LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le due facce del Belpaese
Paolo Vagheggi
la Repubblica, 20/12/2004

Napoli - Luciano Fabro, torinese, 68 anni, è uno degli esponenti di punta dell'Arte Povera, uno dei movimenti più importanti della seconda metà del Novecento, ormai riconosciuto internazionalmente tanto che da poco gli ha dedicato una mostra anche la Tate Modern.
Da questa mattina Luciano Fabro domina la napoletana piazza del Plebiscito in occasione del tradizionale appuntamento di fine d'anno che vuole il cuore della città "occupato" dall'opera di un artista di chiara fama. Qui dunque presenta Italia all'asta che ripropone in maniera spettacolare uno dei temi del suo percorso artistico: l'Italia vista come immagine e luogo di conflitti storici e culturali ma anche di identità e di valori. Ecco dunque due "ritratti" dell'Italia di grande formato, alte entrambe quindici metri, una delle quali è capovolta. Si avvolgono intorno a un palo, un'asta che le sostiene e raggiunge i trenta metri di altezza, così che Nord e Sud si toccano e si uniscono.
Alcuni cartelli segnalano i nomi dei tenitori e dei paesi italiani venduti nel corso della storia per motivi di volta in volta diversi, da Bronte a Nizza e Savoia, nonché i nomi delle grandi aziende privatizzate, che furono per decenni patrimonio pubblico, dall'Alfa Romeo all'Enel. Al contempo sul colonnato della chiesa della piazza campeggiano stendardi a cui si alternano 21 sculture in metallo, riproducono i segni più comuni del linguaggio della matematica. Una colonna sonora (a cura del musicista e musicologo napoletano Pasquale Scialò mentre l'operazione artistica è a cura di Edoardo Cicelyn) avvolge piazza Plebiscito con un concerto di suoni e rumori quotidiani. Questa è Italia all'asta, un lavoro molto forte, spiega Fabro, cominciato una quindicina di anni fa, per aprire un dibattito sul nostro paese «senza partire da giudizi», senza dimenticare che «attorno alla piazza nasce la città, attorno alla città nasce la mentalità, attorno alla mentalità nasce felicità e angoscia. Un artista mette in piazza mentalità, felicità, angoscia».
Quest'opera è anche un intervento politico e vuol lanciare dei messaggi ai visitatori della città?
«L'arte non lancia dei messaggi. Realizza dei ritratti. In questo caso ogni ritratto è un messaggio perché dovrebbe scoprire la natura più profonda dell'argomento trattato. Non c'è un impegno politico dell'artista. E' quasi una questione di lavoro, come quello che realizzavano i ritrattisti più classici. Non c'erano giudizi. Cercavano di vedere la realtà delle persone persino al di là delle apparenze. Personalmente ritengo che il giudizio reale coincida con la moralità ma non sovrintende alla morale».
Più in generale a suo giudizio cosa sta avvenendo nel mondo dell'arte, c'è un momento di confusione e non c'è nulla di nuovo?
«Il nuovo si vive e solo in un secondo momento si può recepire. La situazione generale dell'arte è difficile da individuare perché si è globalizzata. Si sono create tantissime isole, una specie di diaspora delle ipotesi artistiche che è anche pretestuoso pensare di controllare. Ma al di là di questo mi sembra che ci sia uno spostamento del centro: dal concetto di arte siamo al concetto di mercato. Questo ha tolto il senso, il significato dell'operare estetico. C'è un nuovo tipo di parametro. Ma ogni epoca ha avuto dei parametri collaterali. In passato l'avevano creati l'aristocrazia o la chiesa. L'economia appartiene a questo genere. Una volta si giudicava e si considerava l'opera in base al valore religioso o encomiastico. Soltanto con il tempo si possono recepire i valori».
Questa forte presenza del mercato nella vita quotidiana l'artista l'avverte in modo pesante?
«L'avverte in modo pesante soprattutto chi comincia, chi esordisce oggi. E' una macchina molto più grande della persona singola. La conseguenza comunque è che abbiamo un numero di artisti sempre minore mentre aumentano quelli di fama. E mi sembra che stia sparendo anche quella specie di popolo dell'arte, della fantasia, della creatività che è sempre stato una caratteristica del nostro mondo. Non solo. I collezionisti che oggi occupano il globo sono pochi e tutti vogliono le stesse cose. Salgono i prezzi ma gli artisti che possono stare in questo giro sono sempre di meno».
Tutto questo si riflette sul lavoro e sull'impegno dell'artista?
«E’ un altro versante della stessa montagna».
Si riflette anche sui mezzi che usa l'artista; il futuro è segnato dai video, dalla fotografia?
«In ogni lavoro si aggiornano in continuazione i mezzi di produzione. E' quello che accade anche nel mondo dell'arte».
Lei a Napoli presenta Italia all'asta ma a Firenze, alla galleria dell'Accademia, accanto al David ha esposto una sua foto, nudo, suscitando non poche polemiche. Perché?
«Voleva essere un'immagine nuova. La questione che è in ballo lì, quella della tradizione, mi sembra che non sia stata toccata da nessuno. Magari hanno provocato più turbamento certe metafore, più del nudo».



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news