LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il patrimonio dello Stato - Taglia debito per 35 miliardi Tremonti: Creare ricchezza dalla manomorta pubblica
Alessandra Puato
CORRIERE DELLA SERA Venerd 30 Settembre 2011

MILANO - Se doveva essere una prova generale, andata bene. Lo Stato mette in vendita o vuole valorizzare il proprio patrimonio, palazzi e partecipazioni, crediti e concessioni, totale 1.815 miliardi di euro dei quali 675 considerati immediatamente fruttiferi? Pronti: gli esponenti del mondo finanziario rispondono. Erano almeno in 150, ieri mattina, nella Sala del Parlamentino al Tesoro, per il Seminario sul patrimonio dello Stato fortemente voluto da Giulio Tremonti: la grande riforma per il calo del debito, l ha chiamata il ministro dell Economia. Banchieri e gestori, analisti e capi dei ricchi fondi di private equity, sindaci e amministratori locali penalizzati dai minori trasferimenti e a corto di risorse: tutti interessati all avvio del percorso italiano delle privatizzazioni, la prima tappa dello Stato verso il mercato. Oggi abbiamo aperto il grande libro del patrimonio pubblico - ha detto Tremonti -. L abbiamo fatto per la prima volta, non era mai stato fatto, e abbiamo scoperto che nell attivo del bilancio dello Stato c un numero uguale a quello del passivo: 1.815 miliardi di manomorta pubblica da cui creare ricchezza, secondo Tremonti, contro 1.843 di debito pubblico. Ritorno agli anni 90? Presto per dirlo, ma la macchina del Tesoro ha dato il via e il mondo della finanza (per ora) l ha seguita, in opportuna coincidenza con l invito alle privatizzazioni della Bce. Dalle cessioni - spiega il ministero - si possono ricavare per la riduzione diretta del debito 35-40 miliardi, di cui 25-30 miliardi dalla vendita degli immobili e altri 10 dalla cessione dei diritti per le emissioni inquinanti (CO2). Al tavolo i relatori Edoardo Reviglio, capo economista alla Cassa Depositi e Prestiti, e Stefano Scalera hanno presentato numeri e spaccati. A presiedere i lavori, con Tremonti, c erano Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, e Vittorio Grilli, direttore generale di via XX Settembre. Era atteso il premier Silvio Berlusconi, ma non si visto. Letta lo ha giustificato: Il presidente si scusa ma assediato da impegni vari. Sono giornate intense, per certi versi turbolente. Vi ricordo che anche il suo compleanno. Presenti invece i ministri della Difesa, Ignazio La Russa, e degli Affari Regionali, Raffaele Fitto. E l establishment delle pubbliche partecipazioni. Per la Cassa Depositi e Prestiti c erano il presidente Franco Bassanini e l amministratore delegato Giovanni Gorno Tempini; per il fondo F2i, interessato alla Sea di Malpensa e alla Milano Serravalle, l amministratore delegato Vito Gamberale; per le Poste Italiane, ormai promosse a banca di Stato dopo l acquisizione del Mediocredito Centrale, l amministratore delegato Massimo Sarmi; per il neonato Fsi, il Fondo strategico sempre della Cassa per le aziende del made in Italy, il neoamministratore delegato Maurizio Tamagnini. E c erano i rappresentanti degli enti dai grandi patrimoni immobiliari: il presidente dell Inps, Antonio Mastrapasqua, e dell Inail, Marco Fabio Sartori; c era il direttore generale di Confindustria, Giampaolo Galli; c era il sindaco di Torino, Piero Fassino. Infine, quel che pi conta, tutta la finanza: il presidente di Assogestioni, Domenico Siniscalco; il responsabile in Italia del megafondo Carlyle, Marco De Benedetti; e i banchieri, in massa: delle italiane Intesa Sanpaolo e Mediobanca; delle banche d affari Jp Morgan, Morgan Stanley e Nomura; ma soprattutto delle straniere: Bnp Paribas, Crdit Agricole, Deutsche Bank, Credit Suisse, Royal Bank of Scotland. Sorpresa? No, se si guarda l offerta: sono 13.111, dice il rapporto, le societ nelle quali il pubblico ha una quota (dati al 2009). I soli immobili dello Stato valgono 500 miliardi e il 10% considerato gi vendibile, non usato. Le partecipazioni statali valgono almeno 44,8 miliardi e, di questi, 17,3 sono ancora nelle quotate Enel, Finmeccanica ed Eni. La privatizzazione sar nel medio periodo, ma un processo ineludibile, ha detto lo stesso Fassino, perch i trasferimenti di denaro pubblico saranno sempre meno, o le sappiamo valorizzare gestendole bene o dobbiamo vendere. Il mondo della finanza era l apposta: il rendimento medio delle partecipate di Stato solo dell 1,8%. Alessandra Puato ] La crisi Il patrimonio dello Stato
Cantiere privatizzazioni, cessioni Taglia debito per 35 miliardi
Tremonti: Creare ricchezza dalla manomorta pubblica

MILANO - Se doveva essere una prova generale, andata bene. Lo Stato mette in vendita o vuole valorizzare il proprio patrimonio, palazzi e partecipazioni, crediti e concessioni, totale 1.815 miliardi di euro dei quali 675 considerati immediatamente fruttiferi? Pronti: gli esponenti del mondo finanziario rispondono. Erano almeno in 150, ieri mattina, nella Sala del Parlamentino al Tesoro, per il Seminario sul patrimonio dello Stato fortemente voluto da Giulio Tremonti: la grande riforma per il calo del debito, l' ha chiamata il ministro dell' Economia. Banchieri e gestori, analisti e capi dei ricchi fondi di private equity, sindaci e amministratori locali penalizzati dai minori trasferimenti e a corto di risorse: tutti interessati all' avvio del percorso italiano delle privatizzazioni, la prima tappa dello Stato verso il mercato. Oggi abbiamo aperto il grande libro del patrimonio pubblico - ha detto Tremonti -. L' abbiamo fatto per la prima volta, non era mai stato fatto, e abbiamo scoperto che nell' attivo del bilancio dello Stato c' un numero uguale a quello del passivo: 1.815 miliardi di manomorta pubblica da cui creare ricchezza, secondo Tremonti, contro 1.843 di debito pubblico. Ritorno agli anni 90? Presto per dirlo, ma la macchina del Tesoro ha dato il via e il mondo della finanza (per ora) l' ha seguita, in opportuna coincidenza con l' invito alle privatizzazioni della Bce. Dalle cessioni - spiega il ministero - si possono ricavare per la riduzione diretta del debito 35-40 miliardi, di cui 25-30 miliardi dalla vendita degli immobili e altri 10 dalla cessione dei diritti per le emissioni inquinanti (CO2). Al tavolo i relatori Edoardo Reviglio, capo economista alla Cassa Depositi e Prestiti, e Stefano Scalera hanno presentato numeri e spaccati. A presiedere i lavori, con Tremonti, c' erano Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, e Vittorio Grilli, direttore generale di via XX Settembre. Era atteso il premier Silvio Berlusconi, ma non si visto. Letta lo ha giustificato: Il presidente si scusa ma assediato da impegni vari. Sono giornate intense, per certi versi turbolente. Vi ricordo che anche il suo compleanno. Presenti invece i ministri della Difesa, Ignazio La Russa, e degli Affari Regionali, Raffaele Fitto. E l' establishment delle pubbliche partecipazioni. Per la Cassa Depositi e Prestiti c' erano il presidente Franco Bassanini e l' amministratore delegato Giovanni Gorno Tempini; per il fondo F2i, interessato alla Sea di Malpensa e alla Milano Serravalle, l' amministratore delegato Vito Gamberale; per le Poste Italiane, ormai promosse a banca di Stato dopo l' acquisizione del Mediocredito Centrale, l' amministratore delegato Massimo Sarmi; per il neonato Fsi, il Fondo strategico sempre della Cassa per le aziende del made in Italy, il neoamministratore delegato Maurizio Tamagnini. E c' erano i rappresentanti degli enti dai grandi patrimoni immobiliari: il presidente dell' Inps, Antonio Mastrapasqua, e dell' Inail, Marco Fabio Sartori; c' era il direttore generale di Confindustria, Giampaolo Galli; c' era il sindaco di Torino, Piero Fassino. Infine, quel che pi conta, tutta la finanza: il presidente di Assogestioni, Domenico Siniscalco; il responsabile in Italia del megafondo Carlyle, Marco De Benedetti; e i banchieri, in massa: delle italiane Intesa Sanpaolo e Mediobanca; delle banche d' affari Jp Morgan, Morgan Stanley e Nomura; ma soprattutto delle straniere: Bnp Paribas, Crdit Agricole, Deutsche Bank, Credit Suisse, Royal Bank of Scotland. Sorpresa? No, se si guarda l' offerta: sono 13.111, dice il rapporto, le societ nelle quali il pubblico ha una quota (dati al 2009). I soli immobili dello Stato valgono 500 miliardi e il 10% considerato gi vendibile, non usato. Le partecipazioni statali valgono almeno 44,8 miliardi e, di questi, 17,3 sono ancora nelle quotate Enel, Finmeccanica ed Eni. La privatizzazione sar nel medio periodo, ma un processo ineludibile, ha detto lo stesso Fassino, perch i trasferimenti di denaro pubblico saranno sempre meno, o le sappiamo valorizzare gestendole bene o dobbiamo vendere. Il mondo della finanza era l apposta: il rendimento medio delle partecipate di Stato solo dell' 1,8%.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news