LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO capitale di arredi e decori
SALVATORE FALZONE
GIOVED, 21 LUGLIO 2011 LA REPUBBLICA Palermo

ARTE IN MALORA IL MINISTRO SI TIRA FUORI



Un saggio di Ivana Bruno documenta il cambiamento di gusto nellOttocento per gli interni grazie alla regia di insigni architetti e allabilit delle maestranze
Marvuglia e altri pilotano il passaggio dal neoclassicismo al romanticismo


Il peso della cultura artistica siciliana del periodo compreso tra lepoca neoclassica e la stagione liberty tutto l: nei muri, nella carta e nei tessuti che abbelliscono gli interni delle ville e dei palazzi palermitani dellOttocento. A quei tempi la capitale dellIsola era al passo con i tempi rispetto alle altre citt italiane, e le abitazioni signorili seguivano la moda europea del momento. Di qui luso della carta e del tessuto da parati che si accompagnava alle decorazioni pittoriche, alle stoffe pregiate e ai damaschi di seta, tutti provenienti dallo stesso fornitore e tutti accordati nel colore a quello dellintero arredo, secondo il disegno superiore di un architetto, interprete intelligente di un committente che apparteneva ancora allantica aristocrazia siciliana.
Una nuova indagine storico-critica, firmata da Ivana Bruno, intitolata "La camera picta" e pubblicata dalleditore nisseno Sciascia, fa luce su questo particolare aspetto della storia artistica palermitana e siciliana. Largomento quasi del tutto inedito - scrive Maria Concetta Di Natale nella presentazione - poich finora era stata indagata pressoch solo la parte mobile della produzione pittorica dellOttocento palermitano. Dal Neoclassicismo il linguaggio artistico siciliano passa al Romanticismo, che riprende le forme dellarchitettura e della decorazione locale, dallo stile normanno-svevo al gotico catalano per rivendicare le proprie origini. Basti pensare a Palazzo Forcella.
Unindagine, quella condotta dallautrice, che insegna Museologia presso la facolt di Lettere di Cassino, portata avanti con rigore scientifico e sostenuta dalla ricerca nei fondi e negli archivi privati delle famiglie proprietarie degli edifici esaminati, una cinquantina in tutto, molti dei quali resi accessibili per la prima volta. Tra le citt italiane che conservano testimonianze ottocentesche di questarte decorativa - spiega Bruno - Palermo si distingue per il gran numero di palazzi e ville signorili, ancora quasi inesplorati, in cui la presenza o, comunque, la documentazione di pitture murali, offre la possibilit di ricostruire la storia di quel gusto per la decorazione che costitu la nota dominante dellarte siciliana del tempo.
Nel XIX secolo si sviluppa il collezionismo privato di ritratti, paesaggi e quadri da cavalletto che parlano di storia e mitologia. Ma la classe aristocratica e il nuovo ceto borghese mantengono in qualche modo, sebbene se in misura minore rispetto al passato, la tendenza diffusa nel Settecento a realizzare decorazioni pittoriche nelle volte e nelle pareti delle loro abitazioni. Anche se in quegli anni cambia il gusto, simpongono i nuovi principi dello stile neoclassico, e la committenza richiede agli artisti soggetti pi moderni. Dal rococ esploso nel Settecento si passa alla nuova estetica neoclassica, incentrata sui principi del "vero stile" e dellimitazione degli "antichi".
Ma in che modo penetra in Sicilia, alla fine del XVIII secolo, questo nuovo gusto? Grazie ai continui contatti con Roma e Napoli, dice la studiosa, tappe dobbligo per gli artisti dellepoca, che in esse svolgevano il loro apprendistato e potevano conoscere da vicino le rovine dellet classica, riconsiderate alla luce delle nuove scoperte o riscoperte archeologiche promosse dalla corte borbonica.
E a maggior ragione durante il periodo di permanenza dei reali a Palermo, a cavallo tra Sette e Ottocento, il rapporto con Napoli si rafforza ulteriormente. Ne prova anche la pubblicistica del tempo, per esempio riviste locali di letteratura e arte che commentano gli scavi di Pompei e descrivono minuziosamente le abitazioni, i suppellettili e soprattutto le pitture decorative. A Palermo, in particolare, un nugolo di architetti d la spinta decisiva ad abbandonare i moduli e gli stilemi dellarte tardo barocca. Architetti che conoscono a fondo gli elementi costitutivi del neoclassicismo e che si aggiornano costantemente sulla sua evoluzione. Personalit artistiche di spicco, che nel giro di pochi anni diventano i registi dellapparato decorativo, si occupano degli ornamenti a stucco, a pittura e a maiolica, selezionano gli artisti e gli altri esecutori materiali delle opere.
Il pi gettonato Giuseppe Venanzio Marvuglia. lui - attorno al quale si radunano decoratori, stuccatori e pitturi impegnati nella ristrutturazione di palazzi antichi ed edifici religiosi - a porre le fondamenta delle istanze ottocentesche, anche se legato al clima artistico del secolo dei lumi. Si pensi per esempio alla complessa decorazione pittorica del prospetto e degli ambienti interni di villa Belmonte allAcquasanta, esempio significativo di grosso cantiere che vede allopera artisti dalle diverse specializzazioni, pittori, tessitori, stuccatori, marmorai, ebanisti, muratori, tutti sotto la guida di Marvuglia. suo il progetto della villa alle pendici del monte Pellegrino, circondata da giardini e arricchita da un tempietto di Vesta.
Il proprietario, Giuseppe Emmanuele Ventimiglia e Cottone, principe di Corleone, anche un raffinato collezionista e antiquario (alla morte dona la sua pregiata raccolta dallUniversit). Proprio i documenti di famiglia rivelano che nel 1799 il nobile palermitano affida allarchitetto lincarico di realizzare il progetto di ristrutturazione delledificio e del parco. Marvuglia, aiutato dal figlio Alessandro Emmanuele e da Fra Felice da Palermo, un architetto cappuccino, firma la rinascita della villa, occupandosi in prima persona anche della strada daccesso e del percorso dacqua. La decorazione pittorica della villa - scrive Bruno - ricca di citazioni delle logge raffaellesche, di riferimenti alle antichit ercolensi, di illustrazioni di interi brani desunti dallEneide virgiliana e di simboliche scene mitologiche. Tale decorazione segna il completo mutamento di gusto verso quel neoclassicismo che privilegiava luso dei dipinti monocromatici a tempera, in accordo coni la creazione di interni pi funzionali secondo le moderne regole di affidabilit e comoda eleganza.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news