LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C'E' UN PATRIMONIO CULTURALE DA SALVARE
DI GIANNI VENTURI
La Nuova Ferrara 30/08/2011




- - L'OPINIONE - L'Istituto di studi rinascimentali stenta a sopravvivere Ci rassegniamo a considerarlo come fa il governo un ente inutile?
Quadra, sintesi. La spasmodica attesa dei prossimi provvedimenti avvolti ancora nelle nebbie del dubbio sta per squarciarsi e, balzando fuori dal suo bunker di palazzo Grazioli B., novello Mandrake, esulter ricordando al popolo d'aver raggiunto la sintesi, mentre un poco ammaccato Bossi proclamer la sua quadra. Il virus delle parole d'ordine sta producendo effetti d'assuefazione mai prima raggiunti. Quando poi un mezzo busto televisivo meno impastoiato di tanti suoi famosi colleghi ha usato la parola pi ovvia e pi giusta: accordo, non si capito pi nulla. Nel frattempo a difesa di una lingua italiana sempre pi scollata da questa specie di balbettio surreale, alta e nobile si alzata la protesta di chi ancora si riconosce nella difesa di una lingua nazionale la cui preservazione e tramando affidata all'Accademia della Crusca. E questo sul Domenicale del Sole 24 ore non su una rivista specializzata. Ente inutile dunque la Crusca come inutili sono diventati decine di altri enti, accademie, associazioni che con rigore, umilt e senso civico hanno difeso la cultura italiana e la sua espressione, la lingua italiana. Il massimo musicologo italiano, Quirino Principe, dalle pagine dello stesso quotidiano, recensendo un bellissimo libro su Berlioz di Olga Visentini ribadiva che la nostra incapacit di afferrare la memoria storica che sta per sfuggirci per sempre, dopo aver rottamato le lingue antiche, ora si accanisce su quelle moderne che sono l'identit di un popolo e di una nazione che diventata torsolo di mela secco e ammuffito. Quando Tremonti usa un termine inglese per definire i mostri che ancora si aggirano nell'economia mondiale a chi si rivolge? A quei pseudo giovani che sono vittime due volte: di una cultura ridotta a schema, a bignamino, a pretesto per aprire Google e che vengono schiacciati poi nel tentativo di affermarsi, muniti solo dalla povert della loro formazione. Come se parlare correttamente italiano fosse non tanto un dovere ma un inutile make up (tanto per stare in tema con la lingua inglese non pi di ascendenza shakespeariana). Un discorso da vecchio il mio e lo capisco anche se i giovani baldanzosi rappresentanti politici (che non hanno meno di 50anni) da questi problemi sembrano supremamente lontani. E' questo il nuovo? Oppure si dovrebbero consapevolmente reimpostare le premesse di una nuova stagione politica anche passando per la difesa di una lingua che sempre pi sta perdendo consenso e senso? Basta frequentare Facebook per accorgersi che le risposte anche le pi sensate stentano a concretizzarsi e hanno bisogno di un dialetto o di una lingua gergale per essere comprese o diffuse. Passa da qui l'aggancio al territorio? O un ulteriore trucco? Da sempre ci hanno insegnato che il dialetto era quasi sempre la lingua dei potenti: il veneziano parlato dalla classe nobiliare e dai gondolieri, il romano dai cardinali e dal popolo, il napoletano dalla aristocrazia e dai lazzaroni, il siciliano dai gattopardi e dai contadini. Ora la Lega parla in dialetto e s'impone e impone la sua dialettalit alla nazione. Una cultura linguistica dunque che si sta rivelando soggetta alla dizione di "inutile" come gli istituti che l'hanno protetta. A Ferrara l'Istituto di studi rinascimentali equiparato dalla legge alle istituzioni statali di ex categoria A (come l'accademia della Crusca o quella dei Lincei) stenta e fatica a salvarsi nonostante la disponibilit della Provincia e del Comune soci dell'Istituto. Venendo meno l'aiuto, anche etico, dello Stato una grande istituzione che ha prodotto cento volumi di cultura e di lingua italiane, famosa in tutto il mondo, punto di riferimento per lo studio del Rinascimento, secondo solo all'Istituto nazionale di Firenze, langue e affievolisce la sua voce scientifica anche se eroicamente difesa da tutti gli studiosi che da sempre offrono il loro contributo gratuitamente e grazie alla generosit del personale. Possibile che al di l dei soliti noti, nessun ferrarese sia interessato a salvare questo ingente patrimonio culturale? O ci rassegniamo a considerarlo come il governo "ente inutile"?



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news