LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UN ROSTRO TESTIMONIA LA BATTAGLIA DELLE EGADI
SALVATORE FALZONE
La Repubblica 23-08-11, PALERMO


TIRAVA un brutto libeccio il 10 marzo 241 avanti Cristo tra le isole Egadi e la costa trapanese. Quel giorno l' audace ammiraglio Lutazio Catulo riusc a sbloccare una situazione bellica che sembrava destinata alla paralisi. Le due flotte, quella romana e quella cartaginese, si fronteggiavano ormai senza alcuna prospettiva, quando il fiuto e l' ostinazione del condottiero resero micidiale l' agguato dei romani, costringendo i nemici a una rapida ritirata. Lo scontro, che risolse l' estenuante prima guerra punica, avvenne a poche miglia a nord-ovest di Capo Grosso, estremit settentrionale di Levanzo, proprio nelle acque dove sabato scorso stata compiuta l' ultima operazione di scavo subacqueo guidata da Sebastiano Tusa: il recupero di un altro rostro, che va ad aggiungersi a quelli gi rinvenuti e che ci d la certezza - spiega lo steso Tusa, Soprintendente di Trapani - che il luogo della battaglia fu a circa tre miglia a nordovest di Levanzo. Un' altra pagina di storia importate per il nostro passato stata dipanata grazie all' azione coordinata della Regione Siciliana e della Fondazione statunitense Rpm Nautical Foundation di George Robb con la direzione scientifica dell' archeologo Jeff Royal. Ricercando sistematicamente in quello spazio di mare con l' aiuto delle tecnologie sofisticate di ricerca oceanografica, gli archeologi hanno fatto ancora centro. I rostri - continua Tusa - sono i veri protagonisti di quella battaglia. Si tratta di elementi in bronzo applicati alla prua delle navi da guerra, dotati di lame che penetravano nelle fiancate della navi nemiche affondandole. Erano applicati principalmente alle trireme, nave da guerra tra le pi diffuse nell' antichit dall' epoca greca arcaica. Ma come viene effettuata, concretamente, una ricognizione del genere? Grazie alla nave Hercules, fornita delle pi aggiornate dotazioni tecniche funzionali alla ricerca archeologica. La nave viene posizionata laddove vogliamo grazie a un sistema automatico che, una volta impostata la rotta o la posizione da mantenere, la mantiene con precisione millimetrica grazie al collegamento satellitare costante che guida direttamente i motori ed il timone. La nave, dotata di tale sistema satellitare automatico di posizionamento, possiede quattro eliche indispensabili per mantenere con esattezza rotta e posizione reimpostata. Questa fattore determinante per effettuare una ricognizione sistematica dei fondali. Perch? Perch permette il posizionamento preciso di tutti i bersagli identificati e la possibilit di coprire con esattezza la superficie marina senza il timore di ripassare su aree gi esplorate. La prima fase della ricognizione- spiega il Soprintendente- ha visto l' utilizzazione del sonar a scansione laterale che consente di "disegnare" la morfologia del fondale grazie ad emissioni acustiche emanate da un trasduttore installato su un supporto subacqueo trainato detto "pesce" fatto "volare" a distanza controllata dal fondale. L' immagine desunta dall' eco di riflessione emesso dal trasduttore decodificata su uno schermo video o stampata su una striscia di carta termica registrando tutte le anomalie del fondale e gli ostacoli incontrati che potrebbero celare elementi di carattere archeologico. E la seconda fase? quella - conclude Tusa - che serve ad analizzare con l' occhio umano i bersagli archeologici individuati per comprenderne l' esatta natura o con l' immersione diretta dell' operatore subacqueo archeologo, in basso fondale, o con i veicoli sottomarini a comando remoto.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news