LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Italia, parte la sfida di Berlino
Dario Fertilio
Corriere della Sera, 10/12/2004

BERLINO La nostra cultura all'estero riparte dalla Germania. E affida le sue sorti a Palazzo Italia, prototipo di molti altri simili, destinati a Mosca. Pechino, New York.
Di che si tratta? Di una sede nuova di zecca sul viale Unter den Linden, a due passi dalla porta di Brandeburgo. Qui tra un anno e mezzo, dopo il restauro, sorger in stile rinascimentale il primo, ambizioso sportello unico del made in Italy, destinato a ospitare contemporaneamente mostre, rappresentazioni, eventi culturali e commerciali. Un progetto pilota per gli altri Palazzi Italia gi programmati nel resto del mondo. Una riscossa annunciata dalla discesa in campo della Fiera di Milano e della finanziaria statale Simest, con l'appoggio del ministero degli Esteri: hanno costituito una societ e acquisito l'intero stabile sul celebre viale berlinese, nella nuova sede si metter alla prova il progetto di collaborazione tra Istituto italiano di cultura in Germania e Confindustria. Il disegno del resto l a provare che non si tratta di un sogno: suggestivo e spettacolare, quanto basta per imporsi all'immaginazione del pubblico tedesco. Ma anche rispettoso della storia: le parti distrutte dai bombardamenti negli anni Quaranta saranno ricreate in vetro e inserite nella struttura, con rimandi tra passato e presente.
E cos, con questo taglio avveniristico, l'Italia si prepara a celebrare nel 2005 il cinquantesimo anniversario del trattato italo-tedesco, che regolamentava l'impiego dei lavoratori italiani per la ricostruzione in Germania. L'obiettivo era stato, allora, quello di regolare l'afflusso degli emigranti in modo che non fosse indiscriminato e caotico, ma ripartito per aree di attivit e settori geografici. Erano anni epici. I nostri lavoratori si concentravano al binario numero 11 della stazione di Monaco, dopo aver viaggiato la notte e il giorno precedente lungo la linea del Brennero. E di l, afferrando le loro mitiche valigie chiuse con lo spago, frastornati dai chilometri che gi li separavano da casa (in Sicilia, in Puglia o nel Veneto), gli emigranti si issavano in carrozza per affrontare l'ultimo tratto verso l'ignoto: Wolfsburg, per la Volkswagen, Stoccarda per la Mercedes, il bacino della Ruhr per la chimica e la siderurgia. Oppure, i pi fortunati, si fermavano a Monaco con la Bmw quando non si spostavano di cittadina in cittadina come muratori.
E Berlino? In quegli anni l'ex capitale appariva lontana, semidistrutta, rinserrata all'interno di uno Stato ostile, l'inaccessibile Ddr. Pochi lasciavano il nostro Paese per trovare lavoro e stabilirsi nell'ex capitale, e pochi sono ancor oggi: non pi di 16 mila su un totale di 600 mila residenti in Germania, la pi grande comunit italiana all'estero dotata di passaporto.
Nel frattempo sono sparite le valigie di cartone, l'ignoto si trasformato quasi in cortile domestico, e nonostante l'evidente freddezza di gran parte della stampa e degli intellettuali tedeschi verso il governo italiano in carica, i nostri lavoratori hanno salito molti gradini nella scala del prestigio. Potrebbero essere loro, dunque, gli italiani di Germania, i naturali ambasciatori della nostra cultura, e della lingua di Dante, in un momento di forte competizione internazionale. Sfida ambiziosa, che deve tener conto anzitutto della particolare mentalit berlinese, portata all'anticonformismo, a un gusto per l'eccesso e la trasgressione, e quindi incline ad apprezzare la provocazione culturale, e in genere tutto quel che sa di avanguardia.
Ma l'Italia anche altro: e allora si deve diversificare l'offerta. Cos si muove Renato Cristin, filosofo husserliano, da meno di un anno nominato per chiara fama alla direzione dell'Istituto di cultura di Berlino, con funzioni di coordinamento per la Germania. Da un lato puntando su avanguardia e sperimentazione, come di recente con la mostra di Fabrizio Plessi: la sua flotta di Berlino fatta di barche pendenti dal soffitto, con video di color rosso fuoco installati dentro alle chiglie, in un'aura di visionariet veneziana, ha colpito nel segno. Dall'altro, promuovendo grandi eventi in cui i due Paesi possano identificarsi: ed ecco le tre settimane dedicate a De Gasperi nel cinquantenario della morte, accostato ad Adenauer come padre fondatore dell'Europa.
C' spazio per artisti e i politici, ma anche per stilisti, cuochi, designer, musicisti spiega Renato Cristin per quel che conta davvero l'idea di una forte identit italiana, qualcosa di cui si possa essere orgogliosi e in cui ci si possa identificare. Il motto insomma, : convinciamo e motiviamo anzitutto il popolo degli italiani di Germania, quindi bussiamo con pi forza alle porte tedesche. Ecco perch l'Istituto di cultura allarga il ventaglio delle offerte: alcune di taglio popolare, come una rassegna di cucina italiana selezionata da Edoardo Raspelli o gli incontri sulla musica leggera e lo spettacolo affidati a Mogol e, pi avanti, ad Arbore; altre molto impegnative, come la mostra su Matteo Ricci, il celebre padre gesuita che a cavallo del XVI e XVII secolo introdusse la cultura europea alla corte dei Ming, che si aprir in febbraio a Roma, al Vittoriano, per approdare dopo qualche mese a Berlino.
E qui sta la scommessa: affermare l'idea di una cultura italiana legata al mondo del lavoro, in cui le imprese non solo sponsorizzino, ma partecipino alla realizzazione di un evento. Cos, il prossimo anno prevista a Berlino una mostra sul design automobilistico, sostenuta dalla Fiat, e l'istituzione del premio letterario Campiello Germania, filiazione diretta di quello italiano voluto dagli industriali Veneti. Come il fratello maggiore, il Campiello Germania selezioner una cinquina fra le opere tradotte in tedesco e pubblicate negli ultimi due anni, riservando riconoscimenti speciali agli editori e ai traduttori germanici.
E meno male che si corre ai ripari, perch in campo editoriale tira una brutta aria: in pochi anni sono diminuite le traduzioni di opere italiane in tedesco. Resistono, certo, le corazzate chiamate Eco, Magris o Camilleri, ma gli altri autori hanno vita difficile. Certo esiste una crisi del mercato editoriale in Germania, spiega il direttore perch anche qui si legge di meno e le sovvenzioni per chi traduce sono diminuite. Ma bisogna anche prendere atto di una recessione tutta italiana. E intanto suonano altri campanelli d'allarme: calano gli studenti di italianistica (ancora intorno ai 200 mila nelle universit, ma appena 45 mila nelle scuole inferiori), si contraggono anche le cattedre (del 10 per cento in pochi anni), si registra il sorpasso spagnolo ormai avvenuto e l'avanzata russa nell'insegnamento della lingua.
La riscossa partir da Berlino? Per riuscire, bisogner scrollarsi di dosso un handicap. L'Istituto di cultura oggi ospitato all'interno della monumentale, risorta ambasciata voluta da Hitler come dono al Paese alleato dell'Asse e progettata nel '38 da un allievo dell'architetto Speer. Poi abbandonata per decenni e inaugurata solennemente l'anno scorso alla presenza di Ciampi. Ma proprio perch confinata in una zona diplomatica poco frequentata dai berlinesi, lontana dai centri commerciali e dai ritrovi, non riesce a competere con le sedi centralissime, e sfavillanti, del Centre Francois o del Cervantes. E' il momento di reagire, con il Palazzo Italia e tutto il resto. Il mondo degli Istituti italiani di cultura, adesso, guarda a Berlino.




news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news