LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Celio e la devastazione delle ville patrizie
Giuseppe Biamonte
Rinascita 19/7/2011

Un'area di straordinario interesse storico. Il colle che Tacito chiamava Mons Querquetulanus per l'abbondanza di querce
L'urbanizzazione selvaggia dell'ultimo ventennio del XIX secolo fece scempio di ville e statue antiche

Del centinaio di ville urbane che, a partire dal Rinascimento, resero Roma un unicum dal punto di vista del verde, del paesaggio, della cultura e dell'arte, tutte armoniosamente integrate nel tessuto topografico-monumentale di et classica e tardo-antica, nonch irresistibile attrazione per scrittori, artisti, poeti e viaggiatori stranieri, solo una dozzina si salv dalla cementificazione che si abbatt sulla citt nel ventennio successivo alla proclamazione di Roma come capitale del nuovo Regno d'Italia. Tra le sopravvissute, Villa Celimontana ci restituisce, nel suo insieme, un'immagine sufficientemente conforme all'assetto originario del parco dopo il suo ampliamento, avvenuto nella prima met del seicento, fino alle successive trasformazioni degli inizi dell'Ottocento. E proprio riguardo a Villa Celimontana vedremo come, a onta dei riferimenti storici, artistici, archeologici o culturali in genere che dovrebbero essere alla base della toponomastica delle aree di pubblico interesse (a maggior ragione in quelle locali ben circoscritte come la nostra), si sia mortificata la storia locale per interessi di bottega politica o, pi semplicemente, per crassa e presuntuosa ignoranza. Si ricordava la fama che tali monumenti ebbero per i viaggiatori d'Oltralpe, che li considerarono una vera e propria tappa obbligata del loro Grand Tour in Italia. Tracce rilevanti le troviamo nelle opere di autori celebri, quali ad esempio Wolfgang Goethe (Italienische Reise), Stendhal (Promenades dans Rome), Frances Minto Elliot (Diary of an idle woman in Italy), Charles de Brosses (Le prsident de Brosses en Italie) o Henry James (Italian hours). Scrittori, divenuti veri e propri astigrafi dei luoghi da loro visitati, che ci hanno lasciato descrizioni affascinanti e indelebili dello splendore delle ville romane prima della brutale cancellazione della maggior parte di esse per far posto ai nuovi quartieri residenziali che avrebbero accolto, accanto alle lussuose dimore dei parvenu e degli speculatori finanziari, dei rappresentanti della classe politica emergente e dei boiardi del sorgente stato post unitario, anche le ciclopiche insulae riservate ai travet della nuova burocrazia ministeriale. Caso eclatante fu quello della splendida e famosa Villa Ludovisi. Il complesso seicentesco, la cui estensione venne stimata in poco meno di 250 mila m2, fu venduto dagli ultimi proprietari per permettere una gigantesca lottizzazione dalla quale sarebbe sorto il nuovo rione Ludovisi. E a conferma del famoso detto "pecunia non olet" anche la finanza vaticana, nonostante la demonizza-zione clericale del nuovo Stato unitario e la bruciante Questione Romana, entr a piene mani nel gigantesco affare speculativo attraverso l'Unione romana e la Societ Generale Immobiliare. L'epilogo fu la scomparsa definitiva di una tra le pi rilevanti attestazioni artistiche e culturali dell'Urbe, gi definita dai pi celebri viaggiatori del tempo una delle sette meraviglie di Roma. Tornando a Villa Celimontana ne ricordiamo prima di tutto l'ubicazione in un'area di straordinario interesse storico-archeologico: il Celio. Il colle, che Tacito afferma chiamarsi in origine Mons Querquetulanus, per l'abbondanza di querce che vi crescevano, legato alla leggenda che ne narra la conquista ad opera dell'eroe eponimo vulcente Celio Vibenna (il Caile Vipinas della saga etrusca) accorso in aiuto di Tarquinio Prisco. Fu crocevia di importanti percorsi viari e sede di complessi monumentali che dall'epoca repubblicana giungono fino al medioevo e al Rinascimento. Ancora oggi essi costituiscono una tra le mete pi ricercate dal flusso turistico nella capitale e un patrimonio culturale di inestimabile valore. Nelle traversie riguardanti l'urbanizzazione selvaggia dell'ultimo ventennio del XIX secolo anche il Celio ebbe le sue distruzioni. Lungo l'asse dell'antica Via Caelemontana (attuale arteria di Via di S. Stefano Rotondo), fino al limitare dell'odierna Via di S. Giovanni in Laterano, due magnifiche ville patrizie, con ricche collezioni d'arte, furono abbattute per lasciar spazio ai nuovi insediamenti. La prima, Villa Casali, si trovava all'interno dell'area dell'Ospedale militare. Appartenuta alla facoltosa famiglia dei Casali, imparentatisi poi con i marchesi del Drago, essi erano gi grandi collezionisti di opere d'arte alla met del 500. La villa, acquistata dal Comune di Roma nel 1884, a prezzo d'esproprio, fu abbattuta qualche anno dopo per far posto al nosocomio militare. La seconda, Villa Campana, era propriet dei marchesi Campana, il cui nome legato alla ricca collezione di terrecotte, conosciute proprio col nome di "lastre Campana". Essa sorgeva tra Via dei SS. Quattro, l'arteria che porta il nome dell'omonimo complesso monastico che troneggia con la sua poderosa abside sulla propaggine del Caeliolus, e Via di S. Giovanni in Laterano; sul fondo del piazzale d'ingresso il marchese Giampietro Campana vi aveva allestito il Museo delle sculture. Orbene, da tale "fervore" edilizio e dal Piano Regolatore del 1883, Villa Celimontana ne rest fortunatamente fuori. E scamp miracolosamente anche alla cementificazione prevista dal Piano regolatore del 1909, secondo il quale l'area in questione avrebbe dovuto ospitare la costruzione di villini. Si tratt probabilmente di un provvidenziale ripensamento dettato dalle nuove norme sulla tutela delle antichit e belle arti emanate proprio in quell'anno. Immaginiamo che, dall'aldil, anche il fondatore della villa cinquecentesca, Ciriaco Mattei, marchese di Rocca Sinibalda, abbia potuto tirare un sospiro di sollievo. Il nucleo originario della propriet (denominata vigna Paluccelli o Paluzzelli e venduta a Giacomo di Pietrantonio Mattei, suocero di Ciriaco, il 28 settembre 1553) su cui sarebbe sorta la villa pass a Ciriaco Mattei come dote della moglie Claudia Mattei, figlia di Giacomo. La profonda passione e l'amore per la cultura classica che il colto Ciriaco profuse nella nuova fabbrica del Celio trasformarono questa parte sommitale del colle in un luogo di delizie aperto al pubblico di studiosi d'ogni dove; un luogo di meditazione e di riflessione, d'ammirazione e di studio delle opere d'arte inserite nelle architetture del palazzetto o casino (dal 1926 sede della Societ Geografica Italiana) e della scomparsa loggia di S. Sisto, come pure nel lussureggiante viridarium, che doveva richiamare alla mente i giardini di et romana; ma anche luogo di piacevoli e dolci sensazioni suscitate dal canto degli uccelli ospitati nelle due artistiche uccelliere, oggi perdute, fatte costruire accanto al casino. Una percezione di armonia, insomma, dove l'arte, l'architettura e la natura sembravano sublimarsi in modo perfetto. Casino e loggia furono iniziati dall'architetto Giacomo Del Duca, allievo di Michelangelo, e vennero completati da Giovanni e Domenico Fontana, che furono, con ogni probabilit, anche i realizzatori del giardino celimontano per il quale provvidero al trasporto dell'obelisco capitolino ancora oggi visibile nel parco della villa (l'obelisco, dell'epoca di Ramses II, XIX dinastia 12901233 a.C., e proveniente da Heliopolis, che giaceva nei pressi della chiesa dell'Aracoeli in Campidoglio, fu donato dai Conservatori del popolo romano a Ciriaco Mattei nel 1582 e fatto erigere nel 1587 dal nobile mecenate nel parco della villa. L'iscrizione sul nuovo basamento esprimeva la gratitudine di Ciriaco alle munifiche autorit capitoline per il prezioso dono "(...) ut hortorum eius pulchritudo publico etiam ornamentum augeretur"). Noi troviamo ben esplicitato il mecenatismo matteiano e ci che per lui rappresent dal punto di vista ideale la villa, confessando oltremodo la propria prodigalit nelle spese per il complesso celi-montano, nelle parole che lo stesso Ciriaco dett al notaio Ottavio Capogalli per la redazione del suo testamento, effettuato il 26 luglio 1610, quattro anni prima della sua morte: Qual giardino per prima et da quaranta anni sonno era vigna, et io con molta spesa et sollecitudine et tempo l'ho redatto in forma di giardino con averci fatte molte et diverse statue pili tavole intarziate, Vasi, Quadri di pitture et diversi marmi, et fattovi all'anni addietro condurre l'Acqua felice et fattovi varie et diverse fontane et redduttolo in quel buon stato nel quale al presente si trova nel che dico, et confesso realmente haver speso pi di sessanta mila scudi (...) qual giardino stato anco di molta mia recreatione, et trattenimento, et di esercitio di virtuosi et di reputatione non poca della casa essendo visto, et visitandosi giornalmente non solo da personaggi et gente di Roma ma da forestieri con buona lode, et fama il che sia detto senza ostentatione et vanagloria ma solo per la verit et per essortatione delli miei posteri a conservarlo. Una ferrea volont di conservazione, dunque, che porter alla redazione di un dettagliato inventario dei beni della villa, su volont testamentaria dello stesso Ciriaco, e che sar compiuto dal di lui figlio, Giovanni Battista, alla morte del padre avvenuta il 10 ottobre 1614



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news