LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lusso abusivo tra i tesori Unesco. Sigilli a 22 ville tra Noto e Avola
Maria Teresa Giglio
La Sicilia 2/9/2011

L'operazione è stata condotta dalle Fiamme Gialle: denunciate 38 persone
Scoperti tramite il sorvolo edifici realizzati senza autorizzazione

IL PRECEDENTE. Quella conclusa in queste ultime ore rappresenta un'altra fase della più complessa operazione antiabusivismo “Ritorno al barocco” che nei mesi scorsi aveva già portato le Fiamme gialle del comando provinciale di Siracusa a scoprire, nella zona sud della provincia, altri insediamenti edilizia abusivi tra i quali un intero complesso turistico alberghiero, con un'estensione di oltre 13 mila metri quadrati realizzato in contrada Calabernardo, tra Avola e Noto. Nelle altre foto. le ville e le strtture sequestrate nell'operazione di ieri Schiaffo alla storia. Nella valle del Tellaro distrutto un antico ipogeo funerario per costruire un residence

NOTO. Un prestigioso residence in piena valle del Tellaro (dove insiste la nota villa con i suoi mosaici romani) con ventisette villette, ognuna su due piani e con piscina. Un complesso edilizio all'insegna del lusso, chiamato «Borgo Lucia» e spacciato per agglomerato rurale in contrada Busulmone, esteso per oltre 300.000 metri quadri. E' questo il caso di abusivismo edilizio scoperto dalla Guardia di Finanza che ha denunciato i titolari delle due società maltesi intestatarie ed esecutrici del progetto residenziale, accusati anche di aver distrutto un ipogeo funerario datato dalla Soprintendenza all'età tardo-antica (IV e VI secolo d.C.) per realizzare il borgo. Gli indagati, ritenendo che l'ipogeo, costituito da due gallerie scavate nella roccia, avrebbe potuto precludere la realizzazione del residence, lo hanno demolito. Complessivamente, tra committenti, tecnici e direttori dei lavori, titolari d'imprese edili, sono state 38 le persone denunciate alla Procura e che, a vario titolo, dovranno rispondere di abusivismo edilizio, lottizzazione abusiva e distruzione di bene di interesse storico e archeologico. Oltre al costruendo «Borgo Lucia», le Fiamme Gialle hanno messo i sigilli a ville e insediamenti turistici, realizzati abusivamente: in alcuni casi senza autorizzazioni di sorta perché in aree protette da vincolo, in altri in modo difforme rispetto alla concessione edilizia. Sono in tutto ventidue le edificazioni sequestrate, nell'ambito dell'operazione «Ritorno al barocco», coordinata dalla Procura di Siracusa. Delle 22 villette, realizzate su un totale di oltre 4000 metri quadre di superficie, 5 sono state realizzate ad Avola in contrada Palma e Chiusa di Gallo e 17 a Noto, nelle contrade Laufi, Calabernardo e Pizzuta. Quest'ultima ricade nel Parco naturale dell'Eloro, dove il contesto paesaggistico era stato violato con un residence/camping composto da 8 immobili e realizzato senza alcuna autorizzazione proprio in ragione del vincolo paesaggistico e archeologico cui è sottoposta la zona. L'operazione di ieri è una prosecuzione di un'attività di contrasto all'abusivismo edilizio iniziata lo scorso anno con il sequestro di un intero complesso turistico-alberghiero, esteso su oltre 13.000 metri quadri, realizzato a Calabernardo, in palese difformità alla concessione edilizia rilasciata dal Comune di Noto. In quella circostanza si accertò anche una truffa aggravata ai danni dello Stato per indebite percezioni di erogazioni pubbliche e all'arresto di un professionista. Con quella fase investigativa i finanzieri di Noto si resero conto dell'estensione dell'abusivismo , vieppiù grave perché in un'area riconosciuta dall'Unesco quale patrimonio dell'umanità, oltre a vincoli paesaggistici ed archeologici. Così le Fiamme gialle hanno predisposto un minuzioso monitoraggio di tutto il comprensorio. Il rilevamento è stato realizzato anche attraverso il mezzo aereo, con un elicottero "AB412" in uso al Corpo in servizio alla stazione aerea di Catania, munito di strumentazione video/fotografica. Confrontando e sovrapponendo le mappe catastali dei comuni di Noto e Avola e quelle realizzate con il rilevamento aereo, sono state individuate le violazioni che hanno portato al sequestro di ieri. Il comandante provinciale della Guardia di Finanza Giuseppe Cuzzocrea preannuncia: «Non finisce qui. Sono molte le zone del siracusano dove ha imperato l'abusivismo che intendiamo contrastare, come peraltro dalle indicazioni date dalla Procura».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news