LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Catania non ha un museo archeologico
Pinella Leocata
LA SICILIA 20 Luglio 2011


Catania. E' assurdo, ma cos: Catania non ha un museo archeologico, ed l'unico capoluogo di provincia, in Sicilia, ad esserne privo. C' stata una forte resistenza a realizzarlo negli anni passati, quando si sarebbe potuto attingere a fondi cospicui, e ora che infine stata individuata una sede adatta c' il rischio che il progetto rimanga sulla carta per mancanza di risorse.

Quando, dieci anni addietro, si decise di dotare Catania di un museo archeologico fu individuata come sede quella del carcere borbonico, in piazza Pietro Lupo, dove hanno sede alcuni uffici della questura. Una scelta avventata perch non era facile spostare altrove la polizia - infatti rimasta dov'era - e perch la struttura poco adatta allo scopo essendo articolata in piccole celle che si affacciano su un corridoio. Cos, quando l'Ente Tabacchi italiano (Eti), di propriet del Tesoro, decise di chiudere la sede catanese della Manifattura Tabacchi, e l'allora direttrice della sezione archelogica della sovrintendenza di Catania Maria Grazia Branciforti la propose come sede del museo archeologico, tutti furono d'accordo.

In orgine la struttura era il quartire militare borbonico costruito, su progetto dell'architetto Zara Buda, dopo i moti rivoluzionari del 1821. Il prospetto principale dava su via Garibaldi e l'edificio aveva uno sviluppo su tre lati. Con l'Unit d'Italia, per dare un segno di discontinuit, fu adibito a industria dei tabacchi e, nei primi del Novecento, il cortile fu chiuso e fu costruito un altro corpo uguale e speculare al primo, con ingresso su piazza San Cristoforo. Uno dei primi esempi di costruizioni in cemento armato dell'epoca. Ancora negli anni '50 sono stati costruiti nuovi corpi a servizio della Manifattura mentre il cortile interno originario, prima piazza d'armi, stato deturpato con numerose superfetazioni: vasche di raccolta, una grande ciminiera e capannoni per le macchine industriali. Ma la struttura, articolata in grandi camerate e cortili, si presta bene ad ospitare un museo.

Qualche anno addietro la Regione ha acquistato l'edifico e ne vincolato la parte storica, tutt'ora nella disponibilit della sovrintendenza che ha trasferito al costituendo Museo archeologico soltanto una minima parte e cio la sala da qualche anno adibita ad esposizioni e alcune stanze oggi ristrutturate per ospitare gli uffici.

L'ipotesi originaria della Branciforti prevedeva che al piano terra fossero realizzati gli spazi espositivi, mentre al primo piano gli uffici, i laboratori e la caffetteria. Il museo archeologico di Catania, infatti, pensato come la conclusione della visita ai vicini monumenti archeologici e come luogo che racconta la storia degli insediamenti umani nel territorio etneo, dall'et preistorica, e dunque dall'uso delle grotte di scorrimento lavico, alla colonizzazione greca e agli scontri tra colonie fino all'epoca imperiale romana, quando Catania divenne punto di rifermento di tutto il territorio, e poi ancora all'epoca cristiana e bizantina fino al medievo. Il museo dovrebbe esporre i ritrovamenti fatti sul territorio, dunque altra cosa rispetto alla collezioni settecentesche che fanno parte del museo civico di Castello Ursino i cui pezzi hanno varie provenienze e sono avulsi dal contesto storico-geologico del territorio.
Il problema, non di poco conto, che il progetto di restauro e rifunzionalizzazione dell'ex Manifattura Tabacchi prevede costi enormi che vanno dai 18 ai 23 milioni. Somme che si sarebbero potute ottenere in passato, concorrendo ai fondi europei quali Agenda 2000, ma che altamente improbabile che vengano finanziate adesso, nell'ambito del Po-Fers, che, avviato dalla Regione con grande ritardo, potr contare, per i meccanismi imposti dall'Unione europea, su somme di gran lunga inferiori a quelle teoricamente previste. Impensabile che si voglia finanziare un solo intervento in tutta la Regione, dal momento che la realizzazione del Museo archeologico prosciugherebbe buona parte del budget disponibile. Per questo il neodirigente del Museo archeologico, l'archeologo Francesco Privitera, ha presentato anche un progetto ben pi limitato, per un ammontare di circa 600.000 euro grazie ai quali potr affrontare le necessit pi urgenti dell'oggi e cio la disponibilit di almeno un'altra grande stanza per esposizioni e conferenze, nuovi servizi igienici, la liberazione e l'uso del cortile interno. Prevista, attraverso altre risorse comunitarie, anche la realizzazione di un laboratorio di restauro archeologico di ceramiche, marmi e bronzi, utile per i pezzi del museo e a servizio di tutta la sovrintendenza e dei parchi archeologici del territorio.
In attesa di realizzare il museo, intanto, sarebbe necessario procedere alla catalogazione dei pezzi e al loro restauro, ma i pezzi non sono stati ancora assegnati, se non in linea di massima, perch devono essere distribuiti tra i vari parchi archeologici, e, comunque, non sono stati trasferiti per cui, nel breve periodo, si proceder come si fatto negli ultimi anni, anche se con una pi ricca programmazione, e cio con mostre a tema. Sono gi in calendario, per settembre, la mostra Catania dal 1870 al 1940. Cultura, memoria, tutela che racconter, a partire dall'Unit d'Italia, le strutture preposte alla tutela, le vicende urbanistiche, le scelte nel campo dell'archeologia e le scoperte di quelli anni. A dicembre, invece, in programma la mostra Catania greca nella quale sar esposta, tra l'altro, la stipe votiva ritrovata in piazza San Francesco, cio l'insieme degli ex voto interrati nelle immediate vicinanze del tempio greco che si alzava dove ora sorge la chiesa. Eccezionale ritrovamente archeologico finora mai esposto per intero.
A breve, se la Regione metter a disposizione del costituendo museo ulteriori spazi - e magari il miliardo di vecchie lire stanziato e mai speso per l'allestimento alla caserma di piazza Pietro Lupo - potrebbe essere trasferito alla Manifattura, restaurato ed esposto in modo permanente, il mosaico di una basilichetta bizantina ritrovata in via Dottor Consoli, pavimento strappato e ricomposto a Castello Ursino da dove stato tagliato e portato via, prima dell'ultimo, importante, intervento di restauro.


20/07/2011



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news