet frizzante contro l'uso disneyano delle opere d'arte e la commercializzazione dei beni culturali (A cosa serve Michelangelo?, Einaudi). Non si fa fatica a dare ragione a Montanari - che muove dalla vicenda dell'acquisto da parte del ministero dei Beni Culturali di un Crocifisso assai sbrigativamente attribuito a Michelangelo - e che denuncia, a trecentossessanta gradi, la pochezza spettacolare di molte iniziative, spesso promosse o annunciate (come nel caso di San Lorenzo) da sindaci in cerca di popolarit facile. Del resto evidente a tutti che la simpatica, guascona e per fortuna inattuabile iniziativa del sindaco Renzi volta a rifare la facciata di San Lorenzo secondo il progetto michelangiolesco ha avuto il merito di "spettacolarizzare" al massimo la discussione sulla conservazione e sulla valorizzazione dei beni culturali. Questa idea di politica culturale come si trattasse di uno show non un'invenzione di Matteo Renzi. propria di alcuni sindaci eletti direttamente i quali, alla stregua degli imperatori romani che organizzavano i giochi per celebrare i propri trionfi, hanno concepito la politica culturale dei Comuni come strumento di costruzione del consenso. L'eventismo esasperato - oggi ridotto a causa dei tagli operati nei confronti degli Enti locali - ha sottratto risorse ai beni culturali e a quella che chiamerei una "politica industriale della cultura", e cio un' azione sistematica, controllata e concordata di valorizzazione sostenibile dei giacimenti culturali. Firenze, che come Roma e Venezia conosce gli aspetti pi impattanti del turismo di massa e di gruppo, ha, come Roma e Venezia, poco bisogno di nuove attrazioni circensi e di logiche da "trionfi" imperiali: e molto di una diversificazione dei propri itinerari culturali, di una loro valorizzazione. Ma la domanda a cui Montanari tuttavia non risponde, perch neppure se la pone, riguarda il reperimento delle risorse finanziarie, in un momento di crisi generale e di tagli in tutti i Paesi ricchi alla spesa pubblica, per conservare e valorizzazione il patrimonio culturale italiano - il pi grande del mondo - e i suoi giacimenti cos diffusi, ricchi, importanti, talvolta sconosciuti. Non porsi questa domanda vuol dire trascinare nella polemica chi spettacolarizza per ragioni di consenso o di mercificazione dell'arte, e chi invece difende, finanzia, promuove un patrimonio. quanto sta cercando di fare MetaMorfosi che, con alcune grandi e storiche istituzioni culturali - a partire dalla Fondazione Casa Buonarroti di Firenze e dalle Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano -, ha stabilito rapporti continuativi, con l'intento di portare a quelle istituzioni risorse organizzando mostre e attivit sotto una rigorosa guida scientifica di chi gestisce quei patrimoni. Dall'incontro tra queste istituzioni e dal lavoro di MetaMorfosi, alcuni dei massimi studiosi hanno immaginato la grande esposizione romana che per la prima volta far dialogare i disegni di Leonardo da Vinci e quelli di Michelangelo, e che aprir i battenti alla fine di ottobre ai Musei Capitolini. Non voglio dire che siamo un modello. Abbiamo dato vita ad una piccola esperienza che dimostra come ci possa essere una sinergia tra pubblico e privato ben diversa da quella della privatizzazione e della mercificazione dell'arte e della cultura. In verit ho maturato il convincimento che non a parole si pu fare della cultura il motore di una nuova fase dello sviluppo. Anzi che, pi che un'industria della cultura - concetto limitativo -, occorra una politica industriale della cultura: che, sottoposta al controllo del ministero e delle sovraintendenze, col protagonismo dei Comuni e degli enti territoriali, monitori i giacimenti culturali e progetti la loro conservazione, la loro valorizzazione e lo sfruttamento vincolato dei diritti di immagine. Si pu cominciare un confronto, anche in vista della fine della legislatura, su questi temi, capace di coinvolgere le forze davvero interessate alla difesa del patrimonio artistico italiano e alla creazione di nuove opportunit di lavoro e di ricchezza? Lo auspico con passione.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news