LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ancona. Incuria e degrado: il Guasco in castigo
20 AGOSTO 2011, CORRIERE ADRIATICO



La Cattedrale risplende, le strade per il Duomo sono uscite dal restyling. Ma dietro le quinte regna labbandono



Ancona E dal Guasco che inizi ad espandersi Ancona, cos recita in sintesi il marmo che si trova sul muro del Museo Diocesano. Ma Ancona, c da dire, si dimenticata del Guasco.

Basta infatti sedersi su una di quelle panchine che si trovano nella piccola pineta a lato del museo che si affaccia sul mare, allaltezza dello stabilimento della Fincantieri, per godere di uno spazio dove possibile trovare un po di quiete e ammirare il panorama. A dir la verit il panorama lo si pu ammirare se si sta in piedi perch seduti, gli occhi finiranno contro il muro di cemento bianco che fa da parapetto e al posto del quale sarebbe stato meglio avere una balaustra in ferro.

Si scende e si prosegue il cammino seguendo il cartello Itinerario Ancona Storica 4 Sentiero Panoramico e Casa del Boja. Laccesso al sentiero panoramico visibile nella curva di via Giovanni XXIII, ma chiuso da una catena comunque facilmente scavalcabile anche se sarebbe stato meglio non averla passata vista lincuria che vi domina oltre: rami tagliati e lasciati a terra, il vecchio rifugio realizzato per esigenze belliche completamente sporco di scritte, cartacce, bottiglie, fazzoletti e perfino un paio di pantaloni marroni mentre, poco lontano, vi uno slip blu. Qualche passo ancora e, dove fino a met Ottocento cera quel Can piazzato in permanenza a difesa del porto e che nessuna targa ricorda, oggi vi un mucchio di preservativi.

Proseguendo nel giro, ci si dirige verso la Casa del Boja il cui cartello informativo completamente coperto dalle piante e reso praticamente invisibile. Piante che mancano invece nelle decine e decine di fioriere che fanno bella mostra di s per tutto il camminamento che scende fino al lungomare Vanvitelli ed anche in parte di quello Scalone Nappi che lultimo che lo seppe apprezzare, oltre ai Nappi, fu forse il regista Luchino Visconti. Fioriere piene di terra secca ed erbacce che, se curate, potrebbero invece abbellire notevolmente la zona.

In piazza del Senato, sorgono alcune colonnine, donate alla citt da privati, riportanti informazioni sugli edifici che si trovano intorno. Colonnine rovinate dal passar degli anni tanto che in alcune mancano anche i pannelli che dovrebbero illustrare ci che si vede, risultando in questo modo quasi inutili. Poco distante, ecco il Museo Nazionale delle Marche con, di fronte, alcuni scavi e un pannello esplicativo situato non su una piattaforma costruita ad hoc ma su un dislivello di terra polverosa che lo rende anche poco visibile. Vicino, vi anche un cartello stradale gettato a terra.

Per arrivare invece allanfiteatro bisogna esser bravi nel trovare un cartello, in cartone, grande la met di un foglio A4 e fissato con delle fascette da elettricista al palo di un segnale stradale o, in via Birarelli, al corrimano lungo la sede del ministero per i Beni e le Attivit culturali.

Una volta trovato, non sappiamo cosa esattamente stiamo guardando dato che non vi sono cartelli n informazioni. In compenso si notano, vicino al pavimento musivo con iscrizione onoraria, un sacco nero dellimmondizia ed altra sporcizia.

Spostandoci verso il Cardeto, altro degrado lo troviamo proprio ai suoi piedi, in via dellOspizio, dove una porta mangiata dalla ruggine fa da ingresso ad un locale adibito a pattumiera, mentre via Orsini, indicata da una targa in marmo spezzata in due al lato della chiesa di San Francesco delle Scale e tenuta su per miracolo, si trovano vaschette dacqua sparse disordinatamente qua e l e rifugi per gatti con tanto di coperte. Tutto sembra, insomma, tranne di stare in centro.

Triste anche lo scenario che ci si presenta scendendo le scale, completamente rotte, di via Rupi Comunali dove, sotto le volte che sorreggono piazza Stracca, sono conservate delle munizioni di antiche macchine belliche, baliste o trabocchi, coperte di erbacce, siringhe e altra sporcizia.
sabato, 20 agosto 2011



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news