LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PARIGI - Jean Clair: "Ecco perch larte diventata ostaggio del mercato"
LUNED, 03 OTTOBRE 2011 LA REPUBBLICA



Intervista al famoso critico che nel suo ultimo saggio denuncia la deriva della cultura e la perdita di memoria collettiva
Dai capolavori trasferiti senza tenere conto del luogo per cui erano stati creati, alle opere accatastate nelle esposizioni

"Milioni di curiosi circolano nelle sale senza pi essere in grado di capire quello che vedono"

"Vorrei uno spazio che restituisca agli europei il piacere di amare la nostra eredit e identit"


Prima ancora di apparire in Italia (dove uscir l8 ottobre per le Edizioni Skira), Linverno della cultura di Jean Clair si imposto allattenzione pubblica, chiamando in causa il mondo della critica.

La sua denunzia della deriva dellarte contemporanea, ridotta a mero oggetto di speculazione nelle mani di pochi mercanti, non pu, in effetti, lasciare indifferenti. Non solo perch viene da un critico insigne, membro dellAcadmie franaise ma anche da uomo del mestiere, gi direttore del Museo Picasso e commissario di mostre celebri come quelle monografiche consacrate a Duchamp o a Balthus, o quelle tematiche sulla "Malinconia" o su "Delitto e castigo". La riflessione di Jean Clair non si limita daltronde ai mali che affliggono il mondo dellarte.

, pi in generale, la perdita di memoria storica di cui soffre lEuropa, e la crisi di identit che ne consegue, che al centro delle sue preoccupazioni.

Signor Jean Clair, lei si definisce un reazionario; cosa intende dire con questo?
Il reazionario colui che reagisce, obbedendo in questo a una legge quasi generale. In fisica, il mondo regolato dalla coppia azione/reazione. Nel mondo dellarte, la vita delle forme un susseguirsi di azioni e reazioni, il Rinascimento reagisce al gotico, il neo-classicismo al Romanticismo, ecc. Nellantropologia freudiana, la reazione, lanamnesi, "il ritorno indietro", un fenomeno di difesa e di salvezza. Ma senza dubbio mai come ora si sentita lurgenza di questa "reazione", di questo ritorno, di questa anamnesi. La celebre formula di Marx: "i filosofi si sono limitati a interpretare in modi diversi il mondo; quel che importa trasformarlo" ormai superata. Ci che oggi importa non pi cambiare il mondo ma conservarlo. Ma un simile sforzo suppone una reazione proporzionale a questo sforzo, senza dubbio smisurato, di salvaguardia. Non sono sicuro che il mondo, almeno quello occidentale moderno, sia ancora capace di provocarla, vista la nostra convinzione della ineluttabilit del progresso, della crescita indefinita, del senso della Storia e via dicendo.

Qual il posto dellarte in questa diagnosi?
Larte funge da sismografo, da rivelatore estremamente sensibile, soprattutto in quegli empori-depositi che sono i musei. Che senso ha questo accumulo prodigioso di ricchezze? A chi sono destinate e a qual fine? Larte sempre stata al servizio di una comunit o di una causa: favorire la caccia presso gli uomini preistorici, conciliarsi la benevolenza delle potenze infere, rappresentare la bont di un dio, incarnare il progresso dei Lumi, annunciare, accompagnare, illustrare le utopie politiche degli anni 30 o, infine, esaltare, come avviene oggi, lonnipotenza dellartista: un artista rimasto solo, senza nessuno a cui dovere rendere conto, e che gode del singolare privilegio dellimpunit quali che siano le stupidaggini o le provocazioni senza precedenti delle sue "opere". Larte per larte al servizio di chi e di che cosa? Quali Lumi e quale Universale possiamo portare noi francesi con la creazione, sotto il patronato del Louvre, di un Museo a Abou Dhabi, nelle sabbie degli Emirati? Larte ha un senso, una funzione, una destinazione, un pubblico. Unarte che abbia in se stessa la propria finalit una buffonata. O, peggio ancora, lobbiettivo cinico di un mercato di traders.

Qual stata, a suo giudizio, la frattura irrimediabile, il punto di non ritorno da cui ha preso lavvio la deriva dellarte contemporanea?

Il 1968, lavvento di una societ caratterizzata dallefebismo e ledonismo e in cui a suo dire non esiste pi il male. anche lepoca del Womens Lib, delle manifestazioni contro la guerra del Viet Nam. Larte non ha pi finalit, diventa, con gli happening, le azioni, le installazioni, effimera, transitoria, autodistruttiva. il momento che Robert Klein chiamer "Leclissi dellopera darte".

Lei dedica pagine di grande interesse alla riproduzione perfetta delle opere darte raggiunta dalla tecnologia moderna, in contrasto con la celebre tesi di Walter Benjamin sulla perdita dell"aura" in unepoca di riproducibilit delle immagini.

Preferisco unopera che ritrova la sua destinazione e il suo senso, fosse anche una copia, a unopera originale dislocata nel vacuum semantico e spirituale di un museo. Benjamin dimenticava che, assieme a quelle popolari, tutte le incisioni da Drer a Goya, hanno permesso di inondare lEuropa di "repliche" magnifiche. Nel Settecento molte opere darte religiosa erano copie originali celebri, magari fatte semplicemente di cartapesta. Solo il culto della firma inimitabile, della mano impareggiabile, del genio unico - tutti fantasmi generati dal culto sfrenato dellego romantico - hanno potuto far credere che unopera non poteva essere riprodotta. In compenso, la delocalizzazione delle opere senza tener conto della loro funzione, com avvenuto per la Madonna del Parto di Piero della Francesca a Monterchi, staccata dalla cappella dorigine per essere esposta nella scuola vicina, pi adatta ad accogliere folle di visitatori, mi pare uno snaturamento. quanto avviene oggi con le opere nei musei: il loro accatastamento mi ricorda i cabinets de curiosits, i bric brac surrealisti, quali che siano i criteri cronologici, tematici, di paese, di tecniche, di materiali, ecc. in base ai quali si pretende di ordinarli.

Ne Linverno della cultura, cos come nel precedente Dialogues des morts, lei ribadisce lesistenza di un legame imprescindibile tra larte e il sacro e insiste sulla necessit dellartista di continuare ad intessere "il filo di un dialogo continuo con il trascendente", sul fatto che larte "un capitale spirituale". Che significato dare oggi a queste parole?

Tento di descrivere il passaggio dalla "cultura del culto" quando larte, con la musica, la pittura, larchitettura serviva a celebrare Dio nelle cerimonie religiose al "culto della cultura", una sorta di religione laica e repubblicana che pretende di farci vedere nellarte la pi alta realizzazione del genio umano messo al suo proprio servizio, quello che Nietzsche e i tedeschi hanno chiamato lo Selbstvergtterung, una sorta di auto-deificazione delluomo. Tre tappe e, a mio giudizio, tre gradini discendenti: il culto, ossia larte e la fede, la cultura, ossia larte e lumanesimo, il culturale, ossia larte e il suo mercato.

Lei afferma che "non c mai stata cultura senza religione e che quella laica viaggia nel deserto", eppure sembra fare sua la concezione moderna del museo, nato con la Rivoluzione, dove le opere sono esposte secondo una gerarchia dettata dal divenire storico. Non era questa una espressione del tutto laica della cultura?

Confesso il mio imbarazzo. Il museo come collezione pubblica aperta a tutti stato creato nel 1793 nel solco della Rivoluzione. Era inizialmente un modo di salvaguardare il patrimonio della Nazione dalle degradazioni, i saccheggi, i vandalismi che accompagnano tutte le rivoluzioni. Era anche il mezzo, per il popolo vincitore, di appropriarsi del passato, della storia, dei suoi testimoni e, grazie al museo e ai suoi tesori, di diventarne in qualche modo il legittimo depositario. Il museo custodiva il patrimonio della Nazione e al tempo stesso serviva da strumento per trasmetterne a tutti la memoria, vale a dire la storia su cui fondare lidentit collettiva. Bisogna per riconoscere che, tre secoli dopo, questo ideale non stato realizzato. Dei milioni di curiosi rumorosi e indifferenti circolano nelle sale, senza riguardo, senza rispetto per la sicurezza delle opere, ma ugualmente senza pi essere in grado di capire, di leggere ci che hanno sotto gli occhi, che la loro storia, il loro passato, la loro fede, le loro lotte. Il museo assomiglia ormai a un parco giochi, stile Disneyland. una cosa derisoria.

Nonostante tutto questo, lei ha espresso pi volte il desiderio di potere creare un museo dellarte europea, stigmatizzando il fallimento di quello di Bruxelles che porta questo nome.
Sarebbe, in effetti, una grande occasione per restituire al museo, e allarte che esso racchiude, il suo ideale e il suo significato. Penso a un museo della storia dEuropa, che non solo riunisca una serie di capolavori provenienti da tutti i musei dEuropa a testimoniare lunicit del suo genio, ma che si sforzi soprattutto di rintracciare la storia del nostro continente, le sue origini, la cristianizzazione, le guerre di religione e quelle di conquista, le imprese coloniali, la nascita dei totalitarismi, lantisemitismo, i campi di sterminio Il Deutsches Museum a Berlino ha gi tentato di mettere in scena museograficamente una storia della Germania vista attraverso la storia dei suoi vicini europei. uniniziativa coraggiosa e spesso sconvolgente. Ma bisognerebbe fare lo stesso su scala europea, perch lEuropa del passato aveva una unit intellettuale e spirituale fatta di circolazione di idee, dove gli scambi letterari, filosofici, artistici erano costanti, immediati, intensi. Ma lEuropa di Bruxelles un mostro acefalo, un animale senza cervello. Il museo, in quanto entit materiale che espone delle opere aventi lautorit di capolavori, una autorit che non consenta replica, potrebbe essere quella testa, quel capo superbo e generoso che ci restituirebbe il piacere di guardare, di sentire, di capire e di amare la nostra eredit.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news