LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Qualit dellarchitettura. Il Parlamento superi il nodo-competenze
Mauro Salerno
Il Sole 24 ore - Progetti e concorsi 18/7/2011

Pronti via: la proposta di legge per la qualit dell'architettura appena sbarcata alla Camera con il numero 4492 si prepara ad affrontare un iter complesso anche perch di certo non soffrir per la solitudine. Il testo frutto dell' iniziativa lanciata in autunno da Progetti e Concorsi e sostenuta da centinaia di lettori non l'unico in Parlamento sul tema del rilancio dell'architettura e della qualit dei progetti di trasformazione del territorio. Sono quasi dieci anni che il tema riaffiora con andamento carsico nelle aule di Montecitorio e Palazzo Madama. Con iniziative legislative promosse da ministri di entrambi gli schieramenti. A partire da Giovanna Melandri cui si deve una proposta avanzata nell'ormai lontano 1999, rilanciata da Giuliano Urbani nel 2003 e ripresa nel disegno di legge presentato dall'ex ministro per i Beni culturali, Sandro Bondi, nel 2008. Per lo pi progetti-manifesto privi di una reale capacit di incidere sul mercato della progettazione e finiti in uno dei cassetti delle tante commissioni parlamentari. Formalmente anche un fatto di competenze. Finora l'iniziativa di rilancio dell'architettura contemporanea sempre stata considerata un'operazione prima di tutto culturale e dunque di appannaggio del ministero di tutela. Peccato che per di fatto ognuna di queste iniziative riguardi opere pubbliche, e dunque appalti, e dunque materia riservata al ministero delle Infrastrutture. Risultato? Finora i progetti di legge sull'architettura non si sono spinti oltre l'enunciazione di obiettivi di principio. E il tema della qualit della progettazione rimasto ai margini del dibattito che ha condotto all'elaborazione del codice dei contratti e del regolamento attua-tivo in vigore dall'8 giugno. Ora sarebbe il caso di cogliere l'occasione offerta dalla presentazione di questa nuova proposta di iniziativa "extra-parlamentare" per far saltare gli steccati. Le premesse ci sono: grazie soprattutto al consenso bipartisan che ha permesso di apporre in calce alla proposta di legge le firme di parlamentari dei principali schieramenti di Montecitorio. Forse la strada migliore per arrivare davvero all'approvazione sarebbe quella di riunificare le proposte in campo: quelle nate con l'obiettivo di fissare dei principi generali e quelle, come la nostra, pensate per scardinare le resistenze e rompere l'attuale assetto del mercato. Per farlo bisogna, per una volta, andare oltre i cavilli giuridici e superare gli steccati delle competenze: da una parte i Beni culturali, dall'altra le Infrastrutture. Puntando a fare in modo che entrambi i ministri possano dire la loro e promuovere un'iniziativa capace di riscuotere un connesso trasversale, anche fuori dalle aule di Montecitorio, tra i costruttori, progettisti, associazioni e cittadini. questa la sfida che attende ora il Parlamento.
I 5 PUNTI CHIAVE
Un mercato vero, fatto di concorrenza e attenzione alla qualit dei progetti. Ma soprattutto pi mercato per i professionisti, con l'obiettivo di innovare e innalzare la qualit delle realizzazioni, facendo largo a giovani e piccoli studi, puntando su concorsi e gare trasparenti. la formula che guida la proposta di legge per l'architettura
1 UN MERCA VERO. Fare buoni progetti una professione. No alle commissioni dei progettisti con le pubbliche amministrazioni.
2 STOP ALLE TRATTATIVE
Gli incarichi fiduciari sono il crocevia dei conflitti di interesse: Devono essere vietati sopra i 40mila euro
3 PROGETTO AL CENTRO
Le selezioni devono consentire di discutere il merito delle proposte. Basta a offerte a scatola chiusa, s ai concorsi di progettazione
4 LARGO AI GIOVANI
Via le barriere per i concorsi. Requisiti solo per lincarico con possibilit di associarsi dopo laggiudicazione. Il vincitore mantiene il ruolo di capo-progetto
5 CANTIERI CERTI
Dopo i concorsi si deve passare al cantiere. Azione di responsabilit con l'ipotesi di danno erariale da far vagliare alla Corte dei Conti

COMMA PER COMMA
Art. 1
Principi generali
L'architettura diventa una disciplina tutelata dalla Costituzione.
Art. 3
Commi 1 e 2 Freno alle trattative private
Gli incarichi sono possibili solo sotto i 40mila euro. Le deroghe vanno autorizzate dall'Autorit di vigilanza sui contratti pubblici.
Comma 3 Spazio ai concorsi Il concorso di progettazione deve diventare la via prioritaria per l'affidamento delle opere pubbliche. Il ricorso ad altre procedure deve essere autorizzato dall'Autorit.
Comma 4 Stop agli appalti mascherati No a ogni forma di aggiramento della concorrenza a partire dalle convenzioni della Pa con Universit, enti di ricerca e Onlus. Comma 5 Advisor per i concorsi Nasce la figura del consulente-specialista in grado di supportare l'amministrazione nell'organizzazione e la gestione del concorso.
Commi 6 e 7 Il fatturato non conta Ai concorsi, anche a quelli in due gradi, si partecipa solo con il progetto. Se chi vince non ha i requisiti tecnici ed economici deve associarsi con un "esperto". Il vincitore del concorso mantiene il ruolo di capo-progetto e responsabile nei confronti della stazione appaltante. I concorsi di progettazione sono indetti allo scopo di attribuire al vincitore l'incarico delle progettazioni definitiva ed esecutiva dell'opera.
Comma 8 Progetti senza sorprese La progettazione un processo unitario che parte dal preliminare e arriva fino in cantiere. importante che tutte le funzioni siano affidate allo stesso professionista che deve poter dire la sua sulle eventuali varianti.
Comma 9 Giurie Nelle giurie devono essere sempre presenti almeno due componenti esterni all'amministrazione. A uno dei quali anche affidato il compito di presiedere la commissione.
Art. 4 In gara vince la qualit Nella valutazione delle offerte la commissione deve riconoscere un punteggio maggiore all'offerta progettuale rispetto al curriculum, al prezzo e al tempo di esecuzione.
Art. 7 Freno all'appalto integrato Deve essere limitato a opere particolarmente complesse da un punto vista tecnologico e di importo inferiore a 500mila euro o superiore a 20 milioni. No alle gare di lavori sul preliminare Consentono troppa libert alle imprese con conseguenti lievitazioni dei costi delle opere. Progettista non condizionabile Negli appalti integrati necessario rendere obbligatorio il pagamento diretto del progettista da parte della stazione appaltante.
Art. 8 Basta con la progettazione interna Ribaltiamo il principio del codice appalti, la prima scelta il mercato. Alla pubblica amministrazione resta il compito di programmare e vigilare. Allo stesso modo devono essere vietati o limitati al massimo gli incarichi in house alle societ collegate.
Art. 9 Niente libro dei sogni Ogni opera inserita nel programma triennale delle amministrazioni deve essere dotata almeno del documento preliminare alla progettazione a prima garanzia della fattibilit.
Art. 10 Cantieri certi Se un progetto selezionato con procedure concorsuali non viene realizzato i funzionari possono essere chiamati a rispondere di danno erariale (tranne per casi indipendenti dalla volont dell'amministrazione).



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news