LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Roma di Petroselli
Pullara, Giuseppe
Corriere della sera, ed. Roma, 3 ottobre 2011


Data di pubblicazione: 03.10.2011

Trent'anni dopo la morte del primo sindaco comunista della Capitale, un libro di Ella Baffoni e Vezio De Lucia.

Per ricordare Luigi Petroselli a trent'anni dalla improvvisa morte mentre era sindaco, bisognerebbe cominciare - come Milos Forman ha fatto in Amadeus, la vita di Mozart - dai suoi funerali piuttosto che da quando nacque o da quando, primo comunista, indoss la fascia tricolore. Una lunga coda di gente in Campidoglio, il feretro, la giunta, i fiori, i vigili in alta uniforme. Ma soprattutto, dopo, tutta la citt a seguire, partendo dal Comune, il corteo funebre. I compagni di partito, ovvio, i simpatizzanti politici. Un anno prima il Pci aveva sfiorato il 36%, la Dc rimasta sotto il trenta. Ma, ancora, tutti gli altri. Cittadini, romani. Un'infinit, attraversati da un'emozione collettiva. Perfino gli avversari politici, i pi duri, gli resero omaggio. Il giornale-contro, Il Tempo, fece un editoriale firmato da Gianni Letta da far venire i brividi. Per la commozione. Non erano in molti ad aver voluto bene a quel carattere tosto, ma tutti lo rispettavano.

Due soli anni da sindaco, dal settembre 1979 al 7 ottobre 1981. Nemmeno il tempo di fare tante cose. Ma Petroselli fece grandi cose. Fece immaginare che la citt potesse essere unificata, il centro borghese con le immense periferie popolari, tutti con lo stesso diritto a vivere civilmente. Dette una visione alta, adeguata alla sua storia, al ruolo della Capitale: ma senza retorica, offrendole una prospettiva di valorizzazione della sua maggiore ricchezza, l'archeologia. Risanamento delle borgate, via le baracche, nuova edilizia sociale, ma anche il grande Progetto Fori ispirato da Antonio Cederna: un parco archeologico dai Castelli all'Appia Antica fino ai piedi del Campidoglio dove, alla vigilia di Natale dell'80, inizi a smantellare personalmente, piccone alla mano, via della Consolazione all'insaputa del sovrintendente La Regina. Avrebbe voluto farlo anche con via dei Fori Imperiali. Anni di piombo, con morti ammazzati, e lui, dal cassone di un camion gi allo sprofondo, a dare coraggio alla gente impaurita. Port la pi potente lobby romana, i costruttori, a convincersi che potevano guadagnarci anche facendo bene il loro lavoro in un quadro di sviluppo urbano corretto, senza speculare sulle aree.

Il suo orizzonte politico e culturale era la citt di Roma, lui viterbese figlio di un tipografo, anni da seminarista, liceo, universit. E fece del cambiamento di Roma il suo obbiettivo politico: l'etrusco non puntava ad altro, prima come segretario comunista, poi come sindaco. Con il leader del Pci Enrico Berlinguer, che sarebbe morto tre anni dopo come lui, mentre parlava di politica, non andava molto d'accordo: meglio i socialisti dei democristiani.

Un libro si affianca al ricordo, che si terr nei prossimi giorni in Campidoglio, della figura di Petroselli. Una storia dell'urbanistica romana degli ultimi decenni centrata sul ruolo che vi ebbe il primo dei due sindaci comunisti eletti a Roma (l'altro fu Ugo Vetere. Veltroni non lo mai stato).

Il racconto di Vezio De Lucia ed Ella Baffoni mette insieme le capacit dell'urbanista e di una giornalista nel descrivere il percorso tormentato che le idee di Petroselli sulla citt hanno dovuto affrontare fino ad oggi, quando il progetto Fori dimenticato, lo sviluppo urbano, ormai privo di edilizia popolare, subisce le conseguenze del Pianificar facendo e ne viene trascurata la sua proiezione metropolitana. La Roma di Petroselli - Il sogno spezzato di una citt per tutti, Ed. Castelvecchi) rinuncia allo schema agiografico preferendo fissare il contesto politico, istituzionale e sociale prima, durante e dopo il biennio del dopo Argan, il prestigioso storico dell'arte scelto da Petroselli, suo successore, per favorire il consenso al clamoroso avvento di un'amministrazione rossa nella citt del Papa, una situazione delicata anche sul piano internazionale.

Libro di storia della citt, fa comprendere quanto sia stato importante l'aver lanciato tanto tempo addietro idee di autentica modernit in una Roma eterna immobile e immobiliare (Carlo Levi). Dalle denunce di Aldo Natoli del nuovo sacco di Roma degli anni Cinquanta, quando un certo Bardanzellu era al tempo stesso al vertice della Societ Generale Immobiliare e assessore al Patrimonio, al prorompere dell'abusivismo che dallo stato di necessit si trasform poi in speculativo senza trovare un freno neppure nel Pci, dai successi elettorali della sinistra a met anni Settanta alle battaglie ambientaliste, da Tor Bella Monaca agli espropri, alle lottizzazioni convenzionate, alla rinuncia, infine, di un organico tentativo di modernizzare questa citt: De Lucia e Baffoni non interpretano nulla, si limitano a raccontare i fatti. La Roma di Petroselli si chiude con un impietoso paragone tra il sindaco di allora e quello di oggi. Alcune testimonianze, infine, evocano la figura di chi, secondo una definizione del repubblicano Oscar Mamm presente al momento dell'elezione, fu il primo figlio del popolo a guidare la Capitale. Con quella sua faccia da muratore, disse qualcuno.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news