LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Michelangelo. Svelati gli anni romani del giovane genio
FABIO ISMAN
IL MESSAGGERO 4 ottobre 2011

La prima casa romana di Michelangelo, quando arriva il 25 giugno 1496 e vi resta cinque anni, era in un isolato tra Palazzo della Cancelleria e Piazza Navona: la facciata stata distrutta per creare corso Vittorio Emanuele (1881) e gli edifici, nel tempo, parecchio rimaneggiati. A 21 anni, il Buonarroti vantava gi una sorta di gallerista ante litteram, che firmava per lui i contratti, garantiva la bont delle future realizzazioni, e si spingeva perfino a rilevare, in caso di contestazioni, le sculture protestate. E' assai strano, per non c' nessuna biografia di questo personaggio, pur autorevole nella citt; stato pochissimo studiato, eppure era banchiere; funzionario papale; per un anno, come allora usava, perfino Conservatore di Roma: una carica che quasi equivaleva a quella del sindaco di oggi, spiega Eugenio Lo Sardo, che dirige l'Archivio di Stato. In previsione di una mostra l'anno prossimo, a mezzo millennio dalla realizzazione della Volta nella Cappella Sistina, con una sua funzionaria, Maria Antonietta Quesada, ha rimesso le mani sui documenti antichi, conservati alla Sapienza, con interessanti risultati e parecchie novit. Michelangelo arriva a Roma dopo aver venduto al cardinale Raffaele Riario una statua anticata. Forse su consiglio di Lorenzo di Pier Francesco Medici, la sotterra per questo. Riario la paga 200 ducati; Michelangelo ne incassa solo 30; l'inganno per viene scoperto, dice Lo Sardo. E Quesada: Questo Cupido dormiente donato ad Isabella d'Este da Cesare Borgia; resta a Mantova fino al 1627, e forse, dopo essere giunto in Inghilterra, va perduto nell'incendio di Whitehall Palace, 1627; agli Uffizi esiste una scultura antica di marmo nero, che forse gli servita per modello. Riario aveva un banchiere, appunto Jacopo Galli, che garantisce per il giovane, ed il primo a lanciarlo, spiega Lo Sardo. Per Riario esegue subito un'altra statua, il Bacco, oggi a Firenze, al Museo del Bargello. Era il 1497; il cardinale abitava ancora a Palazzo Altemps. Nel 1485, inizia ad edificare quello della Cancelleria: gli coster 180 mila scudi, di cui 60 mila vinti al gioco al nipote di papa Innocenzo VIII Cybo. Gli archivisti hanno scoperto che, in quel periodo, Galli acquista un'area tra quel palazzo, via di San Pantaleo, via dei Leutari e piazza del Pasquino: Per via del Pellegrino passavano appunto i pellegrini, i turisti dell'epoca; l c'erano i banchi dei cambiavalute, e tra loro c'erano i Galli, spiega il direttore dell'Archivio. Fino al 1498, Michelangelo abita in una delle case del banchiere: lo dice un documento che abbiamo ritrovato, aggiunge Quesada. Si crede sempre che l'Archivio di Stato possieda poche carte precedenti al Sacco di Roma, 1527; invece no: passando al setaccio i documenti dei notai, la dottoressa Quesada con sei collaboratori ne ha trovato uno, del notaio De Villa Felix, cui i Galli si rivolgevano spesso, per vendere una casa, continua Lo Sardo. Quesada: Ci sono due testimoni: un macellaio, si dice, del Rione Parione, e Micael Angelo, statuario fiorentino. Interessante che il giovane non sia qualificato lapicida o marmorario, ma gi statuario, pur se aveva realizzato, fino allora, poche statue, e soprattutto dei rilievi; e che non si precisi dove abitasse: stava in casa dei Galli, dove l'atto viene redatto. E' il primo documento in cui evocato, a Roma, il Buonarroto. Ci venuta la curiosit di sapere di pi di questo Galli: su lui, esiste pochissimo, spiega il direttore. E cos, si potuto sapere che rileva da Riario il Cupido contestato; ma pure il Bacco, che il cardinale trattiene forse un anno: il disegno di un artista fiammingo, Marten van Heemskerck, ce lo mostra nel suo, peraltro noto, Giardino di sculture. Possedeva anche un suo Apollo o Cupido: lo affermano i due biografi del tempo, Giorgio Vasari e Ascanio Condivi. Ma straordinario che Galli rilevi le statue contestate, e che lui, e non l'artista, firmi il contratto per la Piet in San Pietro, la prima opera che gli dar veramente la fama, dice Lo Sardo. Il contratto a Firenze, Casa Buonarroti; dice: Infra un anno la far; sar la pi bella opera di marmo che sia oggi in Roma; maestro nissuno la faria melior oggi; et versa vice prometto al dicto Michel che lo reverendissimo cardinal far lo pagamento secundo che di sopra scripto, Jacopo Galli procuratore. Il cardinale Jean de Bilhres Langros aveva il titolo di San Dioniso, era ambasciatore di Carlo VIII presso papa Alessandro VI Borgia, lo pagher 450 monete d'oro papali entro un anno. Cos nasce per il mondo un genio. Galli era notaio della Camera apostolica, un Uditore a capo di un settore dell'ufficio; anche gabelliere alla dogana di terra; e poi, per un anno, Conservatore della citt. E' sepolto vicino a dove vive: San Lorenzo in Damaso. La tomba opera di Andrea Bregno, 1488, nella chiesa rifatta da Bramante per incarico di Riario. Lascia il Bacco a un suo socio, pure banchiere, Baldassarre Balducci che aveva un banco a Campo dei Fiori e con cui suo padre aveva fondato l'attivit bancaria: il documento, del 1505, qui; e ora un'asta benefica raccoglier i fondi per restaurarlo, dice Lo Sardo. Nel frattempo, Galli si occupa di altri pagamenti per l'artista, come per la tavola della Deposizione per la chiesa di Sant'Agostino. Michelangelo lo definisce come gentiluomo romano e di bello ingegno, si dice amico del figlio Paolo. E quel cardinale che rifiuta il Bacco sar uno che poco s'intendesse o dilettasse di statue. Sulla prima casa romana di Michelangelo non c' nemmeno una lapide: non forse giusto, fino a quando?



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news