LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Senza arte n parte
Gabriella Mecucci
Liberal 19/7/2011

Il libro entra subito nel vivo con un duro attacco: Il culto del passato non e mai stato tanto diffuso quanto oggi. Ma ormai universalmente associato al disimpegno e al divertimento
Nel pamphlet di Tomaso Montanari, un excursus su fatti e misfatti originati dal cattivo utilizzo del nostro immenso patrimonio artistico. Fino al clamoroso sbaglio del Cristo ligneo, attribuito per errore a Michelangelo Buonarroti

Mentre i media italiani continuavano a tessere lodi, fu il New York Times a mettere in discussione che la statuetta fosse davvero un Michelangelo comprato dal ministero dei Beni culturali per oltre tre milioni di euro, il famoso Crocifisso ligneo attribuito a Michelangelo, di Michelangelo non . Ormai ne sono convinti tutti. In termini legali viene definito un "incauto acquisto". L'errore compiuto ha molti padri e soprattutto una metafora perfetta del destino dell'arte del passato nella societ italiana contemporanea. Un giovane studioso, Tomaso Montanari, nel dotto pamphlet A cosa serve Michelangelo?, edito Einaudi, analizza pezzo pezzo l'intera vicenda e fa le pulci a tutti: potere politico, religioso, media, studiosi, dirigenti ministeriali. Non c' nessuno - secondo Montanari - che possa chiamarsi fuori. Ma quello che pi interessa all'autore mettere sotto accusa un andazzo ormai molto diffuso che ha ridotto la storia dell'arte a una escort di lusso della vita pubblica. E il libro entra subito in argomento con un attacco bruciante: Il culto dell'arte del passato non mai stato tanto diffuso quanto oggi. Ma quale storia dell'arte stata innalzata all'altare? E chi raccoglie davvero i frutti di questa venerazione: le masse di fedeli che sciamano nei templi o gli avidi sacerdoti che ne gestiscono i riti? A chi serve, a cosa serve, Michelangelo?. E ancora: La storia dell'arte ormai universalmente associata al disimpegno e al divertimento: sui giornali se ne parla per pubblicizzare gli eventi, all'universit ridotta a disciplina ausiliare della cosiddetta scienza del turismo, e nell'immaginario collettivo la si ritiene (nel migliore dei casi) un anestetico di lusso, cio una via di fuga verso le cose belle che consentano di non pensare alla brutta realt. inusuale riportare una citazione tanto lunga. Ma ci che successo negli ultimi 10-15 anni non si potrebbe dire meglio. Tanto vale dunque usare le parole di Montanari. Tutto nasce - secondo il nostro autore - da un errore di tre specialisti, avallato da nomi di studiosi prestigiosissimi. Dunque - aggiungiamo noi - una cosa che pu accadere: anche i migliori sbagliano. Come dimenticare il naufragio di uno storico dell'arte illustrissimo qual era Giulio Carlo Argan contro lo scoglio delle scultore di Modigliani? Nel catalogo della mostra fiorentina del 2004, in cui venne esposto il Crocifisso, di propriet allora dell'antiquario Gallino, tre autorevoli accademici, Giancarlo Gentilini, Luciano Bellosi e Massimo Ferretti sostenevano che il Cristo era frutto della mano di Michelangelo. Lo facevano in modo diverso: qualcuno con sicurezza, altri non senza dubbi. Ma tutti e tre accreditavano quell'ipotesi. Addirittura, quella piccola scultura lignea fu accostata al David in marmo e alla Piet vaticana. All'attribuzione aderirono anche Antonio Paolucci e Umberto Baldini.Un gruppo di personalit a cui era difficile non credere. Il Michelangelo - con tutti quei certificati di garanzia - cominci a girare il mondo come una star hollywoodiana: non c'era chi non lo volesse. E mentre era in corso il trionfale tour, l'antiquario Gallino si dava da fare per ricavare il massimo: il Crocifissino era diventato un business. Inizi una lunga trattativa con lo stato italiano e, nel novembre del 2008 - Bondi ministro - il direttore generale Roberto Cecchi fece una richiesta d'acquisto per 3 milioni e 250mila euro. Qualche giorno dopo l'affare era bello che concluso. Comportamento ineccepibile quello del ministero? Secondo Montanari no. Ma prima di arrivare a Bondi, c' dell'altro. Ci sono i "peccati" del comitato scientifico che dette parere positivo ad aprire la trattativa (il parere non vincolante), purch avvenga a condizioni economiche compatibili con la sua non documentabile attribuzione a Michelangelo. I suoi quattro componenti sono di assoluta qualit e la loro parola vale parecchio non solo istituzionalmente, ma anche sul piano culturale. Il diavolo per quando decide di metterci la coda, lo fa sino in fondo. Fra i "saggi" del comitato (Marisa Dalai Emiliani, Caterina Bon Valsassina, Carlo Bertelli e Orietta Rossi Pinelli, nominati da Rutelli) non ce n', infatti, nessuno che possa essere considerato uno specialista di scultura quattro-cinquecentesca. Avrebbero dovuto ascoltare il parere di superesperti? Pu darsi, ma nel 2004 erano stati proprio tre superesperti ad attribuire il Cristo a Michelangelo. Certo che la statua fosse del Buonarroti non c'era uno straccio di carta a confermarlo. Ma le attribuzioni spesso sono legate solo all'occhio dello studioso. E molti occhi importanti sino ad allora avevano avallato che la statuetta era di Michelangelo. In dicembre, un Bondi trionfante decise di spettacolarizzare l'acquisto: convoc per il 12 una conferenza stampa all'Ambasciata d'Italia presso la Santa Sede, mobilitando cos anche le massime gerarchie ecclesiastiche: il 13 l'avrebbe ammirata il Papa in persona. Un lancio, insomma, in grande stile con il ministro accompagnato dal direttore generale Cecchi, dalla proponente Cristina Acidini, dal direttore dei musei vaticani, Paolucci. E con due critici presenti che - si suppone - fossero d'accordo con l'operazione: Quintavalle e Sgarbi. Fu un colpo d'immagine straordinario. In Italia il 13 dicembre e i giorni immediatamente successivi divent quella la notizia pi importante. Del Crocifissino si parlava anche nei bar come di un gol di Totti. Lentamente la grande montatura cominci a smontarsi. E, incredibile a dirsi, mentre i media italiani continuavano a intonare le lodi, tocc al New York Times mettere in discussione che la statuetta finita in tutti i Tg e sulle prime pagine della stampa fosse davvero un Michelangelo. Nessun dubbio invece trapel sui giornali italiani. Scrissero Le Monde e El Pais dando spazio alle diverse opinioni sull'attribuzione. Criticarono inoltre l'operazione di propaganda ministeriale come eccessiva e strumentale. Da noi invece silenzio su tutto. Solo qualche articolo sulle pagine fiorentine di Repubblica e del Corriere della Sera. Sgarbi, che pure era presente alla conferenza stampa del 2008, batt un colpo: scrisse sul settimanale Oggi di non essere mai stato d'accordo con l'attribuzione a Michelangelo. E cos dopo politici, dirigenti ministeriali, gerarchie ecclesiastiche, Montanari si scaglia anche contro media e studiosi. L'obiettivo di fondo - come si diceva - del pamphlet non per solo l'operazione d'acquisto del Cristo ligneo, ma il bersaglio grosso del mercimonio che ormai si fa dell'arte, diventata spettacolo a buon mercato, fruizione e non ricerca, divertimento e non cultura: ormai quadri e sculture italiane girano per il mondo come ballerine. Ormai non si realizzano pi mostre che nascano da studi approfonditi, che rileggano un autore o un periodo, o una corrente pittorica. Adesso si spedisce "il pezzo unico", il capolavoro "decontestualizzato". Oppure si costruisce una grande rassegna che dietro non ha null'altro che un'operazione politica o d'immagine. E niente di scientifico. Montanari implacabile e forse in alcuni momenti anche ingiusto col suo bacchettare a destra e a manca. Ci sono nel suo libro degli eccessi e, per altro verso, alcune mancanze. Ma non c' dubbio che la critica di fondo giusta. Che l'enorme patrimonio artistico italiano non possa essere vissuto e usato solo come uno spot pubblicitario per agganciare gli industriali di chiss quale parte del mondo, o per celebrare un ministro, o anche peggio, del tutto condivisibile. Montanari vede dietro questi comportamenti la teoria del moto perpetuo del capolavoro, targata Mario Resca, manager di successo messo da Berlusconi al ministero, perch l'arte serva a fare buoni affari. Addio per sempre ai tempi in cui si discuteva se era il caso o no di far sbarcare in America la Piet di Michelangelo o di spostare un Leonardo da Vinci. Adesso, si alimenta senza proferire verbo una sorta di"Disneyland mondiale". Ormai tutto un fiorir di mostre in giro per l'Italia e per altri Paesi, spesso inutili e qualche volta dannose perch fuorvianti. L'altra faccia di questa medaglia che ogni comunit locale rivendica per s - perch l stato ritrovato - qualsiasi pezzo ritenuto pregiato ed esposto nel museo della citt pi vicina. A Perugia stato tolto dall'Archeologico una splendida statua di Germanico e rispedita"in patria", ad Amelia, dove dimora triste e sola in tre stanzette tutte per lei. E perch gli amerini l'hanno rivoluta? Perch cos - intorno alla scultura - sarebbe cresciuto un nuovo turismo. Nulla di tutto ci naturalmente avvenuto. successo solo che chi va all'Archeologico di Perugia non ha pi la possibilit di vedere il Germanico. La scelta demagogica di soddisfare la richiesta della comunit locale la fece il ministro Melandri. Cos per si "smembrano" i musei. E poi c' la teoria dell'uso del bene culturale come luogo per "eventi", dei cui eccessi giustamente Montanari si lamenta. Ma la cultura vissuta non come ricerca, ma come tempo libero non un'invenzione n di Rutelli, n del centrodestra, ma di colui che all'epoca era considerato il golden boy di Botteghe Oscure: Veltroni, padre della riforma del ministero dei Beni culturali. Sull'argomento ha scritto parole definitive Salvatore Settis nel suo Italia Spa: Gi il nuovo nome riflette, volens nolens, l'idea che i beni di per s sono ben poca cosa, se non dinamizzati nel contesto di attivit; suggerisce che i musei sono meno importanti delle mostre, che il Colosseo meglio con un po' di son et lumire, che le piazze d'Italia sono belle se ospitano concerti e sfilate di moda. E ancora: La legge istitutiva del nuovo ministero attribuiva al ministro dei Beni e delle attivit culturali anche tutte le competenze sullo spettacolo e sullo sport. L'idea era di rimpolpare il magro carnet de bal: magro, s'intende, se avesse contenuto solo musei e monumenti. Settis ha compreso e fotografato alla perfezione da dove origina l'eventomania. il veltronismo che "fonda" la cultura prt--porter. facilmente trangugiabile, vendibile e consumabile. Da allora, stato un continuo scivolare gi per la china. Eppure, dovr pur esserci un modo equilibrato di ammirare e di vivere il pi grande patrimonio culturale del mondo?



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news