LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Da sovietici spostare il Quarto Stato
Marta Bravi
Giornale - Milano 19/8/2011

Daverio stronca l'idea di portarlo in Comune. Carrubba : Resti dov'
Il trasloco del Quarto Stato di Pellizza da Volpedo, opera simbolo del museo del Novecento, a Palazzo Marino? Un gesto sovietico, solo il vecchio potere sovietico si permetteva di togliere i quadri dalle collezioni per esporli nei palazzi del governo. E duro Philippe Daverio, critico d'arte e assessore alla Cultura sotto la giunta Formentini contro la proposta, lanciata su Facebook, dall'assessore alla Cultura Stefano Boeri - accolta dal sindaco Pisapia - di spostare l'opera dall'Arengario a piazza Scala per valorizzarla meglio. Pisapia non scimmiotti il sindaco Greppi - che espose il quadro a Palazzo Marino come simbolo della ricostruzione - grottesco, il senso delle parole di Daverio. Quello s fu un vero gesto politico, Pisapia allora indossi la camicia rossa provoca Daverio. Sulla stessa linea anche un altro ex assessore alla Cultura ora presidente dell'Accademia delle Belle Arti, Salvatore Carrubba: Eviterei spostamenti di quadri in base al cambio degli assessori di Palazzo Marino.

Un gesto da vecchio dominio sovietico. Parola di Philippe Daverio, che attacca senza mezzi termini la proposta dell'archistar e assessore alla Cultura del Comune Stefano Boeri, avallata dal sindaco Pisapi a, di spostare il Quarto stato di Pellizza da Volpedo, simbolo del museo del Novecento, per metterlo a Palazzo Marino, la casa dei milanesi. Solo il potere sovietico - spiega Daverio - poteva decidere di togliere un quadro da una collezione o da una mostra per metterlo in un palazzo del governo. La motivazione accampata da Boeri che il quadro sarebbe esposto in uno spazio troppo ridotto per poter percepire la potenza in movimento del dipinto, diventa un piccolo innocuo ornamento. Il critico d'arte concorda sul fatto che l'opera che d il la al percorso museale non sia valorizzata: il quadro l esposto effettivamente sta male, d'altronde tutta la collezione del museo al momento molto disordinata, non si riesce a capire il filo logico del percorso espositivo. Il luogo naturale per il Quarto Stato la Villa Reale, sarebbe perfetto in mezzo ai quadri di Segantini, che si aprono alla modernit. Il sindaco sostiene che esporlo a Palazzo Marino significa restituirlo ai milanesi, riportarlo nella casa dei milanesi. Ma Palazzo Marino non assolutamente percepito come la casa dei milanesi - risponde secco il critico d'arte, assessore alla Cultura sotto la giunta Formentini - Palazzo Marino piuttosto il palazzo del governo che a fatica deve riconquistarsi la simpatia dei cittadini. Il gesto di Greppi che port l'opera, comprata con una sottoscrizione pubblica, a Palazzo Marino come simbolo della ricostruzione era un gesto politico, se Pisapia intende fare un gesto politico di salvezza, si metta le camicia da garibaldino. II simbolismo di Greppi che disse pane e musica per rilanciare la citt certamente superiore alla capacit comunicativa di Boeri. La giunta Pisapia eviti di fare caricature grottesche. Sulla stessa linea il capogruppo del Pdl Carlo Masseroli che parla di pura follia, conferma lo spirito elitario e di parte di questo governo cittadino. Aggiungerei anche miope per l'attrattivit della nostra citt. Ci sono almeno due evidenti ragioni a conferma di questo giudizio prosegue -. un'opera di livello internazionale che deve poter essere vista da tutti e non tenuta quindi in un luogo accessibile a sindaco e pochi altri. Il museo del Novecento certo il luogo ideale. Ha un valore simbolico di parte che non pu essere associato ad un luogo istituzionale che per definizione non deve privilegiare una parte. Contrario allo spostamento dell'opera firmata Pellizza da Volpedo anche l'ex assessore alla Cultura e presidente dell'Accademia delle Belle arti, Salvatore Carrubba: Eviterei spostamenti di quadri in base al cambio degli assessori a Palazzo Marino. Quel quadro stato pensato esplicitamente come inizio di un percorso espositivo nell'arte del Novecento, un progetto con cui Italo Rota ha vinto un concorso internazionale. Per me il quadro deve rimanere li dov'. Un simbolo di Milano oltre che del socialismo milanese, quindi giusto che tomi a palazzo Marino in una sala sempre aperta al pubblico difende la proposta Roberto Biscardini, non a caso segretario del Psi e consigliere comunale. Cos Roberto Caputo, capogruppo del Pd in Provincia: Il dipinto deve tornare in Comune. Milano sempre stata la capitale del socialismo, la citt di Turati, vero laboratorio riformista e politico.



news

18-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news