LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Circeo brucia, tra cemento e misteri
Andrea Palladino


INCHIESTA. Le fiamme attaccano il Parco nazionale a Sabaudia, in provincia di Latina. Intanto una società con sede a Madeira sta costruendo un centro commerciale a ridosso dei boschi.

Fiamme e cemento. è una vera tenaglia quella che assedia il parco nazionale del Circeo, una delle principali zone di conservazione della macchia mediterranea, inserita all’interno del comune di Sabaudia, in provincia di Latina. Una zona ad alta tensione quella del sud pontino, dove la presenza degli interessi speculativi è ormai consolidata da tempo.
L’ultimo episodio è della scorsa settimana, quando diversi inneschi sono stati trovati sul passaggio principale del parco. Trappole incendiarie artigianali, ma realizzate da mani molto esperte, in un contesto paesaggistico oggi sotto attacco da più fronti. Come quello del cemento, che lambisce la zona protetta, con progetti di grandi centri commerciali ormai avviati, pronti per essere aperti, con negozi, uffici e residenze a pochi metri dall’ingresso del parco. è il caso di una costruzione promossa dalla società Cogefid SA con sede nella zona franca dell’isola Madeira, in Portogallo, che ha ricevuto un nulla osta anche dalla stessa struttura del Parco del Circeo, dopo una serie di ricorsi al Tar di Latina vinti uno dopo l’altro. Secondo i dati riportati in una relazione dell’11 maggio del 2009, il complesso in via di realizzazione davanti al centro visitatori dell’area protetta – in via Carlo Alberto – è composto da tre palazzine, per un ingombro complessivo di oltre 40mila metri cubi.

Seguire il filo della proprietà di questa società non è semplice. Dai registri della camera di commercio della zona franca portoghese appaiono il nome di Giovanni Catania, con la carica di amministratore. Quest’ultimo è in realtà uno dei manager della società di consulenza aziendale Axcent Management, con sede nella stessa isola di Madeira. Un gruppo che si occupa in sostanza della gestione fiduciaria delle società italiane che hanno scelto questo porto franco come sede sociale, usufruendo della discrezione e dei vantaggi di «pianificazione fiscale», come spiega Giovanni Catania. Terra lo ha contattato negli uffici che ospitano la sede legale della Cogefid, per cercare di capire chi sono i reali investitori interessati del complesso di fronte al Parco del Circeo: «Io non sono autorizzato a dire i nomi dei soci – spiega Catania – anche se vi assicuro che non abbiamo nulla da nascondere. I soci hanno regolarmente denunciato le loro quote nelle rispettive dichiarazioni dei redditi in Italia e per le autorità è molto semplice poter ricostruire la proprietà della Cogefid». La gentilezza del manager della Cogefid lo aiuta nel suo complesso lavoro, basato sulla riservatezza: «Ma se vuole sapere di più – prosegue – deve contattare uno degli amministratori italiani, Gervasio D’Ambrini a Latina. Lui le potrà dire sicuramente più di me, che sono subentrato nella gestione solo da poco».

Secondo il quotidiano Latina Oggi la direzione distrettuale antimafia di Roma si starebbe interessando a questo cantiere. I primi di agosto alcuni tecnici del Parco nazionale del Circeo sarebbero stati ascoltati da procura antimafia di Roma, secondo quanto riferito da Latina Oggi. L’esistenza di un’inchiesta è smentita dall’amministratore della Cogefid Giovanni Catania: «Qui non abbiamo ricevuto nulla – spiega da Madeira – nessuna rogatoria o avviso. Non sappiamo nulla in merito. Stiamo però valutando, anche dal punto di vista legale, tutte le notizie uscite sul nostro conto».

Gervasio D’Ambrini – raggiunto telefonicamente – mantiene il riserbo sui soci: «Sono famiglie di Sabaudia, faccia una visura alla camera di commercio e avrà i nomi». In realtà i nomi registrati presso le banche dati si riferiscono solo ai «preposti alla sede secondaria», ovvero alla succursale italiana della Cogefid. Si tratta di Claudio Cortese, Sergio Gaspare Cortese e Adriano Cortese, tutti residenti a Sabaudia. Nelle visure italiane non appaiono i soci, ovvero i nomi di chi materialmente detiene le quote societarie della Cogefid Sa, società anonima con sede a Madeira. «In ogni caso le dico – prosegue D’Ambrini – che la scelta del Portogallo non deriva da benefici fiscali. Potete verificare: tutti i soldi sono sempre transitati sui conti italiani». Nessun parola sui reali proprietari: «Mi chiami domani, così posso chiedere l’autorizzazione. Noi non abbiamo nulla da nascondere».


http://www.terranews.it/news/2011/09/il-circeo-brucia-tra-cemento-e-misteri


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news