LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una realt popolare tutta pugliese nata nel 700 e poi abbandonata
MARTED, 30 AGOSTO 2011 LA REPUBBLICA - Bari





Cisternino, Giovinazzo e Conversano vantano i complessi pi conosciuti nella regione

In cantiere il progetto di un archivio curato da Domenico Zizzi con la Soprintendenza





Sono circa duecento gli ensemble che oggi possibile ascoltare solo in occasione delle feste patronali

ANTONIO DI GIACOMO
Sarebbe un errore liquidare come una roba da poco la realt bandistica pugliese. Non per caso il compositore Nino Rota attinse a piene mani per le sue musiche da film proprio dalla tradizione delle bande, indagata a fondo durante la sua lunga permanenza a Bari, dove diresse il conservatorio Piccinni. Non solo dunque un fenomeno da relegare nella cultura cosiddetta popolare, se vero che artisti di casa nostra come Pino Minafra o gli stessi Radiodervish, col progetto Bandervish, hanno costruito progetti condivisi con alcune bande offrendo altre opportunit di ascolto di questi complessi che pure, soprattutto nel passato, hanno avuto linsostituibile funzione di divulgare la musica classica sia nei centri pi piccoli che fra i ceti socialmente bassi che mai sarebbero riusciti a entrare in un teatro. Eppure, tranne rare eccezioni, il mondo delle bande abbandonato a se stesso e messo in disparte.
da questa constatazione di fatto che, pochi anni fa, durante la sua breve esperienza di assessore alla Cultura della Provincia di Bari il jazzista e poeta Vittorino Curci si mise in testa di mettere ordine in questo mondo. Lidea era quella di istituire - racconta - un archivio delle bande musicali pugliesi, che potesse trovare sede nella biblioteca De Gemmis, a Santa Teresa dei Maschi. Cominciammo a raccogliere svariati materiali fra pubblicazioni di storici locali, opuscoli e alcune partiture delle trascrizioni bandistiche. Formalmente, infatti, larchivio fu costituito attraverso una delibera della giunta affidando allallora dirigente della biblioteca liter perch questa struttura fosse riempita di materiali e dunque contenuti. Peccato, tuttavia, che i propositi di Curci siano rimasti lettera morta. Non mi risulta, in effetti, che il fondo sia stato arricchito di nuovi materiali n che abbia avuto una dotazione finanziaria per operare. Resta il fatto che le bande pugliesi sopravvivono solo grazie al parco culturale riconducibile al fenomeno delle feste patronali, le uniche occasioni per poter ascoltare queste orchestre.
Eppure almeno poche eccezioni non mancano. In questo senso - spiega Curci - loperazione compiuta da Pino Minafra e dai Radiodervish, insieme con la banda di Sannicandro, desta interesse per aver sdoganato queste orchestre dalle casse armoniche delle feste di piazza. Minafra e la banda di Ruvo, in particolare, gi negli anni 90 sperimentarono un repertorio nuovo, commissionando ad alcuni autori composizioni inedite. Cos personaggi come Bruno Tommaso e Willem Breuker si ritrovarono a scrivere per un organico bandistico, costruito ad hoc da Minafra. Quel progetto fece il giro dEuropa.
Ma quante bande operano in Puglia? Poco meno di duecento, secondo il censimento realizzato nel 2008 dalla Federazione bande pugliesi (Febapu), ideata e presieduta dal bassista Domenico Zizzi per "cercare di salvaguardare e rinnovare il patrimonio culturale delle bande presenti nella nostra regione. Pochi sanno, infatti, che le bande da giro sono un unicum pugliese: nacquero, cos come strutturate oggi, gi nel 700 e, nel 1799, furono addirittura normalizzate, ovvero schedate, dalla polizia borbonica visto che, allinterno di quei gruppi, vi erano cospiratori contro il Regno di Napoli". E se fra le realt pi attive oggi sul territorio ci sono bande come quella di Cisternino, Giovinazzo (guidata peraltro da una donna) e di Conversano guidata da Angelo Schirinzi, promotore del festival Bandalarga, anche a Cisternino, appunto, esiste la rassegna internazionale per bande musicali della Valle dItria. Non solo. Proprio durante il festival "Pietre che cantano", dietro le quinte la ricerca di Zizzi, stata ricordata la figura di Leonard Falcone, originario di Roseto Valfortore e cresciuto musicalmente nella banda cittadina, come il pi grande solista di flicorno baritono del 900 in quellAmerica in cui aveva trovato rifugio e che oggi gli ha tributato il pi grande festival per strumenti a fiato del Paese. Ed solo una delle scoperte di Zizzi, che confida: Con la Soprintendenza regionale archivistica stiamo lavorando alla costituzione di un archivio delle bande pugliesi recuperando proprio lidea di Curci. Lobiettivo, poi, giungere a una legge regionale per tutelare e valorizzare le nostre bande.



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news