LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Masi: Serve una politica della lingua
Federigo Guiglia
Secolo d'Italia, 22/12/2004

Si chiude l'anno che ha sancito la grande apertura dell'Europa: venticinque Stati nell'Unione e venti lingue ufficiali in giro per il mondo, il nostro mondo. Ma la lingua italiana che fine far in questa Babele? Lingua nazionale oppure internazionale, quale sar la sfida del futuro? E oggi, intanto, che cosa manca alla "bella lingua" per evocare il meglio di s in chi la sceglie o in chi non pu sceglierla?
A tutto risponde Alessandro Masi, segretario generale della Dante Alighieri, Societ con pi di cento anni di storia e di seicento comitati sparsi per il globo. Spiega perch l'Italia "non possa pi fare a meno di una "politica della lingua". Chiede alle Istituzioni di intervenire per evitare la chiusura delle cattedre di italiano in Svizzera. E racconta della prima "mostra itinerante" della lingua italiana all'estero, con un appello finale al Quirinale, "perch il 2005 diventi l'anno dell'orgoglio della lingua italiana".
Gli inglesi dicono che fra quindici anni nel mondo si parler soltanto o prevalentemente in inglese. Gli Italiani che cosa dicono?
Che gli inglesi non hanno fatto i conti con l'arabo, col cinese e con lo spagnolo. E che l'Italia non ha l'obiettivo primario di competere con le lingue veicolari, ma di affermarsi fra le grandi lingue di cultura. L'identit della nostra lingua rispecchia un modo d'intendere l'arte, la letteratura, la poesia, la scienza, la filosofia ma anche la vita di tutti i giorni. Riflette un concentrato di sapere e di stili fra i pi alti che noi conosciamo. La lingua italiana ha permesso a Leon Battista Alberti di scrivere d'architettura e a Leonardo di pittura, a Dante d'ideare "La Divina Commedia". Soltanto riscoprendo questo strumento formidabile, soltanto riappropriandoci dell'identit culturale forte rappresentata dalla lingua italiana, possiamo renderci conto di che cosa essa possa significare per chi parla altre lingue. Un'offerta di qualit, una risorsa di alto "lignaggio" per chiunque.
Gli spagnoli sostengono che fra vent'anni il sei per cento della popolazione del pianeta comunicher in spagnolo. Gli italiani che cosa sostengono?
Che ci sono differenze e analogie. Storicamente lo spagnolo s' diffuso sull'onda di un approccio coloniale che l'italiano non ha mai avuto n preteso d'avere. La nostra mentalit stata diversa, e oggi raccogliamo anche il frutto della diversit: l'italiano non si impone, ma si sceglie. Perfino nel nostro stesso Paese l'unit linguistica l'avevamo trovata molti secoli prima dell'unit politica, ha preceduto lo Stato. Oggi siamo di fronte a un fenomeno del tutto nuovo: come insegnare la lingua italiana nel mondo globale. Come far pesare la nostra presenza qualificante all'estero. Se ci pensiamo, un problema giovane, che in passato non s'era mai posto in queste dimensioni "planetarie". Perfino le scuole italiane sorte alla fine dell'Ottocento o ai primi del Novecento in diverse parti del mondo avevano un'altra, pi modesta e pi pratica funzione: far integrare i figli degli emigranti nel nuovo Paese di residenza, e spesso di nascita.
L'analogia con gli spagnoli qual ?
Il senso della sfida. Ora siamo tutti costretti a puntare sulla qualit dell'insegnamento, ora dobbiamo calibrare la politica estera del nostro Paese con quella della lingua italiana. La novit che finito il tempo dell'ordine sparso, quando ciascuno di noi agiva per conto suo: arrivato il momento del concerto, delle prove generali della grande orchestra d'Italia. Che cos' la nostra lingua? una lingua di cultura, capace di attrarre sia lo studioso che il turista straniero? una "bella lingua"? Siccome la risposta "s", due volte "s", allora il sistema italiano su questo che deve puntare le sue carte. E cos diventa realistico anche il moderno confronto con la lingua spagnola. Perch anche noi abbiamo nel mondo un pubblico di decine e decine di milioni di persone - discendenti di italiani oppure no - potenzialmente e concretamente interessati a conoscere e a comunicare in italiano.
I francesi ricordano che la loro lingua circola in una cinquantina di Paesi francofoni. Gli italiani che cosa ricordano?
Il rapporto col francese di tutt'altra natura. Per certi versi abbiamo problemi analoghi. Il francese stata una grande lingua parlata, e parlata ancora, nei congressi, nella diplomazia, nelle sfere alte di una certa politica internazionale. Ma sta soffrendo un po' proprio quello che soffre una lingua di cultura, cio l'"assalto" delle lingue di uso e di consumo: da tempo l'inglese, e in prospettiva lo spagnolo. Guai per a perdere il senso della memoria, ecco in che cosa torniamo ad accostarci alla lingua francese. Guai a perdere l'identit, non ricordando pi se il Colosseo sorge a Roma o al Cairo: questo il rischio vero. Quanto alla circolazione della lingua, mi permetto di osservare che anche noi abbiamo la possibilit di diffondere l'italiano in decine di Stati che per geografia, per storia di emigrazione o per simpatia - penso alla Serbia, all'Ucraina - "orbitano" in un'area italofona. L'Italia dovrebbe finalmente porsi il problema di una politica linguistica forte e per una forte immagine dell'Italia all'estero. Un'immagine non piagnona, non di lamento, ma di grande dignit nel dire che chi sceglie la lingua italiana, fosse anche l'uno pei cento dell'umanit, ha fatto una grande scelta. Perch ha fatto una scelta di conoscenza, di cultura e di sapere, cio di apertura. Diciamolo senza trionfalismi ma anche senza complessi.
I tedeschi stanno ottenendo riconoscimenti formali sull'uso della loro lingua come "lingua di lavoro" nell'Unione europea allargata. Gli italiani che riconoscimenti ottengono?
Chi fa politica della lingua, ma anche chi fa politica, deve tenere l'occhio fuori dall'Italia per vedere e per capire quel che cambia, e sempre pi rapidamente. Nell'Unione, e soprattutto negli uffici che contano e che decidono a Bruxelles, impensabile che la lingua italiana non abbia il riconoscimento del rango che le spetta. Se cos non bisogna difendere la posizione della parit linguistica, che peraltro deriva dalle origini del primo statuto europeo degli Stati. Io penso che non ci siano alternative: o si rinuncia a far pesare la lingua italiana come pesa, per esempio, il tedesco nelle Istituzioni dell'Unione, oppure si riafferma e si difende il diritto all'autentica parit anche come "lingua di lavoro". Rinuncia e riaffermazione, tertium non datur. Mi pare una questione di principi: fra le pi rilevanti nel campo delle lingue nell'Unione.
Quali sono oggi le difficolt nel diffondere la lingua italiana nel mondo?
La mancanza di una strategia unica anche per far conoscere l'italiano ai non italiani residenti in Italia. Mi permetto di lanciare un appello alle Universit per gli stranieri, alle Universit in generale e a tutte le Accademie, in primis la Crusca, alle istituzioni e associazioni che a vario titolo si dedicano alla lingua e alla cultura italiana: arriviamo quanto prima al certificato unico della lingua, perch questo il biglietto per il futuro. Rappresenta la conoscenza "certificata" appunto, della nostra lingua, un traguardo non meno importante dell'adesione ai princpi della Costituzione e del rispetto delle leggi della Repubblica. il corollario del nuovo patto che il cittadino straniero stringe con l'Italia. Arriviamo, dunque, a mettere tutti insieme in un unico documento le caratteristiche di qualit previste dal Consiglio d'Europa. I criteri gi esistono e sono noti. Bisogna adottarli e presentarci uniti all'appuntamento. Serve "un" documento riconosciuto dallo Stato, indipendentemente dal fatto che il richiedente possa ottenerlo dalla Dante, dall'Universit o da altre istituzioni. Basta giocare ai guelfi e ai ghibellini anche su questo!
L'esperienza che proviene dai "comitati" della Dante nel mondo incoraggia o induce alla preoccupazione sulla diffusione dell'italiano?
La Societ rappresenta una grande risorsa, anche in quei luoghi come la Svizzera, dove l'italiano lingua di Stato. Eppure, le autorit elvetiche hanno da poco deciso di chiudere la cattedra d'Italiano del Politecnico Federale di Zurigo, che stata la grande cattedra di Dante Isella e di Francesco De Sanctis. E a rischio sono le cattedre d'italiano a Neuchatel e a Basilea. Di per s il fatto non soltanto grave per ragioni, chiamiamole, sentimentali e storiche, se solo si pensa a quello che generazioni di emigranti italiani hanno costruito in Svizzera: e proprio a Neuchatel, edificata col sudore della nostra fronte. L c'era Mazzini, l nato il primo Tricolore! Ma linsidia riguarda in particolare il futuro: smontare quelle cattedre come far smarrire l'identit dei nostri connazionali e dei loro figli, aprendo la strada, un domani, per far entrare prima l'inglese e poi lo spagnolo. Vede, io non faccio del vittimismo: giusto andare a vedere e a capire perch gli svizzeri abbiano preso o stiano per prendere quelle sorprendenti decisioni. Ma a "resistere" sono solo la Dante, con una ventina di comitati sul territorio, e i nostri ambasciatore e console, i quali hanno scritto per avere delle spiegazioni. Ma insomma, noi come Paese, chiedo e mi chiedo, possiamo rimanere insensibili a queste cose?
Il 2005 sar pi l'anno dei grattacapi, alla Svizzera, o del rilancio di una politica internazionale della lingua italiana?
Io vorrei che diventasse l'anno dell'orgoglio della lingua italiana. Un anno per rivedere e riattivare situazioni di luoghi e di comunit che stanno solo aspettando che la lingua italiana ricominci a suonare nel concerto delle lingue d'Europa e del mondo. Bisogna intervenire in tutte quelle aree, e sono molte, in cui l'italiano ha marcato i giorni della storia nel passato e le novit nel presente. Penso, per esempio, al ricco rapporto col mondo tedesco in casa e fuori; da Bolzano a Hannover bisogna ripromuovere delle forti iniziative di lingua e di cultura italiana. Quasi un "grande tour" della lingua italiana nel mondo. Per quanto ci riguarda, noi allestiremo la pi importante mostra della lingua che sia mai stata fatta all'estero, inaugurandola il 18 febbraio al Museo nazionale di Zurigo. Centinaia e centinaia di documenti, di codici, di filmati, di opere d'arte...
Mostra "una tantum" oppure itinerante?
Itinerante. Una parte della sezione gi stata portata a Tirana con notevole successo. La mostra, che ha il patrocinio della presidenza della Repubblica, stata prenotata a Londra, a Gerusalemme, a Sofia, a Kiev, a Mosca e in molte citt dell'Argentina.
A proposito della presidenza della Repubblica: e se nascesse l il primo "osservatorio nazionale" della lingua? Una sorta di Autorit che segnala a palazzo Chigi, alla Farnesina e al Parlamento iniziative per valorizzare la lingua italiana nel mondo?
Sarebbe una piccola, grande svolta, io credo. Abbiamo tutti bisogno di una forte politica per la lingua che un patrimonio dell'intera Nazione. Sono certo che un'Autorit che operasse con l'impulso di un presidente tanto rispettato come Carlo Azeglio Ciampi, sarebbe di aiuto e di conforto per fare dell'italiano la pi antica lingua moderna.




news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news