LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MI PORTI UN PIACIONE A FIRENZE. Il sindaco: Rifacciamo la facciata di San Lorenzo
di Tomaso Montanari
Il Fatto Quotidiano, 27 lug. 2011

ARTE-MARKETING


Domanda: cosa unisce Claudio Scajola e Matteo Renzi? Risposta: Michelangelo! Purtroppo non si tratta di enigmistica da spiaggia, ma di ci che si desume dalla lettura dei quotidiani di questa settimana.

Ma andiamo con ordine. Il sindaco di Firenze ha appena lanciato la proposta di costruire la facciata che, mezzo millennio fa, Michelangelo aveva progettato per la basilica medicea di San Lorenzo e che non fu mai messa in opera.

Si tratta di unidea grottesca per molti motivi: la chiesa non ha alcun bisogno di avere una facciata, visto che la sua incompiutezza ormai storicizzata ed entrata nelliconografia della citt. Inoltre, nonostante i modelli e i disegni, assolutamente impossibile costruire ora la facciata di Michelangelo senza creare un falso tremendamente kitsch (sarebbe come scrivere oggi un concerto di Bach basandosi su suoi appunti e su qualche pentagramma di suo pugno). Ma, soprattutto, lascia attoniti che un sindaco giovane e che fa del rinnovamento la sua bandiera, non sappia proporre niente di meglio della tipica ricetta fiorentina: campare di rendita alle spalle di un passato illustre, senza aver la minima capacit di aprire gli occhi sul mondo di oggi. Altro che rottamazione: ci manca solo che Renzi posi la prima pietra della facciata lau-Renziana indossando uno dei grembiuli da cucina con il torso e il sesso del David che si vendono ad ogni angolo della kasbah turistica fiorentina.

E in questo marketing artistico Renzi non stato nemmeno originale. Lidea della facciata era stata di Eugenio Giani inaffondabile presidente del consiglio comunale fiorentino , il quale per avrebbe voluto, pi modestamente, realizzarla in materiali effimeri: una pi innocua baracconata, tipo sagra di Michelangelo. Giani anche il presidente di Casa Buonarroti, il museo michelangiolesco cittadino: e anche in quella sede si dato molto da fare, consegnando la politica espositiva del museo nelle mani dellAssociazione culturale Metamorfosi, diretta dallex politico Pci Pietro Folena.

I risultati sono stati decisamente spericolati: lanno scorso il senatore Mario Cutrufo, vice-sindaco della capitale, si portato a Londra un disegno della collezione fiorentina per promuovere il prodotto Roma. E ora (23 luglio) il Fatto rivela che una societ vicina allex ministro Scajola (la Meet Comunicazione) ha provato a vincere, senza gara, un finanziamento di 7 milioni e mezzo di euro, erogato dal ministero del Turismo, vantando la possibilit di utilizzo in esclusiva [sic!] delle opere di Michelangelo conservate nel museo fiorentino presieduto da Giani. Proprio come nel film in cui Tot vende la Fontana di Trevi, le cose non sono come sembrano e unaltra societ (la Demax) si fatta avanti rivendicando di avere unopzione sui disegni di Michelangelo per uneventuale mostra.

Di fronte a questo squallido mix di marketing politico e mercato vero e proprio non difficile immaginare che Michelangelo si stia rumorosamente rotolando nella sua tomba di Santa Croce. Ma come dimenticare unaltra tragicomica puntata della soap buonarrotiana? In una stanza della soprintendenza a pochi metri dallo studio di Renzi in Palazzo Vecchio, giace (inaccessibile quasi fosse sotto sequestro) il piccolo Cristo ligneo che il povero Sandro Bondi compr per lo Stato quasi tre anni fa credendolo di Michelangelo e pagandolo oltre 3 milioni di euro. Bondi cadde in un trappolone tutto fiorentino: fiorentino il mercante che laveva comprato in America per 10.000 euro (il suo vero valore); fiorentino il lancio mediatico di quella bizzarra attribuzione, curato dallonnipotente soprintendente Antonio Paolucci; fiorentina lidea di farlo comprare allo Stato attraverso una pratica curata dallattuale soprintendente Cristina Acidini. E se la Corte dei conti e la Procura di Roma non si fossero messe nel mezzo, oggi quella banale scultura anonima di qualche legnaiuolo del Rinascimento sarebbe esposta al Museo del Bargello con scritto Michelangelo sul cartellino.

A essere onesti, tuttavia, bisogna riconoscere che la mercificazione della storia dellarte non appannaggio esclusivo di una citt che pare condannata a vendere eternamente i gioielli di famiglia. Come spesso gli capita, anzi, Matteo Renzi avverte e intercetta una tendenza generale.

Pochi giorni fa, per esempio, il presidente della Triennale di Milano, Davide Rampello, ha indicato come modello vincente per la rappresentazione dellItalia allestero quanto si realizzato allultima Expo di Shanghai, dove si ricostruita in scala uno a uno la scena del Teatro Olimpico di Andrea Palladio. Rampello stato direttore artistico di Canale5 e ha fondato la societ televisiva Grandi Eventi: niente di strano che trovi naturale raccontare lItalia come una grande Disneyland in cui si cerca di mettere a reddito lunico brand su cui nessuno vanta diritti, e cio il nostro glorioso passato culturale. La stessa visione domina ormai il ministero dei Beni culturali, dove il direttore generale per la valorizzazione, Mario Resca (uomo Eni e Mondadori) ha appena ordinato alle esterrefatte soprintendenze di spedire a Pechino alcuni capolavori assoluti (sic) per una grande mostra sul Rinascimento fiorentino che tiri la volata al marketing italiano in Cina. Gli esempi della mercificazione della storia dellarte, sono cos tanti che per seguirli bisognerebbe tenere una rubrica quotidiana: dal David bronzeo di Donatello trascinato materialmente tra gli stand della Fiera di Milano, alla pubblicit supertrash della Regione Calabria, dove i Bronzi di Riace sono ridotti a coatti da spiaggia. Se alla fine la facciata michelangiolesca di San Lorenzo si costruir davvero, sar un perfetto monumento alle velleit autocelebrative di una classe dirigente bipartisan che capovolge sistematicamente larticolo 9 della Costituzione strumentalizzando a proprio vantaggio quello stesso patrimonio che contribuisce a degradare inesorabilmente.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news